La Via dei librai, il 5 e 6 settembre gli eventi che chiudono la quinta edizione

Un weekend pieno di appuntamenti per le due giornate che chiudono la quinta edizione della via dei librai. Trentatré gli incontri nelle due isole letterarie di via del Giusino e piazza Bologni. Lungo via Vittorio Emanuele 45 stand di editori

la via dei librai
Il palco davanti la Cattedrale: La via dei librai 2019. Ph. Sabina Spera

Il sogno della primavera diventa una realtà di fine estate. La via dei librai dopo l’edizione online a cui è stata costretta ad aprile, chiuderà la quinta edizione sul Cassaro, con un serie di presentazioni e di iniziative in presenza.

”Siamo davvero contenti di riuscire a chiudere entro il 2020 il cerchio tra “La via dei Librai web”, nel pieno del confinamento anti epidemico, e “La via dei Librai sul Cassaro”, in una fase in cui dobbiamo riprendere le attività, imparando a convivere con la pandemia. Abbiamo trovato forte sostegno dagli editori partecipanti, dai commercianti del Cassaro, dalle scuole e dalle Istituzioni a partire dall’amministrazione comunale con l’impegno ad esplorare ed apprendere le nuove dimensioni della relazione sociale all’interno della nostra comunità, anche per mezzo dei libri”, dicono Francesco Lombardo, Giulio Pirrotta, Giuseppe Scuderi, del Comitato scientifico La via dei Librai. Aggiunge Giovanna Analdi, presidente Associazione Cassaro Alto: “La via dei Librai” si conferma un’occasione importante per promuovere il Cassaro e le attività che si muovono intorno ad esso. Da imprenditori, seppure in un periodo difficile, continuiamo a sostenere il messaggio di una realtà cittadina attiva, che si dà da fare con impegno e fiducia per lo sviluppo economico e sociale”. 

E l’assessore alle Culture del Comune di Palermo, Mario Zito, insiste su questo concetto: “La manifestazione “Via dei Librai”, giunta alla sua V edizione si connota sempre più quale patrimonio culturale della città di Palermo. L’edizione 2020 assume un particolare significato perché, dopo la prima parte svolta esclusivamente online a motivo delle restrizioni causate dalla diffusione del Covid, ritorna “in strada” suo luogo privilegiato ed insostituibile. La “Via” diventa occasione per incontrarsi, per raccontarsi, per ritrovarsi. La “via” va percorsa ma va anche “attraversata” e mai come in questo periodo si sente forte il desiderio di un attraversamento verso la “normalità “.

Questa di settembre è, cronologicamente, un’appendice de La via dei Librai 2020, ma nei fatti, invece, assume un valore particolare, visto che riporta alla condizione naturale di manifestazione di strada per la quale è nata.

Dopo il confronto, ad aprile via web, con i caratteri dell’internazionalità della città (Palermo e non solo) insieme ad Alan Friedman, Simonetta Agnello Hornby, l’Instituto spagnolo Cervantes, l’Association Francophone de Sicile e molti altri testimoni dell’internazionalità, oggi torna il confronto in presenza, consapevoli del fatto che a Palermo c’è un notevole patrimonio di internazionalità.

Le tematiche che editori e autori, oltre che operatori culturali, rappresentanti istituzionali, imprenditori e cittadini hanno proposto per questa seconda fase, descrivono, attraverso i libri, uno scorcio dell’identità della città e della comunità, e proseguono lo svolgimento del tema conduttore di questa quinta bina edizione della manifestazione.

Trattanto sempre di letteratura nei suoi svariati generi, ma anche di relazioni tra cultura, economia e territorio (incontro su “Botteghe storiche e l’identità della città internazionale”; dibattito su “Aiuti alla piccola editoria siciliana”), di personaggi dell’impegno civile (incontro con don Cosimo Scordato; incontro con il giudice Alberto Di Pisa; presentazione del libro sul giudice Rosario Livatino; conversazione a partire dalla biografia di Piersanti Mattarella), e di musica (presentazione della biografia di Renzo Arbore; racconto del festival musicale “Palermo Pop 70”), chiariscono quali siano i caratteri identitari della città e come si confrontano con la realtà globalizzata attuale.

