Pallanuoto, il Telimar conferma il tecnico palermitano Ivano Quartuccio

Seguirà ora una campagna di potenziamento dell’organico per affrontare adeguatamente la sfida in A1, con massima attenzione sia al mercato italiano che a quello straniero

Ivano Quartuccio - Telimar

Esauriti i festeggiamenti per la promozione, il TeLiMar conferma il trentottenne Ivano Quartuccio alla guida della prima squadra societaria che militerà nella prossima stagione sportiva 2019/2020 nel Campionato di Serie A1. Seguirà ora una campagna di potenziamento dell’organico per affrontare adeguatamente questa sfida, con massima attenzione sia al mercato italiano che a quello straniero.

Ivano Quartuccio, Allenatore TeLiMar: «Da uomo TeLiMar fin dalla più tenera età, non posso che essere entusiasta per questa nuova sfida. È solo grazie agli sforzi della società che quest’anno siamo riusciti tutti insieme a conquistare la promozione: era nell’aria da tempo, ma abbiamo iniziato a crederci davvero già dalla scorsa estate, quando sono stati apposti i giusti tasselli per strutturare una squadra perfetta per il salto di categoria. È stato un onore per me poter traghettare questo gruppo verso la A1 ed è per me una grande responsabilità l’essere confermato alla guida della prima squadra in una stagione che si prospetta lunga, stressante e faticosa, ma altrettanto stimolante e ricca di opportunità. Ringrazio il Presidente Giliberti per la passione che lo muove e che trasmette ad ognuno di noi: giocatori e allenatori passano, la mentalità vincente TeLiMar resta ed è questa che ci porterà a rinforzare ancora di più la squadra, in modo che possiamo affrontare al meglio la A1. Dopo averla sudata e conquistata insieme ai ragazzi, non vedo l’ora di cominciare. Per quanto riguarda le giovanili, un settore su cui il Club punta da sempre, con orgoglio posso dire che resterò come supervisore, perché sposo appieno il pensiero della dirigenza secondo cui non possiamo permetterci di tralasciare le nuove leve poiché sono la base per costruire la squadra del futuro».

Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar: «Entusiasti per la promozione in serie A1, guadagnata davanti ad oltre 1800 appassionati spettatori che siamo riusciti ad emozionare, ci stiamo via via sempre più rendendo conto di avere compiuto un’impresa che ha coinvolto tutta la città di Palermo, che ormai ci segue stabilmente con grande trasporto. Tutto ciò, insieme ad una serie di partner che abbiamo vicini – uno dei quali probabilmente diventerà nostro main sponsor – ed all’Amministrazione Comunale con in testa il Sindaco Leoluca Orlando che ci sostiene da anni, ci dà la forza per guardare avanti con grande umiltà, ma anche con il giusto orgoglio e la giusta ambizione per impegnarci a strutturare una squadra che possa permanere definitivamente in A1. Il primo passaggio da consumare era quello relativo all’allenatore. Inizialmente avevamo immaginato, condividendo l’intero ragionamento con lui, di affidare al nostro tecnico Ivano Quartuccio il coordinamento del settore giovanile e il ruolo di aiuto allenatore della nostra prima squadra. Di fatto, però, ci siamo alla fine resi conto che la situazione più idonea per affrontare questo difficile Campionato era puntare su questa nostra importante risorsa interna, che ha ripetutamente dimostrato grandi capacità, nonché di essere totalmente fidelizzato con il nostro Club. Affidare la guida della nostra squadra di A1 a questo nostro bravo tecnico, cresciuto sin da piccolo nei vari ruoli della nostra società, è per me motivo di grande orgoglio, nonché una scelta coraggiosa e coerente con il modo in cui abbiamo costantemente in passato approcciato tutte le nostre attività societarie, con in testa quelle del nostro Club dell’Addaura: uno dei cui motivi di grande successo, infatti, è la costante valorizzazione delle nostre giovanissime risorse umane locali, che sono il nostro vero punto di forza. Troveremo successivamente con calma un assetto idoneo da dare al nostro settore giovanile, da una decina di anni uno dei più forti d’Italia, per implementarlo ulteriormente, essendo questa la linea da seguire per poter garantire al nostro Club un futuro sempre più roseo. Con Ivano abbiamo verificato le necessità correlate ad un serio potenziamento della squadra i ruoli sui quali stiamo lavorando sono quelli del portiere, del difensore centrale, di un buon mancino con buona propensione anche difensiva e di un secondo centroboa, e con la dirigenza ci siamo messi da qualche giorno sul mercato. Speriamo di poter già nel giro di qualche giorno comunicare qualche ingaggio importante: siamo una delle 12 squadre del Campionato di A1, che dobbiamo con grande senso di responsabilità onorare al meglio».

Print Friendly, PDF & Email