mercoledì, 1 Dicembre 2021
spot_img
HomesocialeLibere di essere: al via un gemellaggio tra Zonta Palermo Zyz e...

Libere di essere: al via un gemellaggio tra Zonta Palermo Zyz e il comune di Parma

Avviato lo scorso 25 novembre, con una conferenza stampa promossa dal Comune di Parma (assessora Ines Seletti) e Zonta International Palermo Zyz, il progetto “Libere di Essere” promosso dall’associazione Buuuball off colours che si occupa di contrasto alla violenza, a partire da quella che si manifesta all’interno degli stadi.

Marco Liorni, Alberto Matano, Tullio Solenghi, Gabriele Cirilli, Ciro Immobile, Gianmarco Tognazzi, Andrea Lo Cicero, Jimmy Ghione, sono solo alcuni dei volti noti e popolari che hanno prestato la loro immagine per diffondere e sostenere la campagna di sensibilizzazione promossa dall’associazione culturale BuuuBall off Colors nell’ambito del progetto sociale contro la violenza sulle donne “Libere di essere”.

Il progetto, che è stato ideato dall’attore Maximiliano Gigliucci con il sostegno di personaggi della cultura, dello sport e dello spettacolo, vuole essere un segno di partecipazione attiva alla Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, prevede quest’anno la partecipazione dei ragazzi di tutte le scuole d’Italia, cui è richiesto di realizzare una produzione artistica. 

Il bando di partecipazione potrà essere scaricato a partire dal 1 gennaio attraverso il sito buuuball.com.

Le categorie in concorso sono: regia, interpretazione, montaggio, idea, musica e grafica. 

I vincitori saranno premiati durante la tavola rotonda che concluderà l’evento di due giorni e si svolgerà presso l’Auditorium Paganini di Parma Capitale della Cultura a maggio del prossimo anno. La tavola rotonda sarà moderata da Marco Liorni e vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Roberto Ciufoli e Sandra Milo, testimone di violenza.

Il progetto “Libere di Essere” si prefigge di realizzare, nella giornata del 25 novembre di ogni anno, un evento che vuole comunicare l’importanza delle donne nella nostra società.

In Italia i numeri sono spietati e molto spesso il reato di violenza viene considerato “un fatto di famiglia” – dice Maximiliano Gigliucci, Presidente BuuuBall Off Colors -. Libere di Essere, esprime la volontà di supportare le donne in difficoltà attraverso varie iniziative con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica anche con il supporto di personaggi dello spettacolo e della cultura che si sono messi in prima linea attraverso video-messaggi che fanno riflettere”.

Il tema della violenza colpisce le donne ma parte dagli uomini, da un rapporto di disequilibrio – dice Maria Giambruno, presidente di Zonta Club Palermo Zyz, organizzazione per i diritti delle donne da 101 anni a fianco delle donne per sostenerle nei diritti e nelle fragilità sociali -. Guardare alla violenza attraverso gli occhi dei ragazzi, che sono i veri protagonisti dell’iniziativa, ci può offrire un punto di vista diverso sul fenomeno e aiutare a comprendere meglio quel cambiamento culturale senza il quale sarà impossibile ridurre i numeri delle vittime”.

La novità della campagna di quest’anno – sottolinea Isotta Cortesi, Coordinatrice UNICEF di Parma – è affidata a volti maschili del mondo dello sport e dello spettacolo che hanno offerto la loro immagine e una testimonianza alla campagna di contrasto alla violenza di genere. La presenza di testimonial noti ai ragazzi ci aiuta a veicolare un messaggio di buon comportamento e ci permette di raggiungere un uditorio più vasto”.

Il progetto vedrà protagoniste le scuole. A Palermo, capofila saranno l’Istituto Ninni Cassarà con la dirigente Daniela Crimi già protagonista di iniziative contro il Cyberbullismo e che farà da capofila, e l’Istituto Silvio Bocconi con Rosanna Cucchiara. Ci sono già, però, importanti adesioni da parte di Don Ugo di Marzo, parroco di frontiera nella zona di Sperone Roccella e docente e dell’ADICONS, l’associazione dei dirigenti e dei collaboratori scolastici con Rosolino Cicero.

CORRELATI

Ultimi inseriti