venerdì, 18 Giugno 2021
spot_img
HomePalermoPalermo, si riattiva l’impianto crematorio del cimitero di Santa Maria dei Rotoli

Palermo, si riattiva l’impianto crematorio del cimitero di Santa Maria dei Rotoli

Pubblicato sul sito istituzionale avviso per l'affidamento del servizio di architettura e ingegneria. Ad ottobre prevista la ripartenza del forno crematorio

E’ stato pubblicato ieri sul sito del Comune di Palermo, l’avviso pubblico esplorativo per l’affidamento del servizio di architettura e ingegneria finalizzato alla riattivazione del funzionamento dell’impianto crematorio del cimitero di Santa Maria dei Rotoli.

L’incarico prevede la redazione del progetto definitivo, la redazione del progetto esecutivo, la direzione lavori, l’espletamento dell’incarico di coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione e di realizzazione, e la redazione degli elaborati propedeutici all’ottenimento dell’Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.) per un importo di 23 mila euro, oneri esclusi; l’importo delle opere da realizzare è invece pari a 180 mila euro.

Le manifestazioni di interesse dovranno essere inviate entro il prossimo 27 giugno esclusivamente a mezzo Pec all’indirizzo
ediliziapubblica@cert.comune.palermo.it.

Maggiori informazioni e l’avviso esplorativo sono reperibili  alla pagina comune.palermo.it/noticext.php?cat=2&id=31255

Per l’assessore ai Cimiteri, Toni Sala si tratta “di un ulteriore passo in avanti nella riattivazione del forno crematorio ai Rotoli: una procedura che è andata troppo a rilento e che è invece necessaria per un graduale ritorno alla normalità. Il nostro auspicio è che l’impianto possa tornare in funzione già il prossimo autunno”.

“Dopo quasi un anno di guasto finalmente una buona notizia rispetto alla riattivazione del forno crematorio dei Rotoli. E’ stata pubblicata infatti la manifestazione di interesse per affidare all’esterno l’incarico per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo per il revamping del vecchio forno crematorio. Una situazione vergognosa ed intollerabile che denuncio da mesi che si aggiunge alla grave crisi delle sepolture in deposito. Ad ottobre prevista la ripartenza del forno crematorio”. Lo dichiara il consigliere Antonino Randazzo (Movimento 5 Stelle).

CORRELATI

Ultimi inseriti