Parte il progetto dedicato all’ambiente “Armamari, my creativity for land”

Partirà il prossimo  weekend il progetto denominato: “Armamari, my creativity for land” dedicato all’ambiente nel contesto della settimana europea per la riduzione dei rifiuti. La manifestazione che aprirà i battenti sabato alle ore 11,  si svolgerà tra il 22 novembre e il 2 dicembre, nel quartiere Montepellegrino presso l’Arsenale della Marina Regia nell’omonima via, sede della Soprintendenza del Mare (Assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana), e vedrà il coinvolgimento anche di Rap.

Tra gli obiettivi dell’iniziativa:  fare rete con tutte le realtà virtuose che operano per il bene comune ambientale, educare i giovani attraverso la scuola sull’importanza delle azioni del singolo per proteggere l’ambiente, diffondere la cultura del riuso e dell’eco-sostenibilità.È proprio in questa ottica che si snodano diverse attività tutte concentrate presso la sede della Soprintendenza del Mare.

Parte delle tematiche saranno trattate e rappresentate attraverso mostre fotografiche, filmati, ed opere realizzate da artisti con materiale di riciclo, presentazioni di libri, spot pubblicitari ed altri eventi a tema.

Docenti, esperti ed operatori del settore si confronteranno in conferenze e dibattiti sul tema della riduzione dei rifiuti.

A illustrare l’iniziativa le promotrici  del coordinamento cittadino “Armamari”  Claudia Villani e Rosanna Ferrara: “Armamari, perché la
creatività è come il mare, che accoglie tutto, e tutto rigenera, e mette in relazione; è fonte di cibo e ricchezza, di scambi  e cultura. E’ un progetto che ha voluto riunire diversi talenti che condividono un comune intento: volere portare avanti un cambiamento consapevole e proficuo per la nostra città mettendo al primo posto l’ambiente in cui viviamo e la qualità della vita, nella convinzione che il cambiamento del nostro ambiente può avvenire solo a partire dal nostro cambiamento individuale imparando a collaborare, ognuno con le proprie peculiari caratteristiche,  cittadini, associazioni realtà commerciali e istituzioni con uno scopo comune”.

“Questa iniziativa – dicono il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore all’Ambiente, Cesare Lapiana – vede ancora una volta insieme enti pubblici, rappresentanti istituzionali, associazioni ed enti del Terzo settore e semplici cittadini, tutti consci della necessità di un cambio radicale nei comportamenti di tutti e di ciascuno per ridurre sempre più i rifiuti e diffondere la cultura del riuso e del riciclo.
E’ anche questo un segno tangibile del risveglio sociale e culturale della città, trainato dalla ritrovata qualità dell’attività dell’Amministrazione comunale e delle sue Aziende”.

“La Rap – aggiunge il Presidente Sergio Marino – riconosce il valore fondamentale dell’educazione ambientale, pertanto, condivide e sposa
in pieno gli obiettivi dell’evento. E’ importante –continua – divulgare, dibattere e confrontarsi sulle problematiche ambientali affinché si possano sviluppare nei cittadini i comportamenti quotidiani volti al rispetto e alla tutela del territorio per il suo decoro”.

Il progetto “Armamari “punta, dunque, sull’arte, sulla genialità in una prospettiva “Etica” della tutela ambientale”.

L’ottica dell’ARTE vista  come araba fenice che  rinasce attraverso la trasformazione  del rifiuto in bellezza , trasmettendo proprio la voglia di rinascere dalle proprie ceneri, e  che si fa portavoce di una necessaria trasformazione alchemica. In questo momento storico, favorisce in ognuno di noi una nuova presa di coscienza del nostro modo di vivere e di relazionarci con i nostri simili e con l’ambiente che ci circonda. Nel contempo l’Arte esposta viene intesa come strumento di  produttività proprio perché capace di trasformare in risorsa  i nostri rifiuti,  come promotrice di nuova vita in questo momento di profondo oscurantismo, come valore terapeutico che  permette, attraverso il gesto creativo, di “recuperare” sia  la
materia che la fiducia in se stessi, e ancora Arte come regalo di  una pausa per fermarsi e per riflettere su come trattiamo questa terra.

Quando l’Arte,  messaggera dello spirito degli uomini  in grado di raggiungere  il cuore, incontra la felice disposizione d’animo del singolo che ama e rispetta l’ambiente in un momento di vera produzione artistica, si crea un singolo talmente potente che , come la prua di una nave che apre il mare,  squarcia il tetro velo dell’indifferenza sociale  e inonda l’ambiente  di una fresca ventata di innovazione salvifica.

Di seguito i soggetti che,  oltre a Rap,  partecipano all’iniziativa:
La Soprintendenza  Regionale  del Mare, il Comune di Palermo,  il consigliere dell’ 8°circoscrizione, Eddy Governale, l’Associazione Laboratorio Sud, La bottega del Si, l’Associazione culturale. CreativOrizzonti con gli studenti del Liceo Artistico di Bagheria, l’Associazione Teatro dei diritti, l’Associazione VIP gli artisti invisibili  della ASP 6 salute mentale, Patrizia Passalacqua, il Comitato per il Bene Cittadino, il comitato  Palermo più  verde e più pulita, Palermo ambiente ATO pa3, l’ Associazione  ComeUnaMarea onlus, Associazione Culturale Marida , Ferdinando Provenzano, , WWF Palermo, coop Palma Nana, educazione ambientale,  Zero Waste  Sicilia, Liberambiente,, Comitato Vegan Med, Cefalù, Associazione AMORlab, Legambiente circolo “Naturalmente Sicilia” Centro Studi sulla comunicazione Anghelos, Associazione Culturale La Mala Casa,Centro diurno ASP di Trapani Tempo di Volare, Associazione Onlus ASTARTE, Cinema Igea Lido, Multisala Aurora,  Cinema Metropolitan, cinema Arlecchino, Agenda 21 locale Assessorato alla Partecipazione, RAP spa, Luan Natura si. Ari Ecoidee, Ombelico del mondo Luppolo, Associazione Teatro dei Diritti, Associazione Vip.