Molte delle proposte in programma segnano anche una connessione con i temi della Festa dell’onestà (anch’essa alla quinta edizione il 3 settembre), che fin dalla istituzione pone l’attenzione sui temi del civismo e dell’impegno per la comunità, spinto fino al sacrificio, i cui esempi sono, tra gli altri: quello del generale dalla Chiesa, quello del beato don Pino Puglisi e quello di Piersanti Mattarella, del quale quest’anno ricorre il quarantennale dall’omicidio.

Al confronto con la forma cartacea del libro, in questa edizione de La via dei Librai, a causa dell’emergenza, ma anche per esplorare nuove prospettive si aggiunge inoltre, un pò timidamente, l’approccio alla forma audiovisiva, già nella fase web, ma anche in questa fase in presenza, in cui si apre uno “spazio cinema” (a villa Bonanno), che intende dar conto della metamorfosi audiovisiva della narrazione, in particolare mediante l’arte del Cinema.

Se, infine, tra i tanti si volesse mettere in evidenza un elemento più significativo di questa edizione, potremmo ritrovarlo nel “mantenere la relazione” nella comunità: tra gli editori, gli autori e i librai; tra gli studenti e gli insegnanti; tra i booklovers e gli operatori della filiera del libro;  tra i commercianti del Cassaro e i cittadini. E tutto nonostante le opportune “distanze” personali.

La manifestazione è curata dal Comitato scientifico, composto da Francesco Lombardo, Giuseppe Scuderi e Giulio Pirrotta, e dai referenti dell’organizzazione Giovanna Analdi, Enrico Romano e Maurizio Zacco.

La Via dei Librai è promossa dal Comitato La via dei Librai, in collaborazione con l’Associazione Ballarò significa Palermo e l’Associazione Cassaro Alto e dal Comune di Palermo, con il patrocinio della ‘Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco’, del ‘Centro per il Libro e la Lettura’ del Ministero dei Beni Culturali, del ‘Maggio dei Libri’, e della Regione Siciliana e con il supporto di Confcommercio Palermo.

I canali ufficiali sui quali è possibile seguire le iniziative sono la pagina Facebook La Via dei Librai e i siti laviadeilibrai.it e  ballarosignificapalermo.it.

Il programma completo è disponibile online (23-27 aprile) e sul Cassaro (5-6 settembre 2020).

Sono possibili variazioni degli appuntamenti per cause tecniche o di forza maggiore.

TRA LE INIZIATIVE…

Alla Via dei Librai 2020 si presenta “Gli aquiloni”, la nuova collana editoriale di Edizioni Ex Libris dedicata alla narrativa didattica diretta da Sarà Favarò. La presentazione avrà luogo domenica 6 settembre presso l’isola pedonale del Cassaro Alto di Palermo, a Piazza Bologni alle ore 10.00. Con “Gli aquiloni” la casa editrice Edizioni Ex Libris si dedica ancora una volta al mondo dell’infanzia, proponendo diversi racconti a sfondo sociale, corredati da illustrazioni e schede didattiche, che rappresentano un prezioso e insostituibile supporto per genitori e insegnanti per facilitare, e verificare al tempo stesso, la comprensione del testo, sia nei suoi contenuti che nella forma linguistica e grammaticale. Ecco i nuovi titoli proposti: Principessa Sicilia, di Giovanna Tidona, e Bolle color Desideria” di Diletta Carlotta Carrara. Gli altri titoli della collana sono “L’idea di Nonna Bea” di Alessandra Muschella, “Abir – Il giardino incantato” di Giovanna Giarraffa e “Libero di Tornare” di Sara Favarò. Gli illustratori che hanno collaborato con la collana sono Roberto Vetrano, Tiziana Crivello e Diletta Carlotta Carrara. Le schede didattiche sono di Giovanna Giarraffa.

