Il mercato ortofrutticolo di Palermo si aprirà: ecco i giorni e le modalità di accesso

mercato ortofrutticolo - palermo
caos nei giorni scorsi al mercato ortofrutticolo di Palermo

Palermo. Il Sindaco Leoluca Orlando ha disposto nel corso della Giunta telematica svoltasi oggi, che le attività del mercato ortofrutticolo di Palermo (momentaneamente sospese al fine di permettere l’adeguamento delle procedure alle prescrizioni volte al contrasto del Coronavirus) riprendano sabato mattina con la ricezione dei prodotti ortofrutticoli da parte dei produttori, per la successiva vendita a partire da lunedì mattina.

L’apertura eccezionale del sabato, motivata dalla prolungata sospensione delle attività e dalla necessità di accelerare i tempi di ripresa della regolare fornitura di cibi freschi alle rivendite cittadine, è destinata unicamente all’ingresso dei concessionari e, in tre turni dalle 6 alle 12, dei mezzi pesanti e dei venditori locali indicati dagli stessi concessionari e registrati sulla piattaforma comunale.

La decisione è stata comunicata a tutti i concessionari, con la notifica che in caso di mancato adeguamento alle decisioni assunte dal Comune di concerto con le Autorità competenti, si valuterà la sussistenza dell’interruzione di pubblico servizio per i provvedimenti del caso.

“Si avvia il meccanismo necessario e indispensabile – ha affermato il Sindaco Orlando – per garantire che l’approvvigionamento alimentare della città prosegua in modo regolare e ordinato, garantendo a tutti i soggetti coinvolti, primi fra tutti gli operatori commerciali del mercato stesso, la tutela della salute e la prevenzione del contagio”.

A partire da lunedì, il Mercato entrerà a regime secondo il nuovo sistema implementato dal Comune che conferma la netta separazione fra le due fasi di scarico e vendita delle derrate ed introduce un contingentamento degli accessi previa registrazione-prenotazione e rilascio di un codice univoco di accesso all’area che sarà verificato dagli Addetti alla vigilanza (guardie giurate comunali del Coime) supportati dalla Polizia municipale e dalle altre Forze dell’Ordine.

I dettagli del piano varato dal Comune:

1. l’accesso al mercato per chiunque può avvenire esclusivamente attraverso verifica dell’autodichiarazione che motiva lo spostamento, sul modulo standard valido per la Regione Siciliana – corredato da documento di identità;

2. relativamente ai concessionari e ai loro dipendenti quanto sopra dovrà essere accompagnato dal cartellino 2019 ovvero, in mancanza, dalla richiesta di cartellino 2020 se non ancora rilasciato;

3. relativamente alle figure dei c.d. portantini e carrellisti sarà l’associazione dei concessionari a tesserarne in numero complessivo di 100, per cui gli stessi potranno accedere presentando il tesserino rilasciato oltre alla predetta autocertificazione.

Orari e prescrizioni per gli accessi a regime:

Alle 3                               ingresso dei concessionari, dipendenti e portantini;

Dalle 4 alle 6                   primo turno di compratori (max 100, pre-registrati);

Dalle 7 alle 9                   secondo turno di compratori (max 100, preregistrati);

Dalle 10 alle 13               pulizie 
Dalle 13 alle 14.45          primo turno 10 autotreni (lu e ve) ovvero 69 altri produttori locali (negli altri giorni)

Dalle 15 alle 16.45          ingresso secondo turno 10 autotreni (lu e ve) ovvero di 23 altri produttori locali negli                                              altri giorni

Ore 17                             chiusura mercato

Tutto il contingentamento degli ingressi avviene tramite piattaforma telematica a cui possono registrarsi unicamente titolari di partita Iva.

Per quanto riguarda i venditori (Autotreni o produttori locali) avviene su registrazione da parte dei concessionari del mercato: 20 autotreni il lunedì e il venerdì e 92 altri produttori gli altri giorni.

