lunedì, 27 Settembre 2021
spot_img
HomeevidenzaIl 2020 entra negativamente nei libri di storia

Il 2020 entra negativamente nei libri di storia

Un anno pieno di dolore ma per alcuni anche di gioia. Consigli per i negazionisti e i no-vax

Ci sono anni che ricordiamo come meravigliosi e altri come i peggiori della nostra vita. Gli altri, come sono passati nel dimenticatoio, come se non fossero trascorsi.

In che modo definire il 2020? Sicuramente uno dei peggiori, per non dire il peggiore dalla Seconda guerra mondiale. Un anno in cui la paura e l’ansia hanno preso il sopravvento, causa il Covid-19.

Il numero dei morti con questa malattia nel mondo è stratosferico e fa rabbrividire.

Il 2020 è anche l’anno in cui siamo tornati ad avere fiducia sia nella nostra disastrata e bistrattata sanità, che nella ricerca e a riporre la speranza in un vaccino che possa trasformare il Covid-19 in una brutta influenza, non letale.

E alla fine dell’anno il tanto agognato vaccino è arrivato. Dal 27 dicembre è iniziata la prima fase delle vaccinazioni contro questo letale coronavirus. Siamo ben lontani dall’essere salvi o fuori pericolo, ancora ci vorrà tanto tempo, ma bisogna essere fiduciosi.

Capitolo a parte meritano i negazionisti, per i quali quello che stiamo vivendo è un “complotto” architettato per impaurire e soggiogare la popolazione, o qualcosa di simile. Pur rispettando il parere di tutti, a loro vorrei chiedere: spiegate la vostra tesi a chi ha visto morire un proprio familiare senza poter dare l’ultimo abbraccio; spiegatelo a chi giornalmente lotta, mettendo a rischio la propria vita, per curare i malati; spiegatelo a quelle persone che sono state male, ricoverate per tanti giorni in terapia intensiva e che, per fortuna ne sono uscite. Insomma, spiegatelo in modo convincente, altrimenti rischiate prima di ricevere un sonoro “vaffa” e poi di essere linciati. Ricordate, però, che il vostro pensiero, e le relative azioni “contro legge”, oltre a dimostrare una assoluta mancanza di rispetto per il prossimo, possono uccidere.

Passiamo ai no-vax, secondo i quali la teoria base è che i vaccini rechino danni alla salute, come se il covid o un’altra malattia per la quale è stato trovato il vaccino non li recassero. Ad oggi, le percentuali degli effetti “indesiderati” dei vaccini esistenti è così bassa che non giustifica il non vaccinare tutta la popolazione. E’ opportuno ricordare ai no-vax che la vaccinazione di massa comporta anche un effetto protettivo “indiretto” sui soggetti non vaccinati, noto come immunità di gregge. Senza questo effetto “indiretto” di cui beneficiano, non so fino a quando rimarrebbero della stessa idea e sarebbero disposti a mettere in gioco la propria vita a fronte di un eventuale effetto “indesiderato”.

In questa lotta contro il nemico Covid-19 e sue varianti, bisogna anche pensare ai malati di cancro, si stimano oltre 377mila all’anno solo in Italia, che durante questo periodo sono stati indotti ad abbassare la guardia, e ai malati cardiologici per i quali l’emergenza Covid ha triplicato il tasso di mortalità. In pratica questo Covid-19 sta facendo più danni di quanti se ne possano immaginare. Speriamo di non dovere pagare le conseguenze negli anni a venire, sia sul piano della salute che su quello economico, aspetto quest’ultimo da non sottovalutare.

Passiamo al lato positivo dell’anno 2020. Molti penseranno: ma cosa può esserci di positivo? Per tanti è anche un anno di gioia. Si stimano oltre 400mila nuovi nati. E cosa c’è di più gioioso della nascita dei figli? Penso proprio nulla. Poi ci sono stati i matrimoni, alcuni rimandati di mesi durante il lockdown ma in seguito celebrati con tutte le accortezza, come le mascherine indossate durante tutta la cerimonia.

E, infine, ci sono persone che dal 2020 festeggeranno la loro seconda nascita. Proprio così, venire riportati in vita in seguito ad un arresto cardiaco, come nel mio caso, a un incidente o scoprire di essere guariti dal cancro è un dono meraviglioso. Si impara ad apprezzare ancor di più la vita, gli affetti e le piccole cose, e inizi ad aver paura, mischiata a tanta angoscia, per le malattie.

Ma bisogna guardare sempre avanti ed essere fiduciosi in un futuro migliore per tutti, anche per i negazionisti e i no-vax.

Buon anno 2021 in cui la normalità possa essere la straordinarietà della vita.

Auguri

CORRELATI

Ultimi inseriti