Paride Benassai e Marcello Mandreucci ospitano Gianni Nanfa a “Zero in condotta”

Non è mai troppo tardi per tornare a scuola una sera, con le lezioni e le interrogazioni a saltare di due improbabili docenti, con un vero professore a fare quasi da ospite-vittima.

Viaggia tra teatro e improvvisazione, tra ricordi e nostalgia, tra sorrisi e serietà “Zero in condotta”, il format del martedì, in scena il 24 febbraio alle 21 al Dorian in piazza Don Bosco.

Marcello Mandreucci e Paride Benassai, nel ruolo di due insegnanti di scuola – rispettivamente di un docente di filosofia poetica, filastrocche, gorgheggi e cazzeggio e di un professore di storia della musica e tempo perso, già ex consulente del Assessorato Regionale dello Sparagno – si divertiranno con gli alunni-spettatori tenendo una improbabile lectio magistralis intorno ai ricordi e alle riflessioni legate a un siciliano illustre che sarà loro ospite. Ritratti di simpatiche e piacevoli figure che hanno attraversato e attraversano il nostro immaginario collettivo.

Si ritorna quindi alla lavagna, in una sorta di laboratorio scenico, unito al vasto repertorio teatrale e musicale dei personaggi presenti sul palcoscenico e alla loro innata capacità di sapere improvvisare.

L’ospite della settimana sarà Gianni Nanfa, che racconterà la sua vita, partendo dalla sua esperienza reale da insegnante di scuola.

«Non è uno spettacolo solamente – dicono Paride Benassai e Marcello Mandreucci – perché il pubblico si sente realmente coinvolto in una dimensione di ritorno a scuola, dove, con cazzeggio, per esempio, si interroga i presenti sulla vita dell’ospite. Gli anni del liceo sono sempre stati i più belli nella vita di una persona».

Ingresso a partire dalle 19,30. Per prenotare un tavolo telefonare allo 091 508 9722 o al  380 798 0615.