Il Conservatorio di Palermo per la “Giornata di protesta e di proposta”

Anche il Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Palermo aderisce all’iniziativa “di protesta e di proposta” indetta dall’Assemblea dei Presidenti, Direttori e Studenti con cui gli Istituti Superiori Musicali Italiani chiedono al governo una riforma attesa ormai da 16 anni. Una protesta che attraverserà tutta l’Italia da nord a Sud: docenti e studenti del Conservatorio “Agostino Steffani” di Treviso suoneranno sotto la prefettura, ad Alessandria il “Vivaldi aprirà le sue porte mattina e pomeriggio, a Pescara il Gabriele D’Annunzio organizza incontri con la cittadinanza, mentre in Sicilia l’Istituto Musicale Toscanini di Ribera suonerà nella Valle dei Templi. Contemporaneamente agli altri 77 istituti italiani di alta formazione musicale (Afam), che suoneranno all’aperto o nelle proprie sale da concerto per sollecitare risposte, i docenti e gli studenti del Conservatorio di Palermo daranno vita ad un pomeriggio di musica che a partire dalle ore 17, e fino alle ore 20, li vedrà avvicendarsi sul palcoscenico della Sala Scarlatti e nelle diverse aule dell’istituto.

L’ingresso all’intera manifestazione sarà libero.