Furto di rame allo Sperone: danneggiata una cabina di pubblica illuminazione

cabina sperone 1
cabina sperone 1

Un furto di rame danneggia e spegne la cabina di pubblica illuminazione denominata “Sperone 1”. Un intervento urgente degli operatori di AMG Energia è iniziato ieri mattina nella zona dello Sperone compresa fra via Messina Marine, via La Ferla, via Diaz, via Laudicina: si lavora per ripristinarne, almeno in modo parziale, il funzionamento.

Il furto è stato scoperto venerdì sera, nel corso dei controlli di routine sugli impianti di pubblica illuminazione eseguiti dagli operatori di AMG Energia. La cabina di media tensione, che si trova in via XXVII Maggio, alimenta oltre 360 punti luce.

Ignoti hanno portato via i collegamenti in rame dell’impianto di messa a terra e danneggiato alcuni dispositivi della cabina che, per questa ragione già venerdì sera, non è potuta entrare in funzione.

Sono rimasti spenti gli impianti di illuminazione della zona: da via Alagna a via Bertett, da via Di Vittorio a via Laudicina, da via Li Puma a via XXVII Maggio, un tratto di via Messina Marine, di via Sperone e traverse. Sul posto, assieme agli operatori di AMG, è intervenuta una pattuglia della polizia che ha effettuato i primi rilievi.

“Come sempre in questi casi procediamo alla denuncia del furto e dei danni subiti – spiega il presidente di AMG Energia, Mario Butera – Immediatamente è stato avviato l’intervento di ripristino: stiamo lavorando per cercare di rimettere in funzione la cabina e gli impianti ma non sappiamo ancora quanto incideranno nelle operazioni i danni provocati dal furto. Si tratta purtroppo di azioni criminali che provocano un notevole danno economico alla società e un disagio ai cittadini, la cui collaborazione è fondamentale: eventuali attività sospette vanno subito segnalate ad AMG Energia e alle forze dell’ordine”.

AGGIORNAMENTO

Di nuovo in funzione, da sabato sera, la cabina di pubblica illuminazione “Sperone1” e gli impianti della zona compresa fra via Messina Marine, via La Ferla, via Diaz, via Laudicina, via XXVII Maggio. Gli operatori di AMG Energia, al lavoro per tutta la giornata di sabato, hanno definito il ripristino dei dispositivi e dei collegamenti della cabina dopo il furto di rame, compiuto da ignoti, che venerdì sera ne aveva impedito l’accensione.

“Siamo riusciti a limitare i disagi soltanto ad una sera – sottolinea il presidente di AMG Energia, Mario Butera – Ringrazio tutto il personale intervenuto che, con grande attenzione e professionalità, scoperto il furto e i danni in cabina, ha gestito e risolto il problema in tempi brevi”.