Calcio. Sesta vittoria consecutiva Ssd Palermo

I rosanero vincono e convincono sempre di più. 4-1 sulla Cittanovese

Palermo / Cittanovese - Coreografia curva nord
Corografia della curva Nord

Prima dell’inizio della partita, il Presidente Dario Mirri ha consegnato la nuove maglia della squadra all’arcivescovo Corrado Lorefice, presente oggi all’incontro tra il Palermo e la Cittanovese.

Il Presidente Mirri consegna maglia della squadra all’arcivescovo Lorefice

Il Palermo non solo vince, ma si diverte e soprattutto fa divertire il suo pubblico, (dati ufficiali 15.556 spettatori paganti).

Coreografia della curva Nord

Manco il tempo di iniziare la partita e a meno di un minuto dall’inizio Giovanni Ricciardo va in goal e lo stadio in visibilio.

Primo goal – Ricciardo

La partita prosegue a ritmi veloci, sembra di giocare come quando ero bambino (mi riferisco chiaramente alla mia generazione, quella dei vecchietti) che si giocava ad una sola porta, infatti il secondo goal era nell’aria da parecchio e al 23° Edoardo Lancini va in rete con un colpo di testa scaturito da un calcio di punizione battuto magistralmente da Malaury Martin.

Secondo goal – Lancini

Cinque minuti dopo, al 28° viene assegnato al Palermo un calcio di rigore, la palla era già entrata in rete su tiro di Andrea Accardi, dal dischetto Giovanni Ricciardo non fallisce e segna il terzo goal per il Palermo,  doppietta per lui.

Terzo goal – Ricciardo

Al 34° Paolo Giorgiò realizza l’unico goal della Cittanovese.

Si va al riposo con il risultato del 3 a 1 per il Palermo.

Secondo tempo un po’ mosciarello, come era facile aspettarsi, anche se le occasioni da goal ci sono state per entrambe le squadre. La Cittanovese, nonostante essere sotto di due reti, prende un po’ di coraggio e finalmente si fa vedere dalle parti di Alberto Pelagotti, che comunque è sempre attento a non farsi sorprendere.

Dal 20° inizia il valzer dei cambi, prima la Cittanovese e poi il Palermo dal 28°.

In particolare al 31° del secondo tempo, entra Ferdinando Sforzini che prende il posto di Giovanni Ricciardo, che lascia il campo con un’ovazione del pubblico. Manca passano trenta secondi che il nuovo entrato Sforzini, di testa realizza il quarto goal della giornata, annullando agli ospiti ogni pensiero di recupero sui rosanero.

Quarto goal – Sforzini

Quindi risultato finale al termine dei 90 minuti regolamentari, più i quattro di recupero: Palermo 4 Cittanovese 1. Il Palermo mantiene la testa della classifica a più tre dalla diretta inseguitrice, che non molla, l’Acireale.

Tributo alla curva nord

Che dire, un mio amico mi scrive su facebook e mi chiede se mi sono divertito, “certo” rispondo io ed aggiungo “moltissimo”.

All’uscita dallo stadio sento una giovane signora che chiede a sua figlia se gli era piaciuta la partita, la bambina senza esitare risponde di “si” ed aggiunge “mi ci porti la prossima volta?”

Mentre camminavo per raggiungere la macchina, ho visto tante facce soddisfatte e contente, mi ha colpito una scritta sul retro di una maglietta che inneggiava alla squadra del cuore, il Palermo naturalmente, peccato che la mia memoria non sia quella di un tempo, non la ricordo perfettamente però sono sicuro che conteneva queste parole: < … esiste una sola squadra, quella del cuore … > naturalmente la scritta era rigorosamente rosa-nero. E tra me e me ho esclamato “questo è vero amore per la propria squadra, questo è un vero palermitano”.

Leggendo questa scritta ho subito pensato ai tanti palermitani che purtroppo tifano per le cosiddette blasonate. È facile tifare per le grandi squadre, ma tifare per il Palermo non ha eguali, è la squadra della tua città, prendete esempio dai tanti, che nonostante adesso siamo in serie D cioè tra i dilettanti, continuano ad amare e seguire la squadra del cuore. Vorrei vedere questi pseudo tifosi se la loro squadra blasonata finisse in sere D, se gli rimarrebbero fedeli.

Un plauso particolare all’allenatore Rosario Pergolizzi che, nonostante avesse un tutore al piede, per il noto infortunio che gli è occorso lo scorso lunedì mentre dirigeva l’allenamento della squadra, ha seguito la partita sempre in piedi. Grazie Mister.

Forza Palermo sempre e comunque.

Io ci credo

Print Friendly, PDF & Email