La letteratura medianica di Luigi Capuana nel saggio “Metafisicherie” di Gian Mauro Sales Pandolfini – Spiritismo, vampirismo e magnetismo negli studi ottocenteschi, si presenta a Palermo per la Via dei Librai. L’incontro avrà luogo domenica 6 settembre in via Collegio Giusino alle 19.00, nella zona pedonale del capoluogo siciliano denominata Cassaro Alto; converseranno con l’autore l’antropologo Stefano Montes dell’Università degli Studi di Palermo e il giornalista ed editore Carlo Guidotti. Il testo si offre, senza alcuna pretesa di completezza, quale agevole introduzione all’opera saggistica, letteraria e fotografica inerente allo spiritismo di Luigi Capuana, la cui opera è attraversata dalla costante del dubbio, dalla tensione tra realtà e finzione, tra Verismo e Simbolismo, tra certezze della scienza e metafisicherie del possibilismo, tanto da rendere limitante, se non vana, una rigida classificazione del poliedrico scrittore ottocentesco. Spiritismo, vampirismo, magnetismo e studio della morte nell’opera del grande scrittore approfonditi dallo studioso Gian Mauro Sales Pandolfini, che inserisce nel testo numerose fotografie dello stesso Capuana e una ricchissima bibliografia storica. La presentazione è scritta da Vittorio Sgarbi e la copertina è dello scenografo e librettista Luca Ferracane.

Presentazione di “Adesso parlo io”, domenica 6 settembre, ore 18, all’Isola Quasimodo

Il racconto per immagini della città di Palermo tra le vie del Cassaro. Nell’ambito de “La Via dei librai”, in programma sabato 5 e domenica 6 settembre tra reading, presentazioni e incontri con gli autori, la Dario Flaccovio Editore partecipa alla festa del libro con la presentazione di una delle ultime novità editoriali dell’estate: “Adesso parlo io. Palermo racconta” di Giuseppina Lombardo, con le illustrazioni della grafica Giuliana Flavia Cangelosi: un viaggio dove la città si racconta in prima persona attraverso gli occhi di due flâneur particolari. L’autrice presenta il suo libro domenica 6 settembre, alle ore 18, all’Isola Quasimodo, in via Collegio del Giusino. Con l’autrice interviene la studiosa e appassionata d’arte, Stefania Garifo. Il racconto di Giuseppina Lombardo è accattivante perché si sofferma su ciò che è meno conosciuto: i monumenti, gli edifici e le loro torri, gli svariati tesori sparsi lungo le strade di Palermo, osservandone e ricercandone le tracce più ancestrali. Si tratta di opere d’arte meravigliose, sovente abbandonate o dimenticate che l’autrice fa rivivere, illustrando la metamorfosi delle loro caratteristiche fino ai giorni nostri, in modo non schematico. Sfuggendo a inutili vittimismi e con leggerezza (il termine qui è utilizzato con valenza assolutamente positiva), Giuseppina Lombardo ci ricorda che la cura e l’attenzione nei confronti del patrimonio artistico della città sono dei valori fondamentali, che devono coinvolgere sia l’amministrazione sia la società civile, laddove «queste opere silenziosamente “gridano” la loro storia a chi sa ascoltarle».

Anche le Edizioni Museo Pasqualino alla Via dei librai

Appuntamento in presenza al Cassaro alto sabato 5 e domenica 6 settembre, dalle 9 alle 23.30. Sabato 5 settembre alle 18, nell’isola letteraria Leonardo Sciascia di piazza Bologni, le edizioni Museo Pasqualino presentano il libro “Rerum palatinorum fragmenta” di Antonio Pasqualino, a cura di Alessandro Napoli. Il volume è la quinta uscita della nuova serie della collana “Studi e materiali per la storia della cultura popolare”. Alla presentazione interverranno Rosario Perricone, Marianne Vibaek e Alessandro Napoli. Ancora nel weekend, ma al museo Pasqualino, sarà possibile, inoltre, visitare “Devozione e memoria”, la mostra di Giuseppe Bonsignore realizzata in collaborazione con Osservatorio Outisider Art, a cura di Eva Di Stefano e Rita Ferlisi. Per l’intensità del suo linguaggio poetico e della sua dimensione esistenziale brut, Giuseppe Bonsignore si può certamente annoverare tra gli outsider siciliani. In questo breve percorso espositivo si privilegiano alcune delle dimensioni fondanti della sua arte. Tra queste il misticismo, che lo conduce a immaginifiche sacre rappresentazioni di santi e figure divine della cristianità, e la storia e i simboli di Palma di Montechiaro, città amatissima nella quale visse profonde affezioni verso luoghi e persone. La mostra è visitabile domenica e lunedì dalle 10 alle 14; da martedì a sabato dalle 10 alle 18.

