Claudio Giambruno e Giuseppe Milici in concerto per la rassegna Brass at Spasimo

Il jazz al centro del legame che unisce questi due grandi artisti che promettono una "giostra di suoni" e brani dei repertori più vari

Claudio Giambruno e Giuseppe Milici

Continuano con successo le esibizioni della stagione concertistica “Brass at Spasimo” firmata dalla Fondazione the Brass Group. In scena con un doppio set venerdì 12 aprile alle ore 20.30 e 22.15 al Blue Brass, il musicista palermitano Claudio Giambruno con un ospite di eccezione che accompagnerà il noto sassofonista per entrambi i concerti in programma nello storico jazz club. 

“Claudio Giambruno guest Giuseppe Milici” è un progetto musicale nato dalla grande amicizia che lega i due musicisti per il profondo amore verso la musica jazz. Il duo sarà accompagnato al pianoforte da Giovanni Conte, al contrabbasso da Giovanni Villafranca e alla batteria da Paolo Vicari. Sarà una giostra di suoni, uno straordinario esercizio di stile e di perfezione. 

Un crescendo di emozioni quello proposto dal duo Giambruno-Milici con l’esecuzione di brani considerati capolavori del jazz, ma anche di classici della musica pop, sconfinando in giostre di musiche tipiche di un sound appartenente a colonne sonore del genere dell’improvvisazione. I due musicisti interpreteranno un percorso ben delineato con una incisiva musicalità, forte ed intensa e, nel contempo, sofisticata.

Una rivisitazione musicale tipica delle esibizioni dei jazz club newyorkesi, andando a toccare sentimenti profondi con commoventi vibrazioni. Quando accade, inoltre, che l’armonica a bocca si piega alle forme dell’improvvisazione jazzistica, la magia del suo suono incanta sempre il pubblico e regala alle composizioni eseguite un fascino tutto particolare. 

E’ proprio nel solco tracciato dai vari interpreti che lo stesso Milici si è costruito negli anni una solida reputazione internazionale come uno dei pochi specialisti di armonica cromatica  che siano capaci di impiegare lo strumento non solo in eclettici ambiti pop ma anche in contesti rigorosamente jazzistici. Mentre Gianmichele Taormina, giornalista e critico musicale, tra le più autorevoli penne del jazz italiano, ha detto di Giambruno: «Tra i nuovi nomi che prepotentemente emergono nel vasto panorama del jazz italiano, quello di Claudio Giambruno, si staglia come una delle sorprese più belle e coinvolgenti. Claudio spicca per virtuosismo, spontaneità ed enorme ricchezza poetica».

Anno 1982, laureato in Sassofono Jazz al Conservatorio Bellini di Palermo, con 110, lode e menzione con una tesi sperimentale su Joe Henderson, Giambruno, in pochi anni riesce a ritagliarsi uno spazio di rilievo nel panorama delle nuove generazioni, del jazz italiano, sia come leader che come sideman, infatti, oltre a guidare diversi progetti, collabora stabilmente con alcuni dei migliori musicisti della scena nazionale.

Attualmente ricopre il ruolo di sassofonista dell’Orchestra Jazz Siciliana della “Fondazione The Brass Group” esibendosi negli ultimi anni con artisti di calibro nazionale e internazionale, tra i quali: David Kikoski, Eliseo Loreda Garsia, Fabrizio Bosso,  Max Ionata, Enrico Pieranunzi, Roberta Gambarini, Nicole Henry, Halie Lauren, Simona Molinari, Mauro Grossi, Dino Rubino, Seby Burgio, Dario Carnovale, Giorgio Rosciglione, Marteen Weyler, Enzo Zirilli, Gianni Cavallaro, Mimmo Cafiero, Vito Giordano.

La Fondazione ha attivato, oltre all’acquisto online dei biglietti tramite il circuito www.bluetickets.it, i due punti di prevendita, uno presso il Real Teatro Santa Cecilia ed un altro presso Santa Maria dello Spasimo.

Per maggiori informazioni contattare la Fondazione The Brass Group al: 091 778 2860 – 3312212796, oppure visitare i siti : info@thebrassgroup.itwww.thebrassgroup.it.

Print Friendly, PDF & Email