Palermo, emergenza sepolture: il Comune vara piano per 5.000 loculi

Grazie a due sentenze del TAR di Puglia e Sicilia, l'emergenza sepolture a Palermo potrà essere risolta. Ecco le soluzione adottate dalla Giunta Comunale

Uno degli ingressi del cimitero Santa Maria dei Rotoli

L’applicazione di due sentenze del TAR Sicilia e del TAR Puglia del 2013 e del 2014, insieme ad un piano concordato con l’ASP per la realizzazione di 800 loculi e 250 fosse al Cimitero dei Rotoli, potrebbe portare alla soluzione dell’emergenza sepolture a Palermo prima dell’estate.E’ quanto emerge dal piano che l’Assessore Roberto D’Agostino ha sottoposto alla Giunta Comunale, che ha deciso uno stanziamento, con prelievo dal fondo di riserva, di 450 mila euro che dovrebbero essere recuperati nei prossimi mesi tramite i costi di concessione delle sepolture.

Il piano si articola in tre passi fondamentali:

  • L’ASP ha già dato il parere favorevole per la realizzazione al Cimitero dei Rotoli di 400 loculi tramite strutture prefabbricate in cemento armato. Una ulteriore autorizzazione per altri 400 loculi è già al vaglio dell’autorità sanitaria. La Giunta ha quindi deciso ieri un prelievo dal fondo d’emergenza per 450 mila euro necessari all’acquisto, tramite gara Consip, dei loculi e per la loro collocazione. Questa spesa sarà recuperata tramite la vendita delle concessioni che per gli stessi 800 posti dovrebbe essere superiore ai 500 mila euro. I tempi per l’espletamento della gara fanno prevedere l’avvio della collocazione entro fine giugno.
  • Sono attualmente in corso dei lavori presso il campo 478 ubicato nella parte alta del Cimitero dei Rotoli. Una volta estumulate le ultime due salme presenti, e in presenza di condizioni atmosferiche idonee, sarà possibile realizzare entro la metà di maggio almeno 250 posti per la tumulazione di tutte le salme attualmente a deposito.
  • Con una modifica del Regolamento da parte del Consiglio Comunale ed in applicazione di due sentenze dei TAR Siciliia e Puglia, si procederà alla revoca delle concessioni “perpetue”, ritenute illegittime dalla Giustizia Amministrativa, che saranno trasformate in concessioni a scadenza eventualmente rinnovabili.Si tratta in particolare di circa 12.000 sepolture. Agli attuali concessionari sarà offerto un diritto di prelazione per i 2/3 dei loculi, rendendo quindi disponibili per l’Amministrazione almeno 4.000 posti, sufficienti per le sepolture previste in un periodo di circa 30 mesi.

Commentando il Piano, il Sindaco ha dichiarato: « Ci avviamo finalmente a superare una situazione di emergenza inaccettabile, ancor più perché ha costituito e costituisce una ferita per la nostra comunità, un dolore ed una sofferenza che si aggiungono al dolore per la perdita dei propri cari. E’ importante che questo piano sia attuato in tempi brevi, motivo in più per richiedere nelle prossime settimane la collaborazione del Consiglio Comunale, che sono certo sarà sensibile al tema e condividerà lo sforzo dell’Amministrazione».

L’Assessore D’Agostino ha inoltre sottolineato che: “quello delineato è un piano per il medio-lungo periodo, che non ci fa però dimenticare il quotidiano e la necessità di garantire decoro a tutti i cimiteri comunali; per questo ho disposto già dall’inizio della settimana un imponente lavoro di cura del verde e di piccole manutenzioni all’interno dei cimiteri, perché coloro che si recano in visita ai propri cari siano accolti con il dovuto rispetto ed attenzione”.

Print Friendly, PDF & Email