Le viole dagli occhi chiusi: il nuovo romanzo di Fabrizio Catalano, il nipote di Leonardo Sciascia

Il libro è stato pubblicato da Edizioni Ex Libris con la prefazione di Lavinia Spalanca, dell’Università degli studi di Palermo

Le-viole-dagli-occhi-chiusi
Le-viole-dagli-occhi-chiusi - cover - particolare

È stato pubblicato “Le viole dagli occhi chiusi”, terzo romanzo di Fabrizio Catalano, regista e autore, che ha diretto spettacoli di grande successo, spesso tratti dalle opere del nonno Leonardo Sciascia.

L’autore si è a lungo occupato di Simbolismo, traducendo liriche e testi teatrali di diversi autori belgi e francesi e indaga sulle riletture cinematografiche di un vasto e trascurato patrimonio artistico.

“Le viole dagli occhi chiusi” è stato pubblicato da Edizioni Ex Libris con la prefazione di Lavinia Spalanca, dell’Università degli studi di Palermo.

Nel romanzo viene tracciato un percorso dalla variopinta e rumorosa natura della Bolivia tropicale alle ovattate atmosfere del Belgio pervaso dalle reminiscenze dell’Art Nouveau. L’emozionante e dolorosa storia di due gemelle, Leda e Fresia, è un viaggio dentro l’animo femminile, fra desideri e sensi di colpa, fra pulsioni incontrollabili e inestricabili interdipendenze. In un microcosmo chiuso, per sensibilità esacerbate, anche la passione più pura può avere conseguenze devastanti. Forse, spingere oltre l’orlo della follia. O forse no.