La Ztl notturna a Palermo si farà, il Tar si è pronunciato. Esultano i sostenitori del provvedimento

Ieri la tanto attesa pronuncia del Tar che conferma la validità del provvedimento di limitazione al traffico serale a Palermo. Ecco le dichiarazioni dei principali protagonisti in questa battaglia

Zona Traffico Limitato
Zona Traffico Limitato

“Non avevamo dubbi circa la bontà tecnico-amministrativa del provvedimento, così come non abbiamo dubbi sulla sua utilità per abbassare il tasso di inquinamento acustico e dell’aria nel centro storico, sostenendone la vivibilità e anche l’economia.
La ZTL notturna sarà, al contrario di quanto sostenuto da alcuni, uno strumento per rivitalizzare le attività economiche. Sia quelle del centro, perché vi sarà una riduzione della pressione veicolare e del conseguente caos, e per quelle esterne al Centro perché la ZTL favorirà una redistribuzione dell’utenza su tutto il territorio cittadino”.
Lo dichiara il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

E la Ztl notturna a Palermo potrebbe già partire dal prossimo week end.

“Quando Orlando e i suoi decisero d’imporre la Ztl, sbandierarono ai quattro venti che era un provvedimento preso soprattutto per tutelare la salute dei palermitani. Adesso che il Tar ha dato il via libera alla Ztl notturna per motivi economici, che fine ha fatto la tutela dell’ambiente?” Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell’Udc di Palermo, che prosegue: “Tanto rispetto per la decisione dei giudici, ma resta il grande bluff di fondo, soprattutto perché mancano i dati dei livelli d’inquinamento sia durante il giorno che nelle ore notturne. Quando sono state fatte le rilevazioni? In base a quali parametri? Con quali altri dati sono stati fatti i raffronti? Tutte domande che restano senza alcuna risposta e che dimostrano, ancora una volta, come Orlando e la sua Giunta non hanno mai veramente voluto tutelare la salute pubblica, ma pensato soprattutto ad imporre ai palermitani una tassa per evitare il fallimento dell’Amat, azienda che ha dovuto fare i conti con l’onerosissima gestione del tram”.

L’ordinanza del Tar che conferma la ZTL notturna è una buona notizia per la città, per la sua vivibilità, per la buona salute dei palermitani e per la tutela e salvaguardia del nostro ambiente. La bontà delle motivazioni, giuridiche e ambientali, per istituire la Ztl notturna è stata riconosciuta anche dal Tribunale amministrativo che ha confermato che il Comune ha depositato ‘una copiosa documentazione’  che evidenzia la necessità dell’estensione temporale della ZTL’ in ragione del considerevole flusso di traffico che si registrerebbe all’interno del Centro storico nelle ore serali/notturne, con incremento significativo degli indici di inquinamento acustico ed atmosterico’. La ZTL notturna è una necessità per la città e stiamo attivando le procedure per riuscire ad avvoare la misura di limitazione del traffico già dal prossimo fine settimana. Voglio esprimere un sentito ringraziamento agli avvocati che hanno sostenuto le ragioni di questo provvedimento e a tutti dirigenti e i funzionari dell’Amministrazione comunale e di Amat che hanno lavorato per rendere chiaro che questa misura, oltre che utile, è anche corretta sul piano formale. È ormai evidente che la mobilità sostenibile e le politiche ecologiche sono un vantaggio anche per le attività economiche e questo sarà presto chiaro anche per gli esercenti che si sono opposti alla ZTL notturna”. Lo dichiara Giusto Catania, assessore all’Ambiente e alla Mobilità del Comune di Palermo.

“Il Tar ha ribadito le nostre ragioni su tutta la linea e riconosciuto esclusivamente in via sperimentale di massimo un anno la validità del provvedimento. Facciamo un pò di chiarezza, perché chi canta vittoria oggi, forse non ha compreso le parole dei giudici”. Così Fabrizio Ferrandelli, leader dell’opposizione al Comune di Palermo. L’istituzione definitiva – precisa Ferrandelli – dovrà passare, come da noi sostenuto, dagli strumenti di pianificazione propri del Consiglio Comunale. La partita dunque si sposta nei luoghi più idonei. Invito pertanto l’amministrazione a riprendere il dialogo e non continuare con pericolosi ‘bracci di ferro’. La validità di questa sperimentazione è comunque subordinata al pronunciamento generale che si attende per la Ztl diurna a giugno 2020. In poche parole se decade la prima, decade anche la seconda. E da quello che leggo nel pronunciamento il mancato aggiornamento del PGTU ne è sostanziale assenza. Motivo per il quale le motivazioni dei ricorrenti mi sembrano più che fondate. Manca inoltre, come citato nel pronunciamento, il regolamento della Ztl previsto dall’ex L.R. 3 del 2016 e se in pochi giorni non sarà presentato sono pronto a chiedere l’intervento sostitutivo alla Regione. Vista l’emergenza relativa al Coronavirus – spiega Ferrandelli – invito comunque a una sospensione cautelativa. Come si può incentivare in queste ore l’uso di mezzi pubblici e condivisi, quando tutto è stato bloccato?”

“In questi giorni come forza politica abbiamo aspettato con doveroso rispetto le decisioni del Tar. Oggi accogliamo con soddisfazione quanto ha stabilito il Tar rispetto alla conformità dell’atto che diventa una spinta ulteriore per proseguire su un percorso iniziato già diversi anni fa e che punta a migliorare la qualità della vita in città. Palermo città ecologica, rispettosa dell’ambiente e fautrice della mobilità sostenibile. L’istituzione della ZTL renderà più vivibile il Centro storico anche nelle ore notturne”. Questa la dichiarazione dei consiglieri di Sinistra Comune: Barbara Evola, Fausto Melluso, Katia Orlando, Marcello Susinno.

“Vorrei ringraziare gli oltre 200 ‘residenti’ (in realtà complessivamente più di 370 se sommiamo i firmatari della petizione) che si sono impegnati attivamente per raggiungere questo obiettivo, offrendo una piccola quota del proprio prezioso tempo , per contrastare chi si vuole opporre ad un provvedimento necessario al miglioramento della qualità della vita di chi vive o semplicemente fruisce del centro storico. Questa iniziativa ha messo in luce come una parte della politica cittadina non abbia interesse ad ascoltare ciò che da anni i residenti a gran voce chiedono, barricandosi dietro una ostinata opposizione che non vuole tenere conto della realtà.
In fine ringrazio l’avvocato Luigi Raimondi per l’alta professionalità dimostrata, la pazienza e la disponibilità illimitata che ci ha prestato in questi giorni”. La dichiarazione di Fabrizio Brancato, residente  e promotore dell’iniziativa a sostegno della posizione del Comune davanti il Tar per l’istituzione della ZTL notturna.