Palermo, gli impianti sportivi comunali saranno a ingresso gratuito per le persone con disabilità

palamangano
Palamangano - Palermo - ph. Wikipedia

Palermo. Ingresso gratuito per le persone con disabilità negli impianti sportivi comunali. Lo ha deciso la Giunta, tenuto conto di un atto di indirizzo del sindaco Leoluca Orlando e su proposta dell’assessore allo Sport Paolo Petralia Camassa.

Secondo quanto stabilito, sarà gratuita l’attività sportiva che si terrà nelle strutture sportive del Comune e rivolta alle persone con disabilità, realizzata dalle Associazioni Sportive cittadine affiliate a Federazioni o E.P.S. riconosciute dal CIP, sia per il prosieguo della stagione sportiva 2019/20, ripresa recentemente dopo la sospensione imposta dalle normative Covid-19, che per la stagione sportiva 2020/21.

“Lo sport – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – è da sempre strumento di socialità e di crescita per tutta la comunità. Lo è ancora di più nel mondo paralimpico, nel quale sono ancora forti e sani i valori del sano agonismo e della sana competizione. Anche per questo ci sembra importante trovare forme di sostegno all’attività paralimpica che a Palermo vede tante realtà di base e di eccellenza”. 

Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore Camassa. “Un provvedimento – ha dichiarato – che conferma la valenza sociale dello sport come strumento di partecipazione e inclusione, e allo stesso tempo valorizza il ruolo dell’associazionismo sportivo, mondo vitale della nostra comunità”.  

Una bella notizia oggi per le persone con disabilità che fanno attività sportiva. La Giunta ha approvato un atto di indirizzo del Sindaco che apre gratuitamente gli impianti sportivi comunali a tutti gli sportivi con disabilità. Ancora una volta la nostra città si dimostra inclusiva e vicina a chi è meno fortunato di noi. Lo sport è vita ed è giusto che la pubblica amministrazione stia vicino alle associazioni sportive che hanno al proprio interno sportivi paraolimpici”. Lo ha dichiarato il consigliere comunale di Italia Viva, Paolo Caracausi.