Mercato Ortofrutticolo di Palermo, regolare lo svolgimento nell’apertura straordinaria di sabato

mercati
MERCATO_ORTOFRUTTICOLO_PALERMO

Si sono svolte regolarmente le operazioni di scarico delle merci oggi presso il Mercato ortofrutticolo di Palermo, eccezionalmente aperto il sabato dopo il lungo di periodo di chiusura necessario per l’adozione di procedure e regole utili alla prevenzione del rischio di contagio.

Con l’impegno delle guardie giurate del Coime e dei portieri comunali, supportati dalla Polizia municipale e dalle altre forze dell’ordine, sono entrati a scaglioni 12 TIR (sui 17 che si erano prenotati) e 14 piccoli produttori.

Le operazioni, iniziate alle 6 del mattino, sono terminate regolarmente alle 12.

Lunedì saranno ammessi ed hanno già fatto la prenotazione sull’apposito sito realizzato da SISPI, 200 acquirenti di mattina e poi, nel pomeriggio, nuovamente i venditori.

Per tutti è obbligatoria, la registrazione sul portale, che rilascia agli autorizzati un qr-code che rende veloci i controlli in ingresso. Ovviamente sono obbligatori i dispositivi di protezione individuali, quali guanti e mascherine.

“Abbiamo dimostrato – ha detto il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando – che il piano realizzato con grande impegno da parte dei nostri uffici può funzionare ed è anche l’unico possibile per garantire che il Mercato resti aperto in condizioni di sicurezza sia per chi vi lavora sia per la qualità e salubrità degli alimenti. Confidiamo nel fatto che via via che passeranno i giorni, questo nuovo sistema diventerà sempre più veloce e di facile utilizzo e gestione, ma sicuramente il test di oggi è stato più che positivo”.

L’Assessore Leopoldo Piampiano nel ringraziare “tutti i dipendenti comunali a vario titolo coinvolti ha anche espresso “l’auspicio che il dialogo non sempre facile in questi giorni fra tutte le parti coinvolte possa proseguire perché comunque c’è l’interesse comune affinché le attività proseguano al meglio per il bene di tutta la
comunità. Anche per questo monitoriamo il funzionamento del sistema online,
valutando se sono necessarie integrazioni che ne rendano sempre più semplice l’utilizzo”.