giovedì, 25 Luglio 2024
spot_img
HomesocialePalermAbility, il progetto che mette Palermo nella Top 3 d'Italia

PalermAbility, il progetto che mette Palermo nella Top 3 d’Italia

Si è svolta ieri, presso il Giardino dei Petrazzi di via Pietro Scaglione, la manifestazione ‘PalermAbility’ contro la marginalità sociale delle persone con disabilità. Erano presenti, tra gli altri, il sindaco Roberto Lagalla, il presidente del Consiglio comunale, Giulio Tantillo e l’assessore alle Attività sociali, Rosy Pennino.

Il progetto, piazzato nei primi tre posti sui dieci presentati a livello nazionale a margine del Fondo Periferie Inclusive, è stato finanziato dal Ministero per la Disabilità ed è stato realizzato in co-progettazione con enti del terzo settore preventivamente selezionati.

Saranno oltre 200 le persone coinvolte che, insieme alle rispettive famiglie, saranno impegnate in  attività ludiche ed educative, senza limiti d’età che andranno dai corsi di nuoto, atletica leggera e altre discipline sportive alle attività legate alla cura del verde, alla riqualificazione di spazi comuni, come corsi di giardinaggio o attività in orto e con animali.

Attività e strumenti per combattere la marginalità sociale e la solitudine alle quali i soggetti disabili hanno dovuto per troppo tempo arrendersi nella gestione quotidiana della loro condizione, nasce così il progetto ‘PalermAbility’.

«Si tratta di un risultato davvero ragguardevole per Palermo e la cittadinanza legata al mondo della disabilità – il commento dell’Assessore alle Attività Sociali, Rosi Pennino -. Il progetto ‘PalermAbility’ è stato riconosciuto come uno dei più validi in tutta Italia, tanto da ricevere il finanziamento riguardante il Fondo Periferie Inclusive. Grazie al lavoro degli operatori, degli enti e degli uomini e delle donne dell’Assessorato che ho l’onore di dirigere, Palermo è oggi una delle città d’Italia in prima linea a sostegno delle persone con disabilità e fin troppo spesso escluse dal loro naturale e doveroso ruolo sociale».

CORRELATI

Ultimi inseriti