Calcio. Il nuovo Palermo vince e convince battendo fuori casa il Roccella

Palermo - foto ssdpalermo.it
Palermo - foto ssdpalermo.it

Il Palermo porta a casa la terza vittoria di fila, nell’incontro odierno in trasferta con il Roccella vincendo per 2 a 0, anzi sarebbe potuta finire con un risultato più rotondo se i rosanero sottoporta fossero stati leggermente più precisi e fortunati, non facendosi negare i gol da un palo e da una deviazione fortuita.

Piccoli giocatori crescono, oggi mi sono particolarmente piaciuti Massimiliano Doda, autore al 19° della prima rete, ma soprattutto Danilo Ambro, che appena entrato al 69° ha segnato la seconda rete su colpo di testa scaturito da un calcio d’angolo battuto dal francese Malaury Martin, altro giocatore impeccabile. Bravi anche Alessandro Martinelli, la conferma Erdis Kraja e il solito Mario Santana, ma anche tutti gli altri non hanno sfigurato. Il Roccella a inizio del secondo tempo ha sfiorato il goal in più occasioni, bravo Alberto Pelagotti e la nostra attenta difesa che non hanno permesso agli avversari di andare in rete. Ma che brivido al 56° palla che attraversa tutta l’area della porta appena un pelo fuori.  

Continuano le disavventura per seguire in video la partita, il portatile appena acquistato non riusciva a collegarsi, allora chiudo la connessione e provo ad accedere tramite l’app sullo smartphone, mi connetto ma dopo qualche minuto blackout. Boh! “Ritento”, mi dico “questa volta sarò più fortunato”, riaccedo, la connessione va, ma ancora una volta sparisce tutto dopo qualche minuto. Imperterrito riprovo, questa volta tutto ok, seguo la partita per un bel po’ e mi godo il primo goal del Palermo. Poi, considerato che guardare la tv è sempre meglio di un piccolo display ci provo col nuovo televisore ma non va nulla e penso che qualcuno non vuol farmi godere la mia squadra. Solo allo scadere del primo tempo riesco a collegarmi e vedere la partita con la tv. Mi sono fatto l’applauso da solo ed ho esclamato “bravo Peppino”.

Ch’è bello potere seguire il secondo tempo bello spaparanzato sul mio divano preferito, anche se preferisco andare allo stadio. L’unica pecca riscontrata dalla visione televisiva è che nella parte del campo in ombra le magliette delle due squadre sembravano dello stesso colore, scure, l’una quella del Roccella era amaranto, nera quella del Palermo, quindi all’ombra sembravano uguali, pazienza una piccola pecca ci può stare.

Questa settimana ho chiesto un po’ in giro, ad amici e colleghi cosa ne pensassero del nuovo Palermo, diciamo che l’opinione più diffusa e che a questa squadra ancora manchi qualcosa. “Cosa” ho chiesto io, chi diceva un attaccante di peso, chi lo stesso allenatore. Io ho risposto a tutti, “ragazzi e solo da un mese che questa squadra si è formata, date tempo al tempo e poi alla lunga vedrete che tutto andrà per il meglio. Personalmente ci credo e credo pure in questa nuova proprietà che sono sicuro farà bene.

Prossimo appuntamento, domenica prossima al Renzo Barbera contro il Marina di Ragusa.

Forza Palermo sempre e comunque, basta crederci, e io ci credo.

Print Friendly, PDF & Email