Leonardo Canto e Giovanni Moncada: “Amministrazione colpevolmente assente”. In attesa del Sindaco, cittadini e Comitati Civici con un pugno di mosche.

Si respira aria di protesta in alcune Circoscrizioni di Palermo.
L’Avv. Leonardo Canto consigliere del gruppo “Comitati Civici della VI Circoscrizione e Il Presidente del Comitato Civico della Settima Circoscrizione Giovanni Moncada , esprimono enorme disapprovazione “dopo avere constatato, insieme alle varie associazione e comitati presenti, per quanto l’Amministrazione Comunale abbia snobbato con la propria ‘consapevole’ assenza, il ruolo della Circoscrizione. Ma cosa ancora più grave, – secondo  Canto e Moncada – è quello di avere deluso decine di cittadini e comitati che hanno sottoscritto un ordine del giorno che meritava essere discusso con l’Amministrazione Comunale, ma forse non ritenendoli meritevoli di un confronto e di una risposta e partecipare quindi , all’incontro-dibattitto organizzato per mercoledì 22 aprile che doveva tenersi presso i locali della IV Circoscrizione ha deciso di disertarlo”.
Il dibattito, promosso dai consiglieri del gruppo “Comitati Civici” Leonardo Canto, Claudio Castronovo, Francesco Riina, Giuseppe D’Aleo, Santi Spina e i responsabili dei Comitati e delle Associazioni: Comitato Civico Quarta Circoscrizione, Comitato Civico Settima Circoscrizione, Comitato Civico Ottava Circoscrizione, Comitato Civico Quartiere Pagliarelli, Ass. Culturale I Luoghi della Sorgente, Ass. Volontariato Movimento dei Cittadini Sicilia, Ass. Ruggiero Settimo; i cittadini Anna Maria D’Amico, Michele Curcio, Giovanni Moncada, Cetti Nobile, Andrea Nigro, Antonio Sciortino, Dario Saia, Claudio Perna, Giuseppe Chianchiano, Vincenzo Marino, Rosalba Vitale, Rosetta Sollazzo,Sonia Parrilli , Luciana Mangano, Rosalba Paternostro, Andrea Ducato, Giuseppe Trapani, Giovannella Greco, Gabrielle Di Giovanni, Salvatore Busalacchi, Fulvio Scimè, Vincenzo Mangano, Roberto Scaffaro, Carlo Tranchina, Salvatore Lo Giudice, Vincenzo Spinnato, Salvatore Spinnato, Agostino Spinnato e diventato punto posto all’ordine del giorno del  Consiglio di Circoscrizione, ha visto la partecipazione di due esponenti del Comando della Polizia Municipale, il Commissario Oneto e l’Assistente Capo Carta. La riunione, era finalizzata a trovare, attraverso dialogo, confronto e proposte, delle soluzioni efficaci alle frequenti problematiche cittadine sul tema della sicurezza, della manutenzione e della vivibilità dell’ambiente, con valutazioni efficaci sulla microcriminalità e l’abusivismo commerciale. Nello specifico, tema del giorno “L’implementazione della funzionalità sul territorio della città di Palermo dell’attività della Polizia Municipale”. Fondamentale se non necessaria, dunque, la partecipazione del Comandante o di un delegato della Polizia Municipale e, inoltre, certamente primaria la presenza del Sindaco e di un Assessore al ramo. Ma su questi ultimi niente da fare: il tema forse non ha provocato l’interesse di una amministrazione comunale definita “COLPEVOLMENTE ASSENTE!”, che, secondo quanto rilevato dai vari comitati civici e cittadini, sembra avere deliberatamente rifiutato la convocazione.
“L’ufficio del sindaco è stato sollecitato dalla Circoscrizione per ben tre volte anche telefonicamente a riscontrare l’invito senza avere alcuna risposta. Il giorno precedente addirittura la Segreteria del Sindaco, – continua l’avv. Canto – sollecitata nuovamente, rispondeva che il Sindaco era impegnato e non aveva trovato nessun soggetto che potesse sostituirlo e rappresentare in tale dibattito l’amministrazione comunale, stessa cosa per l’Assessore al ramo.”
La ricerca di soluzioni è stata intrapresa da chi è concretamente travolto dalle problematiche quotidiane, “da chi la città la vive”, dai cittadini; e così non sono mancati le richieste di chiarimenti e le domande da parte degli intervenuti ai due esponenti al Comando. Da una parte la carenza di organico, dall’altra la non idoneità del personale in servizio a causa dell’età avanzata e per motivi di malattia, spiegherebbe, secondo quanto emerso nel corso del dibattito, l’inadeguata efficienza delle forze della polizia in alcune zone, ma non per questo giustificherebbe la mancanza di un servizio.
Numerose le lamentele dei cittadini sull’ abusivismo commerciale in diverse parti della città, in particolare in Via Principe di Belmonte fino a Viale Strasburgo, “profondamente ingiusto che un commerciante debba pagare le tasse e vedere davanti alla propria saracinesca abusivi o, più spesso, ambulanti con la licenza che, invece di spostarsi ogni ora come prevede il regolamento comunale, stazionano intere giornate nei punti a più alto flusso commerciale”. Il rinvio ai regolamenti comunali ha chiuso l’argomento e troncato il dialogo. Dialogo che non sembra sussistere senza la presenza di chi potrebbe dare una risposta, senza le parole di chi rappresenta il Comune. Collaborazione ha esternato la Polizia Municipale, nonostante le difficoltà di cui si è detto,di svolgere al meglio il proprio servizio: a tale scopo sono stati forniti i seguenti contatti per agevolare una migliore interazione tra cittadino e Polizia Municipale:

CENTRALE:0916954203
AUTOGRU’:0916954328
EMAILCOMANDANTE: v.messina@comune.palermo.it

“Tuttavia, – conclude il Consigliere Leonardo Canto – si esprime l’amarezza e il disappunto per la mancata partecipazione dell’amministrazione comunale alla riunione. Tale assenza ha afflitto tutti quei cittadini rimasti con un pugno di mosche in mano. I comitati, infatti, si dichiarano pronti ad un forma di protesta ‘seria ed intelligente che non scada nel qualunquismo’ e che colpisca i tributi. Esempio un ricorso contro il pagamento della TARI”. Sperare in un ‘dialogo costruttivo’? Si, è possibile. Ma dipende molto da chi deve dare risposte certe ai quesiti posti dai Comitati Civici che sempre più se ne vanno fondando e che fanno sempre più registrare attivisti al proprio interno.

Ha collaborato Elisa Sanfilippo.