Nominato il nuovo CdA Gesap. Giambrone lascia, Giuffrè presidente e Scalia AD

Aeroporto Falcone-Borsellino
Aeroporto Falcone-Borsellino

L’assemblea dei soci della Gesap (Città metropolita di Palermo, Comune di Palermo, Camera di commercio di Palermo, Comune di Cinisi e Confindustria Palermo), la società di gestione dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo, ha designato i nuovi componenti del Consiglio di amministrazione della società.

In quota Città Metropolitana di Palermo sono stati indicati Giovanni Scalia e Cleo Li Calzi; per il Comune di Palermo Tullio Giuffré e Domenico Cacciatore, mentre per la Camera di commercio Alessandro Albanese, presidente dell’ente camerale.

Successivamente, nella prima seduta del nuovo Consiglio di amministrazione Tullio Giuffré è stato nominato presidente al posto di Fabio Giambrone, che ha lasciato l’incarico. Giuffrè, classe ’77 è professore ordinario di “Strade, ferrovie e aeroporti” alla facoltà di Ingegneria e Architettura dell’Università degli studi di Enna Kore, Dal 2010 è responsabile della sezione Strade del laboratorio di strade, ferrovie e aeroporti.

Il 39enne Giovanni Scalia,  ingegnere gestionale e manager con esperienze internazionali, è invece il nuovo amministratore delegato, carica prima ricoperta da Giuseppe Mistretta. Scalia, dal 2012 è consigliere di Gesap,  mentre dal 2015 è presidente di Gh Palermo, società di handling dell’aeroporto di Palermo con oltre 300 dipendenti.

Il vicepresidente, espressione della Camera di Commercio, é Alessandro Albanese, che subentra a Giuseppe Todaro. Conferma per il consigliere Cleo li Calzi e nuovo ingresso nel Cda per il giovane avvocato Domenico Cacciatore.

Su proposta del neo presidente Giuffré, il Cda ha designato alla carica di presidente di Gh Palermo, la società partecipata da Gesap al 20% che opera nell’ambito dei servizi aeroportuali, il presidente uscente Fabio Giambrone. La proposta di incarico sarà discussa nell’assemblea di Gh che si terrà il 10 ottobre.

Confermati due componenti del collegio sindacale: Paolo Ancona e Francesca Di Stefano.

“E’ stato fatto un lavoro importante, in linea con quello fatto in questi anni dal presidente Giambrone – ha detto Leoluca Orlando, sindaco di Palermo -. Oggi, ho subito due sconfitte: la prima, non sono riuscito a convincere Giambrone ad accettare la proposta di continuare nel suo lavoro; la seconda, è riuscito a convincermi che era meglio che non lo nominassi. Ma abbiamo ottenuto una vittoria, e cioè quella di aver formato una squadra che mette a riparo la Gesap da strumentali polemiche e che dimostra il grande attaccamento di Fabio Giambrone verso l’azienda. Lui rimane nella storia dell’aeroporto per quello che ha fatto – conclude il Sindaco – e certamente gli devo essere grato per aver contribuito ad internazionalizzare la nostra città, con aumenti straordinari di arrivi, senza chiedere risorse ai Soci, cosa che invece in passato avveniva frequentemente”.