Palermo: il Comune stanzia nuovi fondi per servizi a persone fragili e senza dimora

persone fragili e senza fissa dimora

La Giunta comunale ha approvato nei giorni scorsi il piano di interventi per l’utilizzo di somme statali per circa un milione che andranno ad integrare gli interventi già programmati con il PON Metro e destinati all’assistenza ai senza dimora e alle persone fragili.

La delibera approvata prevede uno stanziamento di 275 mila euro per finanziare progetti personalizzati di Housing First, ovvero “la casa prima di tutto”, con la collocazione di senzatetto in singoli appartamenti indipendenti, mentre altri 270 mila euro sono destinati per i progetti Housing Led, che promuovono forme di residenzialità combinate con servizi di assistenza, cura e supporto sociale, ovvero, si tratta nello specifico, di coabitazione “accompagnata” dalla presenza, in determinate fasce orarie di volontari ed operatori.

Poco più di centomila euro sono stati invece stanziati per integrare le attività di assistenza diurna e notturna su strada e circa 129 mila per i servizi di mensa ed ancora, 105 mila euro per i servizi  di dormitorio di I livello.

La Giunta infine, accogliendo la proposta fatta dall’Assessore Giuseppe Mattina, ha deciso di supportare, con la somma di 150 mila euro i servizi in strutture di accoglienza di poli diurni e notturni, rivolti al contrasto della tratta di essere umani e di donne particolarmente fragili.

«Con questi fondi integrativi messi a disposizione dallo Stato – affermano il sindaco Orlando e l’assessore Mattina – la città di Palermo andrà a potenziare ulteriormente un già rodato ed efficace sistema di tutele e servizi per le persone particolarmente fragili. Abbiamo anche voluto introdurre la novità dello stanziamento specifico per il sostegno di progetti rivolti alle donne vittime della tratta proprio per sottolineare la specificità e la particolare delicatezza di questi interventi che sono fondamentali per riconoscere e garantire diritti ed assistenza».

Print Friendly, PDF & Email