sabato, 23 Ottobre 2021
spot_img
HomeSpazio BrassL'Arte del Jazz: a Caltanissetta in scena i Reding Project

L’Arte del Jazz: a Caltanissetta in scena i Reding Project

Per la rassegna a firma Comune di Caltanissettta e Brass Group, dopo il successo del concerto di Bepi Garsia, il prossimo appuntamento oggi, giovedì 15 luglio, alle ore 21, a Largo Barile

Dopo il successo dello spettacolo inaugurale con in scena Bepi Garsia al piano solo, la rassegna L’Arte del Jazz continua con lo spettacolo del gruppo siciliano Reding Project il 15 luglio, alle ore 21, a Largo Barile a Caltanissetta. Ingresso libero sino ad esaurimento posti. 

Al festival MINIERA, costruito dal Comune di Caltanissetta, non poteva mancare il jazz. Si è avviata così una collaborazione tra il Comune e Fondazione Brass Group con cui è stato costruito un programma di quattro concerti, srotolati sul mese di luglio.

Il progetto Miniera indaga il territorio e si allarga all’Isola cercando di coglierne gli stimoli più interessanti: la musica è uno di questi, declinata anche in ambiti non abituali – interviene l’assessore alla Cultura, Marcella Natale – Sapere che arriveranno a Caltanissetta protagonisti di così alto livello, ci fa ben sperare in collaborazioni per il futuro”.  

Quattro concerti en plein air con artisti di calibro che inizieranno i loro tour proprio da Caltanissetta” sottolinea Grazia Giammusso, assessore comunale al Turismo e vicesindaco. 

Per il secondo appuntamento dedicato al mondo jazz, approda un sestetto che in questo momento sta raccogliendo consensi ovunque: Reding Project, band che due anni fa è arrivata sul palcoscenico del Festival dei Due Mondi di Spoleto, con le sue celebri song del repertorio jazz, riarrangiate dal punto di vista ritmico e armonico. Ciccio Leo (leader, compositore e arrangiatore oltre che pianista), Roberta Sava (voce), Filippo Schifano (tromba), Fabiano Petrullo (sax tenore), Stefano India (basso) e Federico Gucciardo (batteria) dimostrano già di avere le idee molto chiare visto che hanno vinto da pochi mesi il Concorso Bettinardi. E intendono il jazz come “libera espressione del cuore e dello spirito”.

CORRELATI

Ultimi inseriti