Monreale. Il sindaco mantiene la promessa e accelera per l’installazione della maiolica dedicata al Beato Puglisi

Monreale (Pa) 04.10.2017 – Ce lo aveva promesso ieri telefonicamente il Sindaco Piero CapizziAbbiamo deliberato l’apposizione delle maioliche in Giunta, dobbiamo concordare solo la data di apposizione. Domani darò disposizione all’assessore Cangemi (il vice sindaco ndr), di accelerare i tempi per la posa definitiva” ed oggi sembra aver mantenuto la parola, come confermato dal nostro collaboratore Rosario Lo Cicero Madèquesto pomeriggio ho ricevuto la telefonata del vice sindaco Giuseppe Cangemi, il quale mi ha preannunciato per la mattina di lunedì 9 ottobre, o al massimo per il pomeriggio del 10, la firma del comodato d’uso con il quale il Comune delibera la collocazione dell’opera e s’impegna alla periodica pulizia della stessa”.

In effetti, prima di stabilire la data della collocazione della maiolica realizzata su pietra lavica a Santo Stefano di Camastra da Lo Cicero Giuseppe Madè, in arte Pippo Madè in collaborazione con Carmelo Elmo, c’è da firmare l’ormai agognato “comodato d’uso”, proposto al Comune di Monreale dall’Associazione Culturale Festina lente, presieduta, appunto, da Rosario Lo Cicero Madè, il quale si è battuto prima per la riqualificazione del “Chiasso Procida”, di recente ribattezzato “Chiasso Beato Pino Puglisi” e che non pochi problemi, anche di ordine giudiziario, viste le lettere anonime e le minacce ricevute, ha avuto a causa dell’istituzione dell’isola pedonale “e’ una vicenda che ha dell’incredibile – ci racconta sempre il nostro collaboratore – che risale ormai al lontano 2005, anno in cui acquistai la casa e venni a risiedere, con mia moglie Claudia, a Monreale. Il luogo – prosegue Rosario – era in totale stato di abbandono e si svolgevano piccoli traffici che non si possono proprio definire leciti. Con l’aiuto dell’Arma dei Carabinieri ed in particolare con gli interventi mirati che allora predisposero il Colonello Michele Sirimarco e il Capitano Massimiliano Sole, riuscimmo a battere quella che sembrava una irreversibile situazione, appunto, di degrado urbano. Non mi sono piegato alle minacce – prosegue Rosario – ed alle lettere anonime ricevute, ho denunciato ogni cosa all’Arma e ne sono fiero e per nulla pentito anzi, lo rifarei mille altre volte. Oggi – conclude il nostro collaboratore – Chiasso Beato Pino Puglisi è l’unica vera isola pedonale di Monreale che si rispetta nella quasi totalità e questo nonostante la locale Polizia Municipale non sia sempre attenta“.

Oltre alla maiolica di Madè ed Elmo, artisti siciliani, il cui connubio a portato in passato alla realizzazione della “Via Crucis” collocata e Consacrata, nel 2010, nel Chiostro dei Morti della Basilica Papale di San Francesco d’Assisi, verranno collocate anche due maioliche, sempre in pietra lavica, con la dicitura toponomastica del cortiletto monrealese “Chiasso Beato Pino Puglisi”, queste ultime realizzate grazie da una donazione erogata dai consiglieri comunali Antonella Giuliano, Giuseppe Guzzo, Giuseppe Romanotto e dal sindacalista Biagio Cigno.

Vigileremo attentamente sulle fasi della stipula del “comodato d’uso” e della successiva collocazione dell’opera, alla quale è dato sapere sin d’ora che intendono partecipare alla cerimonia inaugurale, l’Arcivescovo di Monreale Michele Pennisi, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il Presidente del Centro Padre Nostro di Brancaccio Fabrizio Artale ed il fratello del Presule trucidato dalla mafia il 15 settembre 1993.