Liberiamoci della plastica: le associazioni e il comune di Palermo contro l’abbandono dei rifiuti

L’associazione Lisca Bianca, la cooperativa Palma Nana, la Lega Navale italiana sezione Palermo Centro, l’associazione Mare Vivo, il Garante dell’Infanzia del Comune di Palermo e l’Ecomuseo Mare Memoria Viva si fanno promotori di due giornate di sensibilizzazione sulla tematica dell’impatto dei rifiuti in mare, il 5 e 6 ottobre.

«Durante l’estate abbiamo navigato a bordo delle imbarcazioni dellaLega Navale, tra cui Lisca Bianca – afferma Elio Lo Cascio -osservando troppo spesso rifiuti in acqua, soprattutto materiale plastico, percorrendo miglia e miglia alla ricerca di un mare “pulito” in cui poter fare un bagno. Il rientro al porticciolo della Cala ciponeva davanti agli occhi uno scenario aberrante, gli abitantisembrano essere abituati a buttare in acqua di tutto: carta, chicche,lattine, bottiglie vuote di vetro e chiaramente di plastica».
Nel tempo, per effetto del moto ondoso e dei raggi solari, leplastiche in mare si frammentano in microplastiche, entrano nellacatena alimentare, divenendo cibo per i pesci e un pericolo, oltre cheper gli ecosistemi marini, per la saluta umana.
Da queste considerazioni è nata l’idea di una iniziativa diretta, diinvito ai cittadini ad essere attivi contro questo scempio quotidiano,per far sì che il mare non sia più una discarica a cielo aperto.


Per il 6 ottobre già una decina di barche hanno aderito allaveleggiata simbolica e circa 30 tra adulti e bambini hanno scritto perpoter salire a bordo, per dire insieme “NOI PROTEGGIAMO IL MARE”. Aseguire nel pomeriggio puliremo il porticciolo della Cala, bene ditutti i palermitani e ci saranno laboratori tematici in banchina.
Plauso all’iniziativa viene dal Sindaco e dal Vicesindaco, che ricordano come «il primo passo per la pulizia della città e del mare lo compiono i cittadini ogni giorno, scegliendo quali oggetti utilizzare, quali imballaggi usare e, soprattutto, come smaltire i propri rifiuti.
Con questa manifestazione che è un segno di amore ed attenzione perPalermo e per il suo mare, speriamo con le associazioni di mandare unmessaggio d’impegno e responsabilità a tutti i nostri concittadini».

Il PROGRAMMA

Oggi venerdì 5 ottobre:

Ore 16,00- Presso Ecomuseo Mare Memoria Viva, Servizio Musei e Spazi Espositivi del Comune di Palermo, via Messina Marine n. 27 Palermo, incontro sulla tematica “La storia della costa di Palermo e l’impatto dei rifiuti a mare”. Invitati alla Tavola Rotonda: Ecomuseo Mare Memoria Viva, Lega Navale Italiana sezione Palermo Centro, associazione Lisca Bianca, cooperativa Palma Nana, Comune di Palermo, garante per l’infanzia e l’adolescenza, associazione Mare Vivo, cooperativa Terradamare e tutta la cittadinanza.

Domani sabato 6 ottobre:

Ore 10,30 – Porticciolo della Cala di Palermo, veleggiata a bordo di Lisca Bianca, Azimut e altre imbarcazioni, sia di armatori soci della Lega Navale che di privati. L’obiettivo è quello sensibilizzare i partecipanti, al recupero della plastica galleggiante in mare, sul ruolo ecologico della Posidonia oceanica e sui comportamenti consapevoli e adeguati di chi ama, rispetta e vive il mare. A bordo di Lisca Bianca sarà presente anche un educatore-ambientale della cooperativa Palma Nana. Rientro previsto per le 14.

Ore 16.00 – Porticciolo della Cala, raccolta della plastica alla Cala e spazio divulgativo in banchina sull’impatto dei rifiuti in mare. Nel pomeriggio si svolgeranno due momenti paralleli:dalle 16:00 alle 18:00 in banchina davanti Lisca Bianca, momento laboratoriale -divulgativo sull’impatto della plastica in mare, organizzato da Palma Nana. Contemporaneamente i volontari, insieme a tutti i partecipanti, effettueranno alla Cala la pulizia dai rifiuti sia a terra che a mare.

Al termine sarà consegnato ai bambini, un attestato di partecipazione come “Difensore del mare”.