Palermo: inaugurato, in viale dei Picciotti, il nuovo punto di raccolta differenziata dei rifiuti

Taglio del nastro per l'inaugurazione nuova isola ecologica Rap

Un’inaugurazione dal sapore agrodolce quella del primo Centro Comunale di Raccolta differenziata dei rifiuti RAP (CCR) di viale dei Picciotti 84, a Palermo, che, tra speranze e polemiche, è stato ufficialmente battezzato dal presidente della Rap Giuseppe Norata, dal sindaco Leoluca Orlando e dall’assessore all’Ambiente e vicesindaco Sergio Marino.

Il taglio del nastro è stato anticipato, infatti, da un breve incontro del primo cittadino con i dirigenti Rap. «La nostra presenza di oggi qui – ha affermato il Sindaco – rappresenta la conferma di un’azienda comunale che opera nella raccolta dei rifiuti differenziati e che vuole andare avanti».

«Questo è il primo degli otto centri di raccolta che sorgeranno in ogni circoscrizione della città – ha proseguito il Sindaco – all’interno delle aree comunali pienamente disponibili alla RAP. Questa mattina – ha sottolineato – ho incontrato i dirigenti dell’azienda, ai quali ho fatto presente che abbiamo messo in sicurezza la gestione pubblica di questo servizio, grazie al bilancio consolidato e al previsionale 2019, approvato dalla Giunta, e posso affermare che non c’è nessuna emergenza finanziaria e che non c’è alcuna possibilità che tale servizio venga privatizzato. Il problema non è finanziario, ma amministrativo».

«Quest’anno – ha proseguito il Sindaco – la RAP ha ricevuto dal Comune 149 milioni di euro a fronte dei 121 milioni previsti dal contratto di servizio ed è stato, inoltre, disposta l’erogazione di ulteriori 9 milioni per il pagamento degli stipendi dei dipendenti, più volte sollecitato da questa amministrazione al Ministero competente, per mettere in sicurezza le partecipate, la RAP e tutta la città. Se qualcuno immagina che si possa tornare ai tempi del fallimento dell’Amia – ha concluso – è fuori strada».

La nuova isola ecologica, ubicata in un terreno confiscato alla mafia, sorge in un momento particolarmente delicato per la città che è letteralmente sommersa dai rifiuti dal centro alle periferie: rifiuti che nei giorni scorsi, sono stati incendiati causando disagi e malumori.

Una situazione particolamente critica si è riscontrata nel quartiere di Bonagia che, paradossalmente, registra il più basso tasso di evasione della tassa sui rifiuti (Tari) di tutta la città a differenza dei quartieri Libertà, Mondello e Sferracavallo che, invece, registrano il maggiore tasso di evasione dal pagamento del tributo. Ad ogni modo, hanno affermato sia il Sindaco che il Presidente RAP, entro 10/15 giorni, Palermo sarà libera dai rifiuti.

«Dobbiamo ancora stabilire un parametro di commutazione dei rifiuti – spiega il presidente della Rap Giuseppe Norata – al cui regolamento stiamo ancora lavorando, per incentivare la mobilità sostenibile. A fronte dei conferimenti, ci sarà la possibilità per i cittadini di avere in cambio biglietti dell’Amat piuttosto che abbonamenti al bike sharing. Quando entreremo a regime, verrà applicato il regolamento del Consiglio comunale che prevede sconti sulla Tari. I rifiuti che verranno smaltiti in questa sede sono stabiliti dal decreto ministeriale del 2008, ma sono principalmente di origine domestica quali carta, vetro, plastica, ma anche legno, ingombranti, RAEE, pneumatici fuori uso e umido. Gli orari di raccolta andranno dalle 7 alle 17, tutti i giorni ad esclusione della domenica, e verranno smaltiti rifiuti provenienti da ogni parte della città».

Paolo Caracausi, consigliere comunale(IDV) ha affermato: “L’apertura del nuovo Centro di raccolta dei rifiuti in viale dei Picciotti, è il segnale che qualcosa a Palermo sta cambiando, anche se forse con troppa lentezza. La città è ancora sommersa dall’immondizia, ma la Rap ha assicurato che nell’arco di una decina di giorni si tornerà alla normalità: speriamo che spettacoli simili non si ripetano più e che il nuovo CCR sia il preludio di una gestione più oculata dei rifiuti”.

«Con l’apertura del primo Centro Comunale di Raccolta di viale dei Picciotti, in un bene confiscato alla criminalità organizzata – dichiara il consigliere comunale Massimo Giaconia, vicecapogruppo di “Palermo2022”-  l’Amministrazione Comunale conferma ancora una volta il  suo impegno a puntare sulla cultura ambientale, legata alla crescita della raccolta differenziata.
Infatti, grazie soprattutto al contributo della RAP, i cittadini avranno a disposizione una maxi isola ecologica, nella quale conferire i propri rifiuti in maniera differenziata, con l’auspicio che presto  si avvii un percorso  premiale ed incentivante (riduzione della Tari) nei confronti degli utenti più virtuosi. L’apertura del CCR oggi – continua Giaconia – rappresenta un risultato significativo,  anche se il vero traguardo da raggiungere è l’istituzione di almeno un CCR per Circoscrizione.
In questa vicenda – conclude Giaconia – c’è da evidenziare un altro aspetto positivo, quello che ha visto due Aziende partecipate lavorare in sinergia, in questo caso con Amat, che oltre a contribuire a realizzare la segnaletica orizzontale all’interno dell’area, si è impegnata a farsi parte attiva nell’attivazione di un sistema premiante ed incentivante, che non appena verrà elaborato un apposito regolamento, sarà possibile riconoscere gratuitamente ai cittadini più virtusi, ovvero che differenzieranno di più i biglietti tram/autobus o convenzioni con bike sharing e car sharing».

Print Friendly, PDF & Email