giovedì, 18 Luglio 2024
spot_img
HomePalermoParco a mare allo Sperone: il consiglio comunale di Palermo approva il...

Parco a mare allo Sperone: il consiglio comunale di Palermo approva il progetto

È stato approvato ieri sera in consiglio comunale, convocato presso la Sala Martorana di Palazzo Comitini, il Progetto “Parco a Mare allo Sperone” per un importo di 18.491.106,57 con fondi PNRR.
Questo è il primo dei 4 progetti finanziati che il consiglio ha esitato favorevolmente in attesa che a breve arrivino gli altri tre progetti: 1) Riqualificazione ecocompatibile del lungomare Bandita; 2) Riqualificazione del Porto della Bandita ed Aree Portuali; 3) Contratto di Fiume e di Costa Oreto.

Il convegno si è svolto alla presenza di circa 1000 persone a testimonianza dell’interesse per la costa sud di Palermo e tra queste, del Presidente della Regione On. Renato Schifani, dell’Assessore Regionale alle Infrastrutture On. Alessandro Aricò, dell’Assessore Regionale alle Attività Produttive On. Edy Tamajo, del  Sindaco Prof. Roberto Lagalla, del ViceSindaco On. Carolina Varchi, dell’Assessori All’Urbanistica Prof. Maurizio Carta, dell’Assessore Mare e Coste Andrea Mineo, di tanti  consiglieri comunali e di Circoscrizione, del Presidente dell’Autorità Portuale Sicilia Occidentale Dott. Pasqualino Monti, del direttore Zone Zes Ing. Messina, del Direttore Arpa Sicilia Dott. Vincenzo Infantino, di esponenti dell’Università di Palermo, del Prof. Vincenzo Arizza Direttore Stebicef, della Capitaneria di porto di Palermo, di molte associazioni ambientaliste tra le quali Fare Ambiente ed Associazione Mare Vivo, di una delegazione di tutte le scuole della II Circoscrizione e di tantissimi cittadini residenti nel territorio.
Nel corso del convegno sono state evidenziate anche le tre opportunità favorevoli: a) fondi PNRR circa 70 Milioni, b) Progetti di fattibilità c) le aree della fascia-Costiera rientrano nelle Zone Zes.

«Con l’approvazione in Consiglio comunale del progetto del Parco a mare dello Sperone, finanziato con fondi Pnrr, l’amministrazione consegue un importante risultato nell’ambito dell’ambizioso progetto di rigenerazione della Costa Sud.
Questo è solo uno dei piani per far rinascere quest’area, deturpata dall’oltraggio del sacco di Palermo perché è qui che veniva depositato il materiale di risulta.
Ringrazio l’Aula per l’apporto e l’approvazione di ieri sera, gli uffici e la cabina di regia che ho voluto sui fondi extra-comunali che ci sta permettendo di correre su progetti strategici e di non perdere risorse fondamentali per la città, l’assessore alle Politiche ambientali Andrea Mineo e l’assessore alla Rigenerazione urbana Maurizio Carta, che stanno seguendo da vicino i progetti, e il commissario Zes Carlo Amenta e i suoi uffici che stanno dando un prezioso e tangibile contributo per raggiungere l’obiettivo».
Lo dichiara il sindaco, Roberto Lagalla.  

