ICS Sperone Pertini, tornano i vandali. Terzo raid in un mese

La solidarietà anche dal ministro Lucia Azzolina

sangu e latti
ICS SPERONE PERTINI - plesso Randazzo - scuola primaria

Palermo. Terzo raid nel giro di un mese ai danni dell’ICS Sperone Pertini che, poche settimana fa, dopo il secondo, aveva ricevuto tutta la solidarietà delle Istituzioni locali, e perfino del ministro Azzolina che aveva anche dedicato un post su Facebook alla scuola cittadina, ricordando l’impegno della dirigente scolastica Antonella Di Bartolo.

“Ne prendo atto – commenta sul suo profilo social la Preside -. Constato insieme alla comunità scolastica e territoriale quanto è avvenuto. Studiamo ulteriori precauzioni.
Ma una cosa è certa: la scuola c’è e ci sarà sempre per il quartiere e per i suoi figli”.

Ad essere preso di mira, stavolta, è stato il plesso Randazzo di via Sperone dove ha sede la scuola primaria, mentre nelle altre due vicende era toccato al plesso Sacco e Vanzetti, che ospita invece l’infanzia, ed il penultimo nella sede delle medie di via Pecori Giraldi.

Stavolta i vandali, almeno, non hanno portato via nulla, ma sono riusciti ad entrare nonostante il sistema di allarme. Sugli episodi indaga la Polizia, e sembrerebbero non collegati tra loro.

“L’ennesimo attacco alla scuola Pertini è un attacco condotto contro i bambini e le bambine che la frequentano, contro le famiglie del quartiere, contro gli insegnanti e tutti gli operatori.
Come già in passato, l’Amministrazione è vicina anche materialmente e con un sostegno pratico alla comunità scolastica così gravemente colpita, nella speranza che gli autori di questo gesto vile vengano presto individuati. Proprio alle famiglie del quartiere, i cui figli sono le prime vittime di questi atti di vandalismo e di questi furti, rivolgiamo un appello perché siano vicine alla scuola e ai suoi operatori, che facciano sentire a tutti da che parte è chiaramente schierata la nostra comunità”. Lo hanno dichiarato il sindaco, Leoluca Orlando e l’assessore alla Scuola, Giovanna Marano.

“Nel giorno in cui avevamo gioito per il conferimento del titolo di cavaliere del lavoro alla dirigente Lo Verde della scuola Falcone, la notizia del terzo raid vandalico ai danni dell’Istituto comprensivo Sperone Pertini in meno di un mese ci desta inquietudine e preoccupazione. Dopo il plesso di via Pecori Giraldi e quello Sacco e Vanzetti, è toccato ora al plesso Randazzo, violato da ignoti che tuttavia non hanno portato via nulla. Proprio questa circostanza rende il senso appunto di una violazione gratuita in sfregio all’Istituzione e a tutti i valori di legalità e giustizia che la scuola Sperone Pertini incarna. Esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà alla dirigente Antonella Di Bartolo, a tutta la comunità educante della scuola e ai tanti abitanti del quartiere Sperone che vivono questo gesto come una ferita alla loro onestà e dignità, esortando tutti a non abbassare la guardia di fronte a episodi di tale gravità, che attentano all’Istituzione che più di ogni altra mira all’educazione e dunque alla libertà di tutte e tutti i cittadini”. Lo dichiarano i consiglieri del gruppo Avanti Insieme: Valentina Chinnici, Paolo Caracausi, Massimo Giaconia, Claudia Rini, Toni Sala.

“Solidarietà ad Antonella Di Bartolo, preside della scuola Pertini: il plesso è stato danneggiato da ignoti per la terza volta in poche settimane. La scuola è un bene comune, che consolida e valorizza il rapporto con il territorio; un presidio di legalità da difendere contro ogni possibile attacco. Confidiamo nel lavoro di rete di questi anni svolto dalla dirigente Di Bartolo, che ha creato un rapporto di fiducia con il quartiere di Brancaccio e le Istituzioni. Conosciamo la determinazione della preside e la forza dell’intera comunità scolastica. Siamo sicuri che il percorso di crescita del quartiere non si arresterà malgrado i reiterati atti di vandalismo contro la scuola”. Lo dichiarano i consiglieri comunali di Sinistra Comune: Barbara Evola, Fausto Melluso, Katia Orlando, Marcello Susinno.

“E’ assurdo il terzo episodio di vandalismo in poche settimane nei confronti dell’Istituto Pertini di Palermo, ribadiamo la nostra vicinanza nei confronti della preside e di tutta la comunità scolastica, sono atti inaccettabili. Chi colpisce le scuole colpisce il cuore della nostra società, noi saremo sempre a fianco delle istituzioni scolastiche e dei cittadini, ancor più nelle periferie dove le scuole rappresentano un importante presidio democrazia e legalità. Serve maggiore sorveglianza”. Cosi il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana e Vito Cassata segretario generale Cisl Scuola Palermo Trapani che ribadiscono la solidarietà della Cisl nei confronti della scuola Pertini di Palermo.

Il messaggio del Ministro della Pubblica Istruzione, Lucia Azzolina

Siamo al terzo raid vandalico in un mese all’interno del plesso scolastico Sperone-Pertini di Palermo. Stavolta non hanno rubato niente, ma sono entrati danneggiando la grata di una finestra. Come le scorse volte ho contattato la Dirigente scolastica Antonella Di Bartolo per esprimere la mia vicinanza. Evidentemente questa scuola dà fastidio a qualcuno. Dovete sapere infatti che l’istituto ha raccolto 2.500 euro per aiutare le famiglie più in difficoltà della zona, convertendo questa somma in buoni spesa. Una scuola dunque molto attiva dal punto di vista sociale e questo probabilmente infastidisce chi dalla povertà altrui ci guadagna. Ancora una volta mi ritrovo a condannare questi atti ignobili, a nome di tutto il Ministero, e ad esprimere la mia vicinanza a tutto il personale scolastico e alla Dirigente scolastica, donna combattiva che svolge un lavoro preziosissimo insieme ai docenti in un territorio difficile. Antonella non sarà mai sola e anche stavolta, come Ministero, aiuteremo l’Istituto intervenendo per riparare i danni subiti.