venerdì, 7 Ottobre 2022
spot_img
HomeletterareaLibri, in uscita ''Cinema Protogiallo italiano. Da Torino alla Sicilia, la nascita...

Libri, in uscita ”Cinema Protogiallo italiano. Da Torino alla Sicilia, la nascita di un genere”

Pubblicazione per la collana Cinefocus, realizzata da ASCinema – Archivio Siciliano del Cinema per Edizioni Lussografica. Prefazione di Enrico Magrelli, giornalista RAI

È fresco di stampa Cinema protogiallo italiano. Da Torino alla Sicilia, la nascita di un genere (1905-1963) a cura di Antonio La Torre Giordano (Edizioni Lussografica, 2022) che ricompatta le origini del cinema giallo italiano indagando dal muto fino alla nascita formale del genere, avvenuta nel 1963 col film La ragazza che sapeva troppo (1963) di Mario Bava.

È il tempo del policentrismo produttivo e le case di produzione sono sparse nelle maggiori città italiane, cominciando da Torino con la Itala Films, Rossi & C., Aquila Films, S.A. Ambrosio, ma anche la Milano Films, la Cines di Roma, la Vesuvio Films di Napoli e le siciliane Lucarelli Films di Palermo, l’Etna Film di Catania, con film come Profumo mortale e La coppa avvelenata.

Con l’avvento del cinema sonoro, in Italia verranno realizzate in successione molte pellicole giallo-poliziesche come Grattacieli, Stasera alle undici, Il bivio, La città si difende, Un
maledetto imbroglio, Il rossetto.

Enciclopedica e ricchissima di testi e illustrazioni (manifesti, foto di scena, brochure, cineromanzi, flani, etc.), l’opera ricostruisce l’ossatura storiografica del cinema italiano che contiene i costituenti del giallo, fedeli alla realtà storica, a film “di confine” o ibridi, accostati ad esempi già acclarati. Non viene trascurata la notevole influenza esercitata dalla
letteratura giallo-poliziesca che comporrà il suo humus. Il volume consta di quattro saggi che percorrono cinque decadi di cinema Protogiallo, dal 1905 al 1963, schedando 746 film e sceneggiati TV, questi ultimi chiamati in causa perché parte integrante di mezzo secolo di “gestazione” da cui vedrà la luce il “giallo all’italiana” dal 1963 in poi.

CORRELATI

Ultimi inseriti