Il Castello di Maredolce tra le tenute agricole medievali spagnole ed arabe: se ne parla a Palazzo Ajutamicristo

maredolce
Il Castello di Maredolce a Brancaccio

Ospite a Palermo, per l’incontro del 3 marzo a Palazzo Ajutamicristo, l’archeologo spagnolo Julio Navarro Palazon, che lavora presso il Consejo superior de investigaciones cientificas nella Scuola di Studi Arabi di Granada.

Navarro insieme a Carmen Trillo San José, professoressa di Storia medievale presso l’Università di Granada,  ha curato la pubblicazione di Almunias, raccolta di saggi sulle ricerche svolte in Spagna, Italia e nel Magreb sulle tenute agricole che, nelle fonti arabe medievali vengono denominate in vario modo e fra gli altri “munya”, di cui si conservano resti significativi nel rapporto fra l’architettura ed il territorio, come nel Generalife di Granada o l’Agdal di Marrakech. Nel volume trova spazio anche il Castello di Maredolce nel saggio di Tito Royo.

Il programma della conferenza, che prenderà il via alle ore 17, prevede i seguenti interventi:

Julio Navarro Palazon, Tenute agricole e di piacere nell’Occidente musulmano (XII secolo): il Castillejo di Monteagudo (Murcia) e l’Agdal di Marrakech;

Giuseppe Barbera, Maredolce-La Favara: il luogo, la civiltà araba e normanna, l’evoluzione del paesaggio nella Conca d’Oro

Stefano Vassallo, Archeologia nel castello di Maredolce-La Favara

Pietro Todaro, Sopravvivenze di manufatti d’acqua d’influenza araba nel Palermitano.

Il Palazzo Ajutamicristo si trova in via Garibaldi 41 a Palermo.

Info: Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo.