La Sicilia alla BIT di Milano. Presenti anche i Comuni fioriti: Petralia Soprana, Gangi e Geraci Siculo

La Borsa Internazionale del Turismo è in programma dal 9 all'11 febbraio a fieramilanocity. Anche la Sicilia Occidentale vola alla Bit a Milano: 9 partner insieme per promuovere le bellezze del Trapanese

bit
Bit Milano - padiglione Sicilia

Una Sicilia “cerniera del mar Mediterraneo” sempre più accessibile, affascinante e innovativa, sarà quella raccontata alla Bit, Borsa Internazionale del Turismo, dal 9 all’11 febbraio a fieramilanocity, che punterà sulle sue straordinarie potenzialità al servizio di ogni tipo di turista: appassionati d’arte, cultura, enogastronomia e tradizioni.

Il giorno dell’inaugurazione, domenica 9 febbraio alle ore 12:30, nel padiglione n°3, saranno il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci; l’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, Manlio Messina e l’assessore delle Attività Produttive, Girolamo Turano, a presentare in conferenza stampa il fitto cartellone “Grandi eventi 2020” e le strategie di promozione turistica.

Lunedì 10, alle ore 10:30, invece, illustreranno le tappe del “Giro di Sicilia” in programma dall’1 al 5 aprile insieme al direttore generale di RCS Sport, Paolo Bellino, e il direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni.

Con il padiglione più grande della manifestazione e un assetto straordinariamente immersivo, la Sicilia, coinvolgerà tutti e cinque i sensi, attraverso delle particolari installazioni, che permetteranno al visitatore di “toccare con mano” l’immensa bellezza dell’Isola, rimanendone incantato. Parola d’ordine sarà “eccellenza” e fondamentale in tal senso è il lavoro sinergico svolto dagli assessorati al Turismo, Attività produttive, dei Beni culturali e dell’identità siciliana, oltre all’Istituto per l’incremento ippico.

Durante la kermesse fieristica, riflettori puntati su “La fiera Mediterranea del Cavallo”, la più grande manifestazione equestre del Sud Italia, in programma dal 15 al 17 maggio ad Ambelia. Un evento che punta a riqualificare un bene pubblico, promuovendo gli sport equestri in un territorio dove il rapporto tra uomo e cavallo ha radici profonde. In occasione della Bit, infatti, il Museo archeologico di Gela esporrà elementi del V secolo tra bassorilievi e vasi.

Strategico risalto anche all’aspetto ricreativo e ludico, con la creazione di un percorso che riprodurrà uno spaccato del mondo siculo, sempre più al passo con i tempi, grazie all’inedita reinterpretazione, in stile pop art, del Satiro Danzante di Mazara del Vallo, con venti teste dai colori acidi.

Accoglienza, condivisione ma soprattutto storia, si confermano i punti forti della Sicilia, nel cui spazio, sarà possibile trovare una piramide di sale che farà rivivere i mitologici viaggi fatti attraverso il mar Mediterraneo. Ad ogni visitatore, infatti, sarà data la possibilità di portare con sé un pezzo di questa meravigliosa terra: piccoli “ricordi” di sale, simbolo di nuove sinergie.

Molto attesi anche i Fratelli Napoli, che, con i loro “Pupi Siciliani”, hanno scritto le più suggestive pagine di storia del teatro isolano, conosciuto in ogni parte del mondo, e che metteranno la loro arte costantemente al servizio della promozione turistica.

E poi ancora una vera e propria esperienza di gusto grazie a una regione capace di stupire anche in ambito enogastronomico, con le succulente e ricercate degustazioni di cibi cucinati dal vivo, che ingolosiranno i visitatori, valorizzando i piatti tipici della dieta mediterranea. La spremuta di arance rosse dell’Etna farà da sfondo alla carrellata di prelibatezze sul tavolo dei sapori: dalla tradizionale bottarga, al cioccolato di Modica con la sua unica lavorazione al freddo; dal pistacchio, “oro verde”, di Bronte, ai pregiati vini Doc.