Giornata storica per tutti i palermitani, dopo circa 50 anni, dopo la devastazione, distruzione e deturpazione della costa -Sud, che rappresentava l’unico litorale dove sostare e soggiornare nel periodo estivo in quanto erano presenti molti stabilimenti balneari Bagni Petrucci, Bagni Virzi, Bagni Italia e ristoranti come Spanò e Santopalato e dove era presente una delle cantine migliori d’Italia quella di Renato, finalmente parte il primo progetto di riqualificazione.
Da tanti anni mi occupo della riqualificazione della zona organizzando eventi e circa 10 convegni per la bonifica e la riqualificazione della fascia Costiera, di cui l’ultimo organizzato come sempre dal Centro Studi “Ernesto Basile” – dal titolo – Costa-Sud Turismo EcoSostenibile “Partiamo” – svoltosi  il 19 Maggio 2023 presso Hotel San Paolo Palace di Via Messina Marine, dove l’arch. Salvo Saladino  ha illustrato anche con video lo stato attuale della fascia costiera e come diventerà dopo la realizzazione dei lavori.
Nella mia qualità di Presidente della VII Commissione Consiliare, non posso che essere soddisfatto per l’approvazione di questo primo progetto, in attesa che arrivino gli altri tre per la dovuta approvazione in consiglio comunale. La riqualificazione della costa sud di Palermo avrà una ricaduta fortemente positiva su tutta la città in termini sociali, economici, turistici, occupazionali e per gli imprenditori». Lo dichiara il consigliere Pasquale Terrani, presidente della VII Commissione consiliare.

“Il consiglio approva il progetto del “Parco a Mare allo Sperone” permettendo la prosecuzione dell’iter, nel tentativo di correre per non perdere i finanziamenti. Un lavoro scrupoloso di correzione e integrazione del progetto è stato fatto dall’opposizione che è riuscita a farsi ascoltare da maggioranza e amministrazione comunale. Purtroppo però, non siamo stati messi nelle condizioni di esprimere un parere positivo perché il progetto presentato al consiglio ha molti limiti e non interviene né sulla riqualificazione ambientale né sulla balneabilità e sui servizi per garantirne la fruizione. Temiamo che tali limiti possano compromettere sia la qualità del risultato finale, sia la capacità di non perdere il finanziamento.
Infatti, se non si raggiungerà l’ogv, cioè il collaudo dell’opera, entro giugno 2026, il finanziamento pnrr sarà perso, con il rischio di pregiudicare il piano di riequilibrio del comune di Palermo. Un progetto di fattibilità come è questo, va inevitabilmente incontro a imprevisti e varianti, che la costa sud e la città di Palermo non possono permettersi. Sarebbe un’occasione mancata che potrebbe tradursi in un danno enorme per Palermo.
Incroceremo le dita sperando che non succeda e saremo tra i maggiori tifosi che il recupero della Costa sud si realizzi per restituire ai cittadini uno dei tratti più belli del litorale”. Lo dichiarano, in una nota congiunta, i consiglieri dei gruppi di opposizione Progetto Palermo, PD, M5S, OSO e del Gruppo Misto.

«Apprendo con molta soddisfazione l’accordo raggiunto in Consiglio comunale sulla delibera per il Parco a Mare dello Sperone, che vedrà cambiare il volto di una zona con una innovazione che si può definire epocale per il rilancio della Costa Sud. Un parco a mare con servizi e tanto verde, fruibile per i cittadini, che vedrà cambiare il volto di una porzione di città per tanti anni martoriata da dimenticanze istituzionali che hanno favorito un degrado culturale che nei fatti, con questa svolta, verrà invertito. Altresì è già pronto il progetto esecutivo per il ripristino del Parco Libero Grassi che ricade sul territorio di Acqua dei Corsari, avamposto iniziale di quella litoranea detta Costa Sud per chi si immette uscendo dall’autostrada in città e si estende per 7 km fino al limite di Sant’Erasmo. Voglio ringraziare pubblicamente l’assessore Mineo per l’interesse profuso nell’avanzamento dei lavori che ricordiamo erano fermi da anni». Lo dichiara Giuseppe Federico, presidente della II Circoscrizione.

«L’approvazione ieri sera in consiglio comunale del progetto per la realizzazione del Parco a mare allo Sperone, finanziato col Pnrr, è un passo decisivo per la riqualificazione della costa sud di Palermo che cambierà volto.
Aree verdi, parcheggi, campi sportivi, piste ciclabili e percorsi pedonali rilanceranno una porzione della città che in passato è stata deturpata e che potremo finalmente restituire ai
palermitani.
Un risultato straordinario raggiunto grazie al lavoro dell’amministrazione comunale, degli uffici e del consiglio comunale in cui maggioranza e opposizione hanno saputo lavorare insieme per il bene dei palermitani».
Lo dichiara Dario Chinnici, capogruppo di “Lavoriamo per Palermo” in Consiglio comunale.