Per gli acquirenti avviene tramite registrazione degli stessi sulla medesima piattaforma telematica, nel numero massimo di 200 al giorno (due turni da 100).

Tutti i registrati devono fornire partita IVA e altri dati e devono tutti impegnarsi ad essere dotati di dispositivi di protezione individuale.

Altre previsioni

Creazione di area di calma dinanzi al mercato attraverso la chiusura al traffico del tratto di via Montepellegrino (direzione centro città) che va da via Autonomia Siciliana sino al termine (incrocio via dei Cantieri).

Due punti di filtraggio degli accessi con controllo dei dati e dei documenti di accesso, anche ai fini del DPCM.

Presenza all’interno del mercato della Polizia municipale per la verifica del rispetto delle norme di sicurezza e igiene.

“L’apertura straordinaria di sabato è necessaria perché al più presto riprenda l’attività mercatale e si garantisca la veloce distribuzione in città, anche con la funzione di frenare tentativi di speculazione da parte di alcuni. Il Comune a sua volta sta facendo proprio per questo un ulteriore sforzo straordinario, che segue ad un impegno notevole di tutti gli uffici e di molti dirigenti per trovare la giusta soluzione al problema, mobilitando per sabato mattina un ingente numero di unità di personale della Polizia Municipale, del Coime, dei servizi di guardiania, della RAP e della Reset. Tutte persone ed uffici che hanno compreso la delicatezza del momento e che stanno dando il massimo perché Palermo possa superare questo momento di crisi gravissima”. Lo ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando in merito all’apertura straordinaria di sabato del mercato ortofrutticolo.

Sull’apertura eccezionale del mercato ortofrutticolo, decisa oggi in Giunta, interviene anche il presidente della VI Commissione consiliare, Ottavio Zacco. “Esprimo apprezzamento – dichiara Zacco – per la scelta del Sindaco, per la preziosa collaborazione dei concessionari e la sinergia con la prefettura e la questura di Palermo, che hanno garantito il diritto all’approvvigionamento dell’ortofrutta alla città ed evitato lo sciacallaggio da parte di alcuni, sui prezzi al consumatore finale, garantendo il diritto alla vita e mettendo in atto l’organizzazione necessaria con un piano di sicurezza studiato nei minimi dettagli al fine di contingentare gli ingressi al mercato di concessionari, carrellisti, acquirenti e fornitori. Un’organizzazione complessa che ha meritato uno studio approfondito e che purtroppo ha alimentato polemiche, da parte di alcune realtà politiche, inopportune in un momento così delicato per l’intera città. Nei momenti critici – conclude – la politica dovrebbe unirsi, al di là delle appartenenze, per trovare soluzioni concrete ai problemi, invece si continuano a vedere polemiche sul mercato ortofrutticolo che umiliano gli sforzi dei concessionari, degli agenti della polizia municipale, del personale comunale e Reset impiegato nei mercati generali e a cui va la mia stima e la mia gratitudine”.

“Quando un sindaco chiude il mercato ortofrutticolo perché non  riesce a fare rispettare le sue disposizioni penso che dovrebbe trarne le conclusioni. La frutta, le verdure e gli ortaggi cominciano ad avere prezzi fuori mercato e il sindaco decide di tenere chiuso il mercato”. Lo aveva affermato stamani Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “Che la sede di via Montepellegrino non sia certo quella più adatta dove far transitare tutta la merce che finisce sulle tavole dei palermitani, lo si sapeva da un bel pezzo, almeno dalla scorsa estate, dopo anche gli interventi dell’Asp di Palermo che ordinò immediati lavori di pulizia e sanificazione. Ma, ripeto, la nostra città non si può permettere un mercato off-limits. Intanto, è assolutamente lunare questo braccio di ferro tra amministrazione comunale e concessionari. Una prova di forza che non serve a nessuno, anzi penalizza soltanto i cittadini. Si trovi subito la soluzione più adatta per garantire la sicurezza e la salute di tutti gli operatori. Intanto, però, non si può restare con le mani nelle mani. E’  indispensabile, infatti, trovare un’altra e più idonea sede. Una possibile soluzione è a distanza di poche centinaia di metri, la fiera del Mediterraneo che ha tanti ingressi e tante uscite, più facilmente controllabili e gestibili. Forse, il sindaco e i suoi più stretti collaboratori non hanno la benché minima idea dell’organizzazione di un mercato ortofrutticolo. Bastava copiare il metodo adottato da una qualsiasi città d’Italia – conclude la Figuccia – dove i mercati continuano tranquillamente a lavorare. Probabilmente, Orlando si vuole contraddistinguere per modernità e innovazione, ma è riuscito solo a privare la cittadinanza di un servizio essenziale”.

