La Canottieri TeLiMar con Elena Armeli e Violante Lama conquista 3 titoli italiani

TLM_CAN_armeli lama
TLM_CAN_armeli lama

Grande giornata per la Canottieri TeLiMar sulle acque della Standiana di Ravenna, dove oggi, domenica 6 settembre, si sono disputate le finali del Campionato Italiano Master, con il Club dell’Addaura che ha portato a casa ben tre titoli, due nel Singolo e uno nel Doppio.
 
Incoronate dal VicePresidente Nazionale della FederCanottaggio Andrea Vitale Campionesse d’Italia, nel Singolo Master A, Elena Armeli e, nel Singolo Master B, Violante Lama: Armeli ha superato con ampio distacco Martina Gilardi (SN Pullino) e Laura Falbo Barbieri (Ginnastica Triestina), che ha completato il podio del Singolo Master A, mentre tra le Master B Lama ha conquistato il tricolore davanti ad Alessandra Caraffini (Gavirate) e Giulia Perisco (VVF Tomei).
 
La coppia esplosiva del Circolo palermitano ha, poi, gareggiato nel Doppio Master A, ottenendo un’altra medaglia d’Oro, tenendo dietro l’armo del Padova Canottaggio, con l’imbarcazione Tremezzina sul gradino più basso del podio.  
 
Prima gara in acqua dalla ripresa delle attività dopo il lockdown, i Campionati Italiani Master erano un appuntamento fondamentale per la Canottieri TeLiMar che in questo 2020 ha aggiunto un altro obiettivo ai target ambiziosi di inizio stagione: gli Europei di Coastal Rowing.
 
Marco Costantini, Capo Allenatore Canottieri TeLiMar: «La FederCanottaggio ha diramato i criteri selettivi per indossare la maglia Azzurra agli Europei di Coastal Rowing, che sono in programma in Toscana per la fine di ottobre: con Elena Armeli e Violante Lama proveremo a metterci in mostra nel Doppio agli Italiani di Coastal Rowing e Beach Sprint che si terranno a Lignano Sabbiadoro dall’11 al 13 settembre. Fare bene a Ravenna era importantissimo, perché è stato un modo per mettersi alla prova: un conto sono gli allenamenti, tutt’altra storia è invece scendere in acqua per gareggiare. I titoli vinti oggi sono stati la riprova dell’ottima forma fisica e mentale delle nostre atlete».