Presentazione “Dalla parte giusta” di Gianfranco Perriera (Centro Studi Pio La Torre)

È il racconto di una lotta in nome dei diritti che non si è fermata neanche durante i 18 mesi trascorsi ingiustamente in carcere da Pio La Torre quella del volume “Dalla parte giusta”, scritto da Gianfranco Perriera ed edito dal Centro Studi Pio La Torre. Il libro sarà presentato domenica 6 settembre alle ore 19 a Palermo, in piazza Bologni, in occasione della manifestazione “La Via dei Librai”. All’iniziativa saranno presenti: il sindaco Leoluca OrlandoVito Lo Monaco, presidente del centro studi Pio La Torre, Giulio Francese, presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, e Rita Barbera, già direttrice della Casa Circondariale Di Bona-Ucciardone. Nell’isola letteraria “Leonardo Sciascia” di piazza Bologni, l’attrice Silvia Francese leggerà alcuni brani del volume.

RIEPILOGANDO… una guida agli incontri

  • Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo che dialoga con Piero Longo, presidente emerito di Italia Nostra Palermo sul suo ultimo libro: “Il tempo dell’elefante” edito da New Frontiers srl (domenica 6 alle ore 18)
  • Giulio Francese, presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, insieme a Rita Barbera già direttrice della Casa Circondariale Di Bona-Ucciardone parla del libro di Gianfranco Perriera “Dalla parte giusta” edito dal Centro Studi Pio La Torre. (Domenica 6, ore 19. Isola Leonardo Sciascia).
  • Il magistrato Alberto Di Pisa dialoga con il professore Salvatore Di Piazza, dell’Università di Palermo, sul suo libro “Morti opportune” edito da Palermo University Press; (sabato 5 alle 18, isola Salvatore Quasimodo).
  • Matteo Cocchiara, presidente dell’Associazione degli Amministratori degli Enti Locali fondata da Piersanti Mattarella, dialoga con Pierluigi Basile, autore di “Le carte in  regola”, edito dal Centro Studi Pio La Torre domenica 6 alle ore 12).
  • Giovanni Basile dialoga con Giorgio D’Amato autore del libro “Io pinsavu una cosa”. (Domenica 6, ore 15. Isola Salvatore Quasimodo).
  • Don Cosimo Scordato dialoga con le autrici dei libri “Un Dio simpatico” (ed. Il pozzo di Giacobbe) e “Libertà di parola” (ed. Cittadella Editrice) (sabato 5 ore 11. Isola Salvatore Quasimodo).
  • “Adesso parlo io. Palermo racconta” di Giuseppina Lombardo. La casa editrice Dario Flaccovio festeggia i 40 anni. (Domenica 6, ore 18. Isola Salvatore Quasimodo).
  • “Quando Palermo sognò d’essere Woodstock” di Sergio Buonadonna, Navarra editore. Il racconto di Palermo Pop 70 e non solo (sabato 5, ore 21. Isola Salvatore Quasimodo).
  • “Renzo Arbore. La rivoluzione gentile” di Vassily Sortino, edizioni Leima. Trent’anni di tv in Italia con interviste e testimonianze. (Sabato 5, ore 19. Isola Salvatore Quasimodo).
  • Botteghe storiche e identità della città internazionale” con l’assessore comunale alle Culture, Mario Zito, e Patrizia Di Dio, presidente di ConfCommercio Palermo (sabato 5 ore 10. Isola Leonardo Sciascia).
  • “Aiuti alla piccola editoria” con Nicola MacaioneOttavio NavarraMaurizio Zacco moderati da Roberto Greco (domenica 6 ore 16. Isola Leonardo Sciascia).
  • Mario Calivà “Le Leggi razziali e l’ottobre del 1943” in occasione della 21° Giornata Europea della cultura Ebraica (domenica 6, ore 17. Isola Salvatore Quasimodo),
  • L’ultimo ricordo di e con Daniela Tornatore, edizioni Leima (sabato ore 21. Isola Leonardo Sciascia).