«La commissione urbanistica, di cui sono componente, si è distinta per l’attenta disamina della proposta e per l’elaborazione di alcuni emendamenti, votati dal consiglio comunale, che danno un input preciso agli uffici in merito alle linee guida da seguire per la redazione del progetto esecutivo, con particolare riferimento alla tutela della componente ecologica, ambientale e paesaggistica al giusto rapporto fra le superfici destinate al ai parcheggi e il verde, alla migliore fruizione da parte dei cittadini dell’intera area, con attenzione alla tutela delle esigenze dei cittadini diversamente abili». Lo ha dichiarato il consigliere Leopoldo Piampiano, componente della commissione Urbanistica, che ha espresso «soddisfazione» per l’approvazione del progetto di fattibilità tecnico/economica del parco a mare allo Sperone.

«Dopo un faticoso anno di lavoro, abbiamo portato in aula il più importante e strategico dei quattro progetti della Costa Sud.
Un risultato non affatto scontato che l’amministrazione riesce a raggiungere grazie anche all’instancabile lavoro degli uffici e all’apporto della struttura commissariale delle Zes guidata dal professore Carlo Amenta.
Con questi interventi cambieremo il volto di circa un chilometro e mezzo di costa e di via Messina Marine, offrendo una serie di servizi e di sviluppo non solo al quartiere, ma a tutta la città.
Confidiamo nella sensibilità, dimostrata già ieri, del Consiglio comunale per compiere anche gli altri passaggi che arriveranno, ovvero il consolidamento dell’approdo della Bandita, lungomare della Bandita e la riqualificazione ecosostenibile della foce dell’Oreto».
Lo dichiara l’assessore alle Politiche ambientali, Andrea Mineo.

«La presenza in aula del Sindaco, per l’approvazione in Consiglio Comunale dei progetti sulla Costa Sud e della variante urbanistica per la realizzazione del Parco a mare dello Sperone,  rappresenta la ferma volontà di questa Amministrazione di sviluppare, con utili e necessarie opere, le grandi potenzialità che la Costa Sud possiede e che le consentiranno di diventare volano di economia, con grande giovamento per Palermo e per il tessuto imprenditoriale che vorrà investire nel territorio della Seconda Circoscrizione.
Il serio percorso intrapreso all’inizio di questa consiliatura inizia a far vedere i suoi frutti e permetterà di riconsegnare un importante tratto di costa ai cittadini palermitani, restituendo alle future generazioni ciò di cui le passate ci hanno privato».
Lo dichiara il consigliere della 2ª Circoscrizione, Giuseppe Piazzese.

“Grazie all’impegno dell’amministrazione attiva si porta oggi a segno un risultato importante nell’ambito della riqualificazione complessiva della Costa Sud di Palermo. L’approvazione in Consiglio comunale della delibera riguardante la realizzazione del parco a mare allo Sperone è la prima di una serie di atti deliberativi che il Consiglio comunale affronterà da qui alla fine dell’anno. Si rispettano i tempi stabiliti nel cronoprogramma che ci permetteranno di non disperdere tutte le risorse, garantendo la realizzazione degli interventi e delle opere di riqualificazione tanto attesi dalla città. Nel nostro programma elettorale vi era questo chiaro impegno di rigenerazione di una vasta area della città, da troppo tempo abbandonata. Manteniamo gli impegni con gli elettori, Palermo finalmente riparte”. Così dichiarano i consiglieri di Fratelli d’Italia Giuseppe Milazzo, Teresa Leto, Germana Canzoneri, Natale Puma, Antonio Rini, Tiziana D’Alessandro e Francesco Scarpinato.

CORRELATI

Ultimi inseriti