Cani da tutto il mondo alla 65̂ Esposizione Internazionale Canina di Palermo -FOTO

Palermo 19.09.2016 – Border collie, doberman, pinscher, cane corso, dogo argentino, bassotto, cocker, american staffordshire, levrieri: sono alcune delle razze, che hanno gareggiato ieri alla 65̂ Esposizione Internazionale Canina di Palermo. L’iniziativa, patrocinata dal Comune e organizzata dal Kennel Club Palermo, si è svolta nella struttura equestre del Parco della Favorita.

cane2

«Si sono iscritti circa 650 cani provenienti da differenti regioni d’Italia e da diversi paesi europei, in tutto 120 razze. All’esposizione la razza rottweiler tra le più rappresentative. – ha spiegato il presidente del Kennel Club Palermo Giorgio VaroliLe selezioni per le premiazioni dei soggetti migliori sono state affidate a undici giudici esperti e, tra questi, anche due stranieri, Anthony Kelly dall’Irlanda e Manuel Ramirez M. dalla Spagna».

«Questa manifestazione conferma il Parco della Favorita come punto di riferimento per i quattro zampe della città. – ha aggiunto il sindaco OrlandoUno scenario meraviglioso e una struttura che valorizza queste tipologie di attività: non mancheranno certamente tante altre iniziative, tutte rivolte al rispetto e all’amore per gli animali».

Un pubblico numeroso per i tantissimi quattro zampe, che, dopo le selezioni e i vari raggruppamenti,  si sono contesi il titolo di “ Best in Show”, assegnato dal giudice Anthony Kelly ad Aragon, cane corso di Massimo Puccio.

«Una location perfetta per un evento che sicuramente mostra una grande passione per la cinofilia. Sono contenta di avere trovato una cospicua partecipazione di giovani – ha affermato, tra i giudici, Anna AlbrigoOggi, all’esposizione, ho apprezzato particolarmente i bassotti a pelo duro».

«Rispetto alla volta precedente ho notato una maggiore attenzione e più qualità nei cani. – ha precisato l’esperta Maria Grazia MigliettaPer quanto riguarda la struttura, il Parco della Favorita è sicuramente un luogo ottimale all’esposizione canina».

cane1

All’interno della manifestazione anche il raduno del cane di Mannara, valido per il riconoscimento R.S.A. di prima generazione. «Oggi  sono presenti una quindicina di soggetti e tre di questi sono stati iscritti al registro R.S.A., registro provvisorio tenuto dall’Ente Nazionale delle Cinofilia Italiana. – ha illustrato Fabrizio La Rocca, presidente dell’Associazione Samannara  (Associazione per la salvaguardia del cane di mannara)Il fine principale della nostra associazione è la salvaguardia dall’estinzione, il recupero morfologico–funzionale e la tutela del “cane di mannara”. L’Ente Nazionale delle Cinofilia Italiana, a tal proposito, ci ha riconosciuto dei fondi volti al censimento genealogico e genetico di questi soggetti: attraverso il prelievo del DNA, finalizzato allo studio di questa popolazione canina e un’analisi specifica e accurata, cercheremo di dimostrate che la razza esiste, è indipendente e ha una sua identità specifica e storicamente connotata».

Un appuntamento, dunque, quello dell’Esposizione Internazionale Canina di Palermo, dedicato interamente ai cani, che ha unito non soltanto esperti e appassionati di cinofilia, ma anche semplici amanti di animali e visitatori curiosi.

Galleria Fotografica 

Print Friendly, PDF & Email