CALCIOTrapani, conferenza stampa del direttore sportivo Daniele Faggiano

Questa mattina, presso la sede del Trapani Calcio, è intervenuto in conferenza stampa il direttore sportivo Daniele Faggiano. Nell’incontro con i giornalisti il direttore sportivo ha voluto sottolineare che la Società, pur amareggiata per quanto accaduto nella partita contro il Siena, è pienamente consapevole che gli errori da parte della quaterna arbitrale possono essere commessi in qualsiasi gara, ma non devono condizionare, così come non hanno condizionato, la squadra ed il suo gioco.

Il post Siena e le polemiche sul gol fantasma.

“L’umore non è dei migliori perchè parlare dopo tre sconfitte non è mai facile e la cosa che mi rammarica di più è che siano arrivate immeritatamente. Capisco la rabbia di tutti i tifosi, ma ci tengo troppo alla mia squadra, alla mia società e alla mia città. Noi della società del Trapani Calcio parleremo nelle sedi opportune, sono arrabbiato e speriamo di non subire più certi errori, però bisogna capire che anche gli arbitri sono umani. L’errore ci può stare, stavolta è capitato a noi. Però sono cose che possono succedere. Adesso dobbiamo pensare al Latina, una squadra più spensierata rispetto a noi perchè non viene da tre sconfitte consecutive e che, anzi, ha tanto entusiasmo perchè arriva dalla prima storica vittoria in serie B. Non dobbiamo vincere per forza, dobbiamo giocare per forza”.

Nessun calo fisico

“Calo fisico o errori difensivi? Quando si prende gol la colpa è di tutta la squadra, però penso non ci sia stato un calo fisico domenica scorsa. Dalla parte destra abbiamo sofferto nel finale perchè Nizzetto, al 28’ della ripresa, si era fatto male e aveva chiesto il cambio non accorgendosi che avevamo già esaurito le sostituzioni. C’è da dire pure che molte squadre in queste tre partite in una settimana hanno cambiato tanto, noi invece abbiamo cercato di cambiare però non potevamo contare su Daì e Lo Bue, non potendo pertanto far rifiatare Garufo e Rizzato, che sono comunque sempre andati al massimo in queste partite. E poi non c’era nemmeno Terlizzi, che ha dovuto scontare il secondo turno di squalifica. Tante situazioni dunque non ci hanno favorito, ma di certo non si può parlare di calo fisico. Abbiamo sprecato troppe energie, ma abbiamo fatto noi la partita. Nessuno però ha notato che Nizzetto durante la parte finale della partita di Siena ha avuto un risentimento muscolare. Aver perso 11 contro 10 fa ancora più rabbia perchè avevamo già fatto le tre sostituzioni. Il mister è stato costretto in precedenza a fare l’ultimo cambio inserendo Priola al posto di Martinelli che si era fatto male, ma sarebbe dovuto entrare Ciaramitaro”.

Tanti complimenti nonostante il ko.

“La partita l’ha vista tutta Italia, tutti hanno avuto parole di elogio per il Trapani. Però dal punto di vista mentale secondo me dobbiamo essere più bravi nella gestione delle vittoria, bisogna sempre volare basso. C’è sempre da migliorare e lavoreremo per questo. E’ più difficile gestire una vittoria, o gli 8 punti in quattro partite, che queste sconfitte. Nonostante i ko, abbiamo ricevuto tanti complimenti ma abbiamo incassato 0 punti”.

Dimenticare le tre sconfitte consecutive.

“Sto notando una grande maturità da parte dei tifosi trapanesi e questo, dopo tre sconfitte, non me l’aspettavo. C’è rabbia per quello che è successo, però sono consapevole che comunque la mia squadra gioca bene. La nostra è una delle poche squadre che gioca al calcio, una squadra che cerca sempre di costruire l’azione, anche se in svantaggio, e di avere un calcio studiato durante la settimana. Le tre sconfitte dobbiamo scordarcele, il ko di Modena non ha fatto tremare le gambe contro il Cesena e stessa cosa è successa contro il Siena. La squadra ha risposto sempre in maniera ottimale. Adesso siamo a mille, abbiamo tanta voglia di riscatto perchè quando perdiamo non viviamo una bella settimana, qui nessuno vuole perdere. Ci fanno piacere i complimenti però pure i ragazzi vogliono far punti perchè puntiamo ad una veloce salvezza tranquilla. Nelle prime quattro partite tutti guardavano la parte alta della classifica, io invece ho sempre guardato in basso e continuerò a farlo”.

 Campionato difficile e ancora lungo.

“Dopo sette partite abbiamo raccolto 8 punti ed è una situazione che tutti avremmo auspicato alla vigilia della stagione. Io sono contentissimo della squadra che abbiamo, il campionato è lunghissimo e dobbiamo stare sempre attenti. Non ho mai pensato che fosse un campionato facile, tante volte la sfortuna incide però noi non molleremo mai. Dobbiamo essere più cinici, cattivi e furbi: a Siena avremmo potuto chiudere la partita a favore nostro e invece siamo stati sconfitti all’ultimo secondo”.

Al termine della conferenza stampa il direttore sportivo Daniele Faggiano ha comunicato che la Società si avvarrà della collaborazione di Vincenzo Todaro quale addetto agli arbitri.

Vincenzo Todaro, 32 anni, laureato in giornalismo, è dipendente di un Consorzio Fidi. Da sedici anni nell’A.I.A., per tre anni è stato in Commissione Arbitri Nazionale Pro, dirigendo sette gare in Prima Divisione e 38 in Seconda Divisione. E’ stato quarto ufficiale in una gara in serie B.