“Nativity” di Madè nella Chiesa di Santa Caterina d’Alesandria

Il prossimo 30 novembre alle ore 18, nella Chiesa del Monastero di Santa Caterina d’Alessandria di Palermo, si inaugura l’esposizione delle sculture realizzate dal Maestro Pippo Madè che compongono “Nativity”. Un particolare presepe in chiave siciliana, composto da installazioni in vetro, forgiate con l’ausilio di spatole, tenaglie e forbici, le quali raccontano gli antichi mestieri dell’Isola, ormai scomparsi.

Ad organizzare la mostra l’Associazione Culturale Festina lente, realizzata grazie all’invito di don Giuseppe BucaroDirettore Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Palermo, con la presentazione della Storico Dell’Arte Adriana Mastrangelo.

“Un mio personale omaggio alla mia Città ma anche a Venezia – dice l’Artista palermitano Pippo Madèdal momento che le sculture vennero realizzate a Murano, un mio omaggio nella certezza che la tanto amata nel mondo città veneta, saprà ancora una volta risollevarsi dalla terribile ed incessante alluvione che l’ha colpita“.

L’opera progettata dal Maestro Madè alla fine degli anni ’70, venne realizzata in connubio con lo scomparso Maestro muranese Loredano Rosin. Il presepe è stato già esposto, nel suo lungo e prestigioso cammino, nella Basilica Papale di San Francesco d’Assisi, nel Duomo di Monreale, a Palazzo Carafa sede del Comune di Lecce, nella Caserma Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa di Palermo, davanti l’Altare di Santa Rosalia  della Cattedrale di Palermo, nella Cappella Palatina e sulla scalinata dell’ Altare Maggiore della Basilica di Santa Croce in Firenze, riscuotendo apprezzamento di stampa e di pubblico. “Un Presepe di Luce – ha scritto don Giuseppe Bucaro – che esplode dalla materia”;  “una installazione artistica di grande valore – ha scritto Adriana Mastrangelo – soprattutto unica ed irripetibile, la Natività in vetro di Murano”.

L’esposizione si protrarrà sino al  2 febbraio 2020.

Print Friendly, PDF & Email