Ogni giorno, verso sera, il padiglione cambierà forma, creando un’atmosfera magica grazie al Maestro Giuseppe Milici con la sua armonica a bocca, accompagnato al pianoforte dal M° Nicola Pannarale, che eseguiranno le più emozionanti melodie del repertorio jazz, brani inediti e le celebri colonne sonore dei film d’autore.

Ottanta le piccole e medie imprese siciliane del settore turistico che parteciperanno alla tre giorni milanese per proporre itinerari mozzafiato.

***

Tre comuni delle Madonie saranno presenti alla BIT di Milano. Si tratta di Petralia Soprana, Gangi e Geraci Siculo. I tre paesi avranno un loro spazio espositivo all’interno di quello che la Regione Siciliana ha messo a disposizione dei “Comuni Fioriti della Sicilia”. L’obbiettivo della Regione Siciliana è quello di mostrare il meglio delle eccellenze dell’Isola per proporre un brand Sicilia unico, di forte impatto e di grande appeal.

Naturalmente c’è grande fermento nei comuni interessati considerata l’opportunità offerta dall’Assessorato al Turismo della Regione Siciliana di poter partecipare ad una vetrina internazionale del turismo della portata della BIT che è tra le dieci fiere di viaggi e turismo più importanti del mondo, con numeri da capogiro sia in qualità e quantità degli espositori sia dei visitatori e operatori professionali del settore.

I comuni fioriti siciliani insieme all’associazione partner “Vivo in Sicilia” presenteranno la proposta di un “itinerario fiorito di Sicilia” un percorso green per esaltare le caratteristiche intrinseche dei singoli paesi legati dal comune denominatore del motto “Fiorire è Accogliere” ossia l’appartenenza al Circuito Nazionale dei Comuni Fioriti.

Sicilia…un mare di fiori tra storia e bellezza” è lo slogan che appare sulla brochure che sarà distribuita durante la tre giorni. Non mancherà anche un video rappresentativo della filosofia Comuni Fioriti che presenterà e farà apprezzare le bellezze dei singoli comuni.

Grande la soddisfazione di Michele Isgrò coordinatore dei comuni fioriti in Sicilia e con lui anche quella dei sindaci Pietro Macaluso, Francesco Migliazzo e Luigi Iuppa.

I primi cittadini di Petralia Soprana, Gangi e Geraci Siculo credono fortemente in questa opportunità che è un’operazione di marketing turistico legato all’ambiente e alla possibilità di intercettare un turismo esperenziale legato ai tempi della natura, al vivere lento e alla scoperta di tradizioni, usanze, cibo e ruralità. Tutti elementi che questi paesi madoniti custodiscono egregiamente e che potrebbero diventare punti di forza per attrarre turismo internazionale.

I “Comuni Fioriti della Sicilia” presenti alla BIT 2020 sono: Forza D’Agrò, Gangi, Geraci Siculo, Mongiuffi Melia, Petralia Soprana, Pettineo, Santo Stefano di  Camastra, Sinagra, Terme Vigliatore e Tusa.

***

I Comuni di Castellammare del Golfo, Erice, Favignana, Pantelleria e San Vito Lo Capo, il Gac Isole di Sicilia, Liberty Lines e Funierice volano alla Bit a Fiera Milano city sotto un’unica insegna, “The Best of western Sicily”, il meglio della Sicilia Occidentale. Otto partner riuniti in un’area espositiva (padiglione 3, stand A09-C08, di fronte allo spazio della Regione Siciliana) progettata e coordinata dall’agenzia Feedback di Palermo fanno sinergia per promuovere insieme un territorio ricco di storia, cultura e bellezze naturali. Nell’ambito del programma della Bit saranno presentate a giornalisti, viaggiatori e operatori del settore le strategie di promozione turistica, il calendario degli eventi e le principali attrattive di questa area della Sicilia.

