Fu senatrice e consigliere comunale: muore a Palermo Simona Mafai

Simona Mafai

Aveva 91 anni Simona Mafai, nota per la sua carriera politica, locale e nazionale, esponente della sinistra siciliana, fu dirigente del PCI, senatrice (1976-1979), capogruppo al consiglio comunale ed attivista per i movimenti e la difesa dei diritti delle donne, per il divorzio e l’aborto, ma anche per la lotta alla mafia. Aveva anche fondato, tra le tante sue attività, la rivista Mezzocielo.

La Mafai fu colpita da un ictus, qualche giorno fa, e stamani la notizia del suo decesso a Palermo.

“La scomparsa di Simona Mafai – ha dichiarato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – riguarda una protagonista della vita culturale e politica del nostro Paese, fortemente legata alla Città, nella quale ha promosso, in tempi lontani, battaglie profetiche per i diritti di tutti e per i diritti in particolare delle donne. L’impegno di Simona Mafai, in coerenza con prestigiosissimi suoi familiari del mondo dell’arte e della cultura, è stato un dono alla comunità nazionale e in particolare a quella palermitana, che oggi è certamente cambiata sul versante della sensibilità per i diritti anche grazie alle sue battaglie. 
La gratitudine e l’ammirazione in questo momento si unisce al cordoglio per i suoi familiari e per tutti coloro che hanno condiviso, anche non conoscendola personalmente, le sue coraggiose battaglie”.

La camera ardente dell’ex Senatrice e Consigliera comunale è stata allestita a Villa Niscemi, e sarà aperta al pubblico a partire dalle 15.30.

Print Friendly, PDF & Email