Pallanuoto, il TeLiMar al Foro Italico cede di misura alla Lazio: a Roma finisce 8-7 per i biancocelesti

telimar - squadra
TeLiMar 2020 foto allegata al c.s.

È il gol dell’ex, Raffaele Maddaluno, a beffare il TeLiMar, relegandolo all’ultimo posto nel Girone C del Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile di Serie A1. Alla Piscina del Foro Italico di Roma, la Lazio chiude l’ultima giornata di andata con il punteggio di 8-7 un match iniziato bene dai padroni di casa, che hanno subito la rimonta del Club dell’Addaura, salvo poi rifarsi sotto nell’ultimo quarto e strappare sul finale la vittoria che vale i primi 3 punti della stagione.
 
Primo tempo a reti inviolate con una buona prova da parte di entrambe le difese fino a 14” dal termine, quando i biancocelesti con un tiro del mancino Ferrante riescono a sbloccare il risultato.
 
Di nuovo Ferrante, stavolta su assist di Marini, beffa Nicosia portando la Lazio sul 2-0 in avvio del secondo tempo. Un errore in attacco da parte degli uomini di Sebastianutti permette a Migliaccio di accorciare le distanze. Vitale, però, sull’azione successiva, con una palomba imprendibile riporta i capitolini sul +2. A 2’08 dalla fine del parziale, rigore per il TeLiMar per fallo di Ferrante, trasformato con rabbia da Vlahovic, che prende subito dopo espulsione. Ne approfitta, così, lo stesso Ferrante che da palo 5 tocca morbido per Narciso, che da due passi dalla porta non sbaglia e porta la Lazio sul 4-2, chiudendo di fatto la prima metà del match.
 
Il TeLiMar reagisce con Migliaccio in superiorità, prima, e con Del Basso a uomini pari subito dopo, agguantando il pareggio del 4-4 in avvio del terzo tempo. Il momento è buono per gli ospiti: Del Basso guadagna un rigore, trasformato da Vlahovic che per la prima volta porta in vantaggio i palermitani a 2’48 dal termine del terzo tempo. La Lazio, però, non demorde e a 59” sfrutta bene una superiorità, con Vitale che ritrovandosi a tu per tu con Nicosia la mette dentro per il 5-5. A 17”, però, è Marziali a firmare la rete del 5-6.
 
Due gran bei gol del classe 2000 Narciso, da solo a fare reparto data l’assenza dell’esperto Leporale, riportano la Lazio in vantaggio sul 7-6. Di nuovo Vlahovic suona la carica ai suoi, trovando il gol del 7-7 a 2’04 dal termine; ma un fallo non fischiato su azione del TeLiMar porta la Lazio in controfuga ed è proprio l’ex di giornata, Raffaele Maddaluno, a castigare il Club dell’Addaura firmando la rete dell’8-7. Gli uomini di Baldineti sprecano due doppie superiorità sul finale e concedono, così, un match importantissimo alla Lazio, che con questa vittoria sale al secondo posto del Girone C, dietro all’Ortigia a pieni punti.
 
Uscito per limite di falli Antonucci (Lazio) nel quarto tempo.
 
Marco Baldineti, Allenatore TeLiMar: «Partita difficile da commentare. Il nostro approccio è stato pessimo. Riprendiamo a lavorare con la massima intensità per evitare si possa ripetere una giornata come questa».
 
Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar: «Grandissima prestazione della Lazio che, pur con un organico incompleto, ha dominato l’intero match, giocando col cuore. Noi siamo stati veramente inguardabili ed anche un pareggio sarebbe stato un risultato ingiusto».
 
Parziali: 1-0; 3-2; 1-4; 3-1.
Superiorità: Lazio 2/9; TeLiMar 1/9 + 2 rigori.
 
Il Tabellino
S.S. Lazio Nuoto: Soro, Ferrante 2, Colosimo, Bobbi, Vitale 2, Marini, Caponero, Antonucci, Narciso 3, Maddaluno 1, Provenziani, Moscardelli – Allenatore: Claudio Sebastianutti
TeLiMar: Nicosia, Del Basso 1, Galioto, Di Patti, Occhione, Vlahovic 3 (2 rig.), Giliberti, Marziali 1, Lo Cascio, Damonte, Lo Dico, Migliaccio 2, Washburn – Allenatore: Marco Baldineti
Arbitri: Luca Castagnola di Recco (GE) e Bruno Navarra di Roma – Delegato: Attilio Paoletti di Roma.