*** AGGIORNAMENTO AL 27 Marzo ***

Alle ore 17.30 sono complessivamente 179 gli operatori commerciali registrati sul portale del Comune (http://mercati.comune.palermo.it) per l’accesso al mercato, oltre ai concessionari nelle giornate di domani e lunedì.

In particolare, sono già registrati 17 autotrasportatori con TIR (su un massimo possibile di 20) e 16 piccoli produttori locali (su un totale di 69) per l’accesso sabato e 146 compratori (su un massimo previsto di 200) per l’accesso lunedì.

Domani scatterà l’ordinanza urgente per la regolamentazione del traffico (n.289 del 27/03/20) per la quale il Coime sta procedendo alla collocazione dei dissuasori.
Il Servizio Mobilità Urbana ha stabilito la limitazione della circolazione veicolare sulla carreggiata direzione via dei Cantieri di via Montepellegrino.

In particolare, il provvedimento dispone:

– in PIAZZA GEN. A. CASCINO, carreggiata direzione via dei Cantieri, tratto compreso tra via dell’ Autonomia Siciliana e via Montepellegrino: divieto di transito veicolare dalle ore 00.00 alle ore 17, ad eccezione dei veicoli diretti al Mercato ortofrutticolo, di quelli diretti al Porto, di quelli superiori alle 3.5 t., di quelli diretti in via Angiò, di quelli diretti all’ Astoria Palace Hotel e di quelli dei Residenti delle vie Angiò e Montepellegrino.

– in VIA MONTEPELLEGRINO, carreggiata direzione via dei Cantieri, intero tratto: divieto di transito veicolare dalle ore 00.00 alle ore 17 ad eccezione dei veicoli diretti al Mercato Ortofrutticolo, di quelli diretti al Porto, di quelli superiori alle 3.5 t., di quelli diretti in via Angiò, di quelli diretti all’Astoria Palace Hotel e di quelli dei residenti delle vie Angiò e Montepellegrino. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sul lato sinistro della carreggiata dal civico 168 a via Biagio Petrocelli e sui due lati della carreggiata da via Biagio Petrocelli a via dei Cantieri, ad eccezione dei veicoli che devono effettuare le operazioni di carico e scarico delle merci all’interno del Mercato ortofrutticolo. Chiusura con barriere tipo new jersey dei varchi ubicati, ad eccezione di una corsia larga m. 3, per consentire l’inversione di marcia in direzione monte: all’altezza del civ. 132 (Poste Italiane); all’altezza di via Biagio Petrocelli; all’altezza dell’ingresso principale mercato, con l’aggiunta di barriere amovibili, da aprire in caso di necessità, che integrano quelle fisse.  

Gli ingressi saranno controllati dalle Guardie giurate del Coime e dalla Polizia Municipale col supporto delle altre forze di Polizia.

L’apertura straordinaria del sabato ha richiesto una notevole mobilitazione di personale che per il sindaco Leoluca Orlando “è assolutamente necessaria perché si confermi l’impegno del Comune e di tutte le istituzioni coinvolte nel garantire la regolare fornitura di alimenti freschi alla città, nel pieno rispetto delle misure precauzionali contro la diffusione del contagio. Domani un gran numero di dipendenti del Comune, portieri, guardie giurate, agenti di Polizia municipale e funzionari sarà impegnato per dare un chiaro segnale di impegno per la città”.