venerdì, 21 Gennaio 2022
spot_img
HomesocialeFesteggiamenti per il bicentenario del Corpo di Polizia Penitenziaria: i sindacati non...

Festeggiamenti per il bicentenario del Corpo di Polizia Penitenziaria: i sindacati non partecipano

In occasione del Bicentenario della Fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria, che si terranno negli Istituti Penitenziari siciliani, Sappe, Sinappe, Osapp, Uilpa, Cnpp, Cisl-Fns, Uspp e Fp – Cgil, comunicano che non parteciperanno ai festeggiamenti.

I segretari Calogero Navarra, Nicolò Lauricella, Rosario Di Prima, Gioacchino Veneziano, Letterio Italiano, Domenico Ballotta, Francesco D’Antoni e Paolo Anzaldi in una nota, spiegano le motivazioni: “Non vi è alcun motivo per festeggiare semmai la ricorrenza deve indurre a riflettere sul futuro del Corpo e sul malessere generale che vive il personale giornalmente, e che spesso si traduce in gesti disperati ed estremi”.

Il riferimento riguarda gli ultimi due episodi verificatisi a Palermo e a Prato, che hanno visto protagonisti due poliziotti penitenziari che si sono tolti la vita a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro.

“Ogni giorno – si legge ancora –si registrano, nelle carceri italiane, gravissimi eventi critici che vedono spesso soccombere i poliziotti penitenziari, sempre più soli e privi di strumenti di difesa”.

Per accendere i riflettori sui disagi in atto, i sindacati hanno indetto una manifestazione di protesta che si terrà domani, martedì 19 settembre in piazza Montecitorio, a Roma; l’iniziativa si svolgerà a partire dalle 9:00, in concomitanza con la cerimonia celebrativa del Corpo.

“Tutte le sigle – commentano Armando Algozzino e Gioacchino Veneziano, rispettivamente segretario nazionale e regionale della Uilpa Polizia Penitenziaria – hanno assunto una posizione netta in merito alle ultime vicende e anche la decisione di non prendere parte ai festeggiamenti esprime coesione, in Sicilia come nel resto d’Italia”.

Tra le richieste che la Uilpa e le altre sigle avanzeranno nel corso della manifestazione sindacale, figurano anche un adeguato piano di nuove assunzioni, maggiori risorse per il rinnovo contrattuale e la rimodulazione del provvedimento relativo al riordino delle carriere.

CORRELATI

Ultimi inseriti