Si comincia domenica 9 febbraio alle ore 11 con l’appuntamento dedicato al Comune di Castellammare del GolfoScopello: “destinazione da scoprire, emozioni da vivere”. A raccontare le bellezze della cittadina, tra gli altri, il sindaco Nicolò Rizzo, l’assessore allo spettacolo Maria Tesè e Maria Grazia Culcasi, tra gli organizzatori del Djoon Experience festival che quest’anno si svolgerà a Castellammare.

Alle 12:30 è il turno del Comune di San Vito Lo Capo, perla del turismo trapanese, che racconterà le sue bellezze ma anche tutte le iniziative messe in campo per la promozione turistica: dal tradizionale appuntamento con il Cous Cous Fest al San Vito Out door festival.  All’incontro parteciperanno, oltre al sindaco di San Vito Lo Capo Giuseppe Peraino e all’assessore comunale al turismo Nino Ciulla, anche Mareme Cisse, la chef senegalese campionessa in carica del Cous Cous Fest e Federico Quaranta, conduttore televisivo e radiofonico. Al termine della presentazione si svolgerà una degustazione di cous cous alla sanvitese a cura degli chef Enzo Caradonna e Peppe Peraino. Lo showman Sasà Salvaggio farà una simpatica incursione allo stand. Al festival internazionale di San Vito Lo Capo sarà dedicata anche un’esclusiva serata ad inviti, il Cous Cous Fest Soirèe, al ristorante Filippo La Mantia, a Milano: un percorso attraverso la tradizione gastronomica della Sicilia Occidentale tra gusti, profumi e colori che esprimono la Sicilia e le sue mille anime. Dopo lo chef e attore Andy Luotto e il cuoco siciliano La Mantia, quest’anno altri due personaggi saranno proclamati Ambassador del festival nell’ambito della serata.

Domenica 9 febbraio alle ore 14:30 si prosegue con l’appuntamento del Comune di Favignana e si chiude, alle ore 16, con la presentazione del libro di Federico Quaranta, “Terra. Riscoprire le nostre origini per costruire un futuro migliore” (Sperling & Kupfer).

Il programma della Borsa internazionale del turismo prosegue lunedì 10 febbraio alle ore 11 con l’incontro dedicato alla società Funierice, che gestisce il servizio di trasporto pubblico e turistico in funivia con il piccolo borgo medievale; alle 12 si parla dei progetti dell’amministrazione di Erice alla presenza, tra gli altri, del sindaco Daniela Toscano Pecorella, di Salvatore Denaro, dirigente del settore turismo, cultura e centro storico del Comune di Erice e di Bruno Bertero, direttore marketing DMO della Regione Friuli Venezia Giulia mentre alle ore 13:30 spazio alle strategie turistiche di Pantelleria, “la Sicilia che non ti immagini, l’Africa a portata di sguardo” con il vice sindaco Maurizio Caldo, Danilo Giglio di Vivere Pantelleria e Vincenzo Pernice del Vivaio Federico Paulsen; si prosegue alle 14:30 con tutte le destinazioni gestite dalla compagnia di navigazione Liberty Lines, raccontate dal direttore commerciale Nunzio Formica: dalla Sicilia alla Puglia, dalla costa istriana alle isole greche. Alle ore 16 si chiude con l’appuntamento del Gac Isole di Sicilia, presieduto da Giuseppe Pagoto, che sarà incentrato, soprattutto, sulle tecniche di pesca artigianale.

Chiude il programma della Bit, martedì 11 febbraio alle ore 11, l’incontro dedicato ad Unicredit, dal titolo “Unicredit4TheBestofWesternSicily”, al quale parteciperanno, tra gli altri, Vittorio La Placa, Head of retail Sicilia Unicredit , Massimo Itta, Vice President Account Management Mastercard e Claudia Vassena, Head of Buddybank.

 

Print Friendly, PDF & Email