Mister Billy Cobham: ”75° Birthday Celebration Tour” al Real Teatro Santa Cecilia

L'artista che incanta con il suo suono Stregato il pubblico durante il concerto accompagnato dall'OJS diretta da Domenico Riina

Billly Cobham
Billly Cobham

Il popolare interprete della musica jazz, fusion, e rock progressivo, Mister William Billy Cobham, la leggenda del jazz internazionale, ha incantato a Palermo il pubblico presente durante i suoi concerti al Real Teatro Santa Cecilia.

Mister Cobham ha registrato tutto esaurito con doppio spettacolo in un doppio turno, il 13 e 14 dicembre, accompagnato dall’Orchestra Jazz Siciliana diretta dal Maestro Domenico Riina per festeggiare il suo 75° compleanno.

Intervistato poco prima dei quattro concerti palermitani, il Mito delle bacchette dichiara che «L’arte dell’improvvisazione è tutto per un musicista e la mia esibizione a Palermo al Real Teatro Santa Cecilia è stata sicuramente una delle più emozionanti».

Lui con degli assoli e dei giochi di suoni magistralmente realizzati e con una tecnica unica al mondo, è riuscito a stregare letteralmente tutti, proprio tutti i presenti, compreso dei bambini seduti in galleria incuriositi e con le bacchette in mano che cercavano di imitarlo.

Il Maestro Cobham ama molto il rapporto con il suo pubblico e durante la sua esibizione ha cercato anche di interagire con esso ed un particolare occhio di riguardo lo ha avuto verso i giovani a cui ha dedicato anche una Masterclass sabato mattina, sempre al Real Teatro Santa Cecilia, svelando loro alcuni trucchi e tecniche nel gestire il suono e a volte non sono mancate anche interazioni nel come affrontare appieno la vita da musicista.

«Non perdete tempo – ha consigliato il Big del Jazz – e cercate di studiare per essere sempre pronti ad affrontare qualsiasi tipo di esibizione anche quella della vita quotidiana».

Quella di Billy Cobham è una lunga carriera e i suoi concerti hanno fatto la storia della musica contemporanea. E la Fondazione the Brass Group ha proposto un evento che ha lasciato un forte segno nella nostra città grazie al ritmo e ai virtuosismi, allo swing, al groove, all’amore per l’improvvisazione del batterista, percussionista e compositore innovativo classe 1944 che ha suonato con i grandi nomi della musica, da Horace Silver a Miles Davis, ed è stato anche il fondatore assieme John McLaughlin, della Mahavishnu Orchestra.

Il 16 maggio di quest’anno, Billy Cobham, conosciuto in tutto il mondo come “Il Signore dei tamburi”, ha spento la settantacinquesima candelina di una vita spesa al servizio della musica ed è proprio con la musica che il celebre batterista ha voluto festeggiare la ricorrenza allestendo una speciale tournée celebrativa che lo ha portato in giro sui palchi di tutto il mondo.

Adesso che il 2019 volge al termine, Cobham giunge a Palermo con le sue leggendarie bacchette per concludere questo lungo ed esaltante tour come ospite speciale dell’Orchestra Jazz Siciliana.

Nato a Colón, Panama, ma subito trasferitosi con la famiglia a New York, Cobham è divenuto famoso per avere saputo infondere nel suo virtuosistico drumming uno straordinario concentrato di doti eccelse, quali potenza, creatività, grinta e tecnica percussiva, ma anche e soprattutto per avere saputo porre queste qualità al servizio di una musica senza confini, capace di spaziare dal jazz più acustico e legato alla tradizione a quello più elettrico e contaminato, dal rock alla world music, dal funk al soul fino alla fusion, ed è proprio di quest’ultima espressione musicale che egli è certamente una delle massime e storiche espressioni viventi.

Gli esordi professionali, nella seconda metà degli anni Sessanta, sono subito segnate da collaborazioni prestigiose condotte a fianco di figure leggendarie del jazz, come il pianista Horace Silver, il sassofonista Stanley Turrentine, la grande organista Shirley Scott e il chitarrista George Benson, ma è a cavallo tra i due decenni che si consumano le sue esperienze cruciali, allorché le sue bacchette incrociano la tromba di Miles Davis, scandendo il ritmo di alcune composizioni che poi verranno pubblicate in dischi epocali come “Bitches brew”, “Live/Evil” e “A tribute to Jack Johnson”.

E’ un momento magico in cui la nascita a getto continuo di nuove idee musicali e l’esplosione di creatività che squassa il jazz di quegli anni trovano in Cobham terreno fertilissimo per avventure ancora più esaltanti, come quella della leggendaria Mahavishnu Orchestra che fonda assieme al chitarrista John McLaughlin all’inizio degli anni Settanta, subito dopo che entrambi i musicisti hanno lasciato la corte di Davis.

Gruppo tra i più innovativi della storia della musica, la Mahavishnu Orchestra inventa un nuovo linguaggio guizzando tra jazz e rock, crea ponti sonori mai ascoltati prima tra Oriente e Occidente, pone nuovi standard di riferimento nei suoni e negli assoli, apre la strada al genere fusion. Di tutto ciò rimane traccia ciclopica soprattutto nei primi due album, “The inner mounting flame” e “Birds of fire”.

La parabola dell’orchestra proseguirà sotto la guida di McLaughlin fin quasi alla fine degli anni Ottanta, pur con qualche lunga pausa, ma Cobham se ne distacca assai presto (eccetto un temporaneo ritorno nel 1984) per dedicarsi ad una carriera solista il cui primo tassello è costituito da “Spectrum”, album del 1973 in cui il musicista panamense condensa le influenze assorbite nei gruppi di Miles Davis e nella Mahavishnu.

Oltre ad essere il disco di jazz-rock forse più venduto di ogni tempo, “Spectrum” è unanimemente considerato la Bibbia per ogni batterista e per il genere jazz-fusion. Da allora il percorso di Billy Cobham è stato un susseguirsi di esperienze, tour, dischi e collaborazioni a cui i suoi tamburi hanno regalato battiti sempre emozionanti, da Carlos Santana a George Duke, dalla Glass Menagerie (band da lui fondata negli anni Ottanta) a Peter Gabriel, col quale ha avuto intensi rapporti artistici, da Stanley Clarke a Ron Carter, dal gruppo cubano Asere alla finlandese Orrenmaa Band.

Nell’arco delle sue molteplici esperienze, Cobham ha riservato sempre una speciale attenzione alle grandi formazioni jazzistiche in ciò ricambiato dal fatto che la sua scrittura è particolarmente adatta (anche se di esecuzione molto impegnativa) ad essere interpretata da ampi organici. Oltre a quelle già citate, tra le orchestre con cui Cobham ha collaborato e registrato dischi vi sono le europee Frankfurt Radio Big Band, la WDR Big Band di Colonia e la London Jazz Orchestra con la quale nell’estate del 2000 si è anche esibito al teatro greco di Taormina.

A queste adesso si aggiunge l’Orchestra Jazz Siciliana che, sotto la bacchetta di Domenico Riina, accompagnerà Billy Cobham in un concerto di notevolissima caratura artistica e tecnica. Il repertorio scelto dallo stesso batterista riguarda alcune storiche composizioni che ripercorrono per intero la sua carriera, da “Spectrum” ai giorni nostri, e che compaiono ripetutamente in molte delle sue più importanti registrazioni discografiche.

Print Friendly, PDF & Email