venerdì, 16 Aprile 2021
spot_img
Homesociale"leAli", una realtà che vola lontano

“leAli”, una realtà che vola lontano

L'Associazione per la Protezione Civile nata dalla voglia di aiutare e stare al fianco dei più bisognosi e che continua ad operare nel ricordo del presidente scomparso Aldo Melilli

leAli” è un’Associazione per la Protezione Civile che opera in Sicilia, prevalentemente a Palermo, e  nasce nel 2007 da un gruppo di volontari che crearono la prima sede nella sala da pranzo della mamma di uno dei fondatori. “Eravamo in 7 persone” afferma Sonia Pecorella, attuale Presidente dell’Associazione. “L’idea di chiamarci “leAli” venne a me per dimostrare il significato duplice del nome: le ali delle Aquile e il fatto che siamo persone oneste, leali, appunto”. Nasce come Protezione Civile, ma adesso è una realtà consolidata e attiva sul territorio siciliano.

I settori in cui l’associazione si specializza sono diversi: tutela e salvaguardia dell’ambiente, sensibilizzazione di tematiche sociali e solidali, informazione e formazione con particolare attenzione ai giovani che vogliono inserirsi e svolgere attività di volontariato all’interno dell’Associazione, con la possibilità di poter scegliere il settore che più si avvicina alle loro attitudini per l’applicazione del servizio di volontariato, ma anche il settore logistico.

L’Associazione si occupa molto attivamente di diverse problematiche che necessitano di interventi mirati, rapidi ed efficaci per poter garantire un servizio il più possibile vicino alle esigenze delle persone. In caso di grandi manifestazioni, tutti i componenti e tutto il personale volontario, vengono impegnati per garantire la presenza nell’area interessata all’evento.

I volontari di “leAli”, infatti, hanno collaborato negli interventi di soccorso durante l’alluvione di Giampilieri, il terremoto in Abruzzo, la recente alluvione a Barcellona Pozzo di Gotto, ma sono stati impegnati anche durante le diverse emergenze freddo, neve e sono attualmente impegnati per le operazioni di emergenza sociale dei “senza fissa dimora” a cui riforniscono generi di prima necessità e garantiscono loro un pasto caldo al giorno. “Il martedì, spiega Sonia Pecorella, la Coop, ci mette a disposizione i prodotti che stanno per scadere, in modo da cucinarli immediatamente e metterli a disposizione dei più bisognosi”.

Aldo Melilli
Aldo Melilli

Il 7 luglio 2017, il Presidente dell’Associazione, Aldo Melilli, è venuto a mancare prematuramente, lasciando un vuoto nel cuore non solo dei familiari, ma anche degli amici, dei collaboratori più vicini e in quello di chi lo aveva conosciuto. “Aldo – spiega Sonia Pecorella -, prima di morire, è riuscito a far aprire un dormitorio in Via Messina Marine gestito in partnership con altre associazioni e al Comune di Palermo. Una delle sue più grandi opere. Non tutti vogliono andare nel dormitori, anzi, molti preferiscono rimanere a dormire in strada. L’accesso al dormitorio avviene in base a criteri selettivi a seconda del tipo di necessità della persona o di eventuali problematiche che la stessa presenta”.

“Quando mi è stato chiesto: cosa è cambiato da quando Aldo non c’è più, rispondo che è una immensa perdita. Era impegnato h24 per l’Associazione. Anche quando sapeva di stare male ha continuato a lavorare. Ha dedicato la sua vita alla Protezione Civile. Aldo faceva tutto. È, e sarà sempre insostituibile. La più grande eredità che ci ha lasciato è l’amore per l’umanità. Adesso che non è più tra noi ci sono comunque tantissimi impegni e le persone con le quali collaboravamo continuano a chiamarci, motivo per cui, come se ci avesse passato il testimone, continueremo a lavorare nel ricordo di Aldo e delle cose grandi che ha fatto”.

Un uomo, Aldo Melilli, che ha saputo lasciare nelle persone che oggi lo ricordano, un messaggio forte e tenero allo stesso tempo: aiutare il prossimo. E questi, lo faranno con il cuore, la commozione e lo spirito che lo stesso Aldo ha saputo trasmettere con il suo impareggiabile e amato lavoro.

CORRELATI

Ultimi inseriti