martedì, 29 Novembre 2022
spot_img
HomeculturaA Palermo approda il Progetto Itaca del Teatro Biondo con l'assessorato alle...

A Palermo approda il Progetto Itaca del Teatro Biondo con l’assessorato alle Culture del Comune

Dopo il successo ottenuto alla Casa Museo del Costume Teatrale di Brancaccio, lo spettacolo viene riproposto nella Sala Strehler del Teatro Biondo dal 23 al 27 novembre

Prende il via nel quartiere Brancaccio di Palermo il Progetto Itaca, che il Teatro Biondo
diretto da Pamela Villoresi realizza con la collaborazione dell’Assessorato alle Culture del
Comune di Palermo grazie ai fondi previsti dal bando per le periferie urbane lanciato dal
Ministero della Cultura (MiC).
Il progetto si articolerà in tre “azioni”, che culmineranno nella messa in scena di uno
spettacolo, frutto di un articolato confronto con gli abitanti di un quartiere simbolo di Palermo in via di riqualificazione.
La prima azione, che si svolgerà dal 15 al 30 settembre, prevede un Laboratorio teatrale con gli allievi attori del DanisinniLab condotto da Gigi Borruso con la collaborazione di
Stefania Blandeburgo e gli interventi della regista Emanuela Giordano e delle attrici
Mascia Musy e Pamela Villoresi.
Saranno loro, con la collaborazione del Centro di Accoglienza Padre Nostro, a portare nelle
case, nelle associazioni, nei luoghi di incontro del quartiere di Brancaccio brevi performance
e letture sul mito di Ulisse, creando momenti volti alla ricerca di un rapporto intimo con lo
spettatore, per stimolare un confronto sulle diverse questioni simboliche e sociali suggerite
dall’eroe dell’epica greca e ancora attuali.
Durante questa fase saranno raccolte le impressioni e i racconti degli abitanti di Brancaccio,
coinvolti dunque in prima persona, che diventeranno materiale prezioso per la realizzazione
dello spettacolo previsto a conclusione del progetto.
Nello stesso arco temporale si svolgerà, presso la Casa Museo del Costume Teatrale di
Palazzo Chiazzese (vicolo Chiazzese, 10) – un gioiello di storia e cultura del XVII secolo nel
cuore di Brancaccio – la seconda azione, ovvero il Laboratorio di scenografia diretto da
Valentina Console e il Laboratorio di sartoria diretto da Francesca Pipi.
Le attività saranno aperte agli abitanti del quartiere e finalizzate alla realizzazione di scene e costumi per la rappresentazione dello spettacolo previsto nella terza azione del progetto, con la prospettiva di gettare le basi per la creazione di una sartoria teatrale nel territorio, che avrà la sua sede naturale proprio nella Casa Museo.Infine, la terza azione, dal 4 al 29 ottobre, comprenderà un’ulteriore fase laboratoriale per lo sviluppo drammaturgico del progetto, le prove, l’allestimento e il debutto dello spettacolo, che si potrà vedere giovedì 27 ottobre con repliche il 28 e 29 in uno spazio simbolico del quartiere.
Il Progetto Itaca rappresenta per il Teatro Biondo, oltre ad un momento di confronto concreto con una periferia urbana della città metropolitana di Palermo, un ulteriore tassello di intervento culturale e civile in un quartiere complesso e in via di rinascita come Brancaccio, dopo il progetto Biondaccio realizzato nel 2019.

IL PROGRAMMA A BRANCACCIO

Giovedì 22 settembre, alle ore 17.00, nel parco giochi del cortile Tortorici, Pamela Villoresi
rivolgerà un saluto ai residenti e aprirà formalmente i lavori. Saranno presenti anche gli allievi attori del DanisinniLab guidati da Gigi Borruso, Stefania Blandeburgo e Mario Bajardi.

Sabato 24 settembre, alle ore 17.30, all’ex passaggio a livello di Brancaccio, con la
collaborazione del Centro di Accoglienza Padre Nostro, gli allievi attori del DanisinniLab
presenteranno tre brevi performance scritte da Gigi Borruso.
Ispirati al viaggio di Odisseo e ad alcuni personaggi del racconto, questi primi momenti di
teatro serviranno a raccogliere i materiali per la realizzazione dello spettacolo che chiuderà il progetto. Pamela Villoresi, inoltre, leggerà il XXVI Canto della Divina Commedia, il “Canto
di Ulisse”.

Si intitola “Itaca – Dove tutti i sentieri s’incontrano” lo spettacolo di Gigi Borruso che
completa il progetto vincitore del bando per le periferie urbane lanciato dal Ministero della
Cultura (MiC), con la collaborazione dell’Assessorato alle Culture del Comune di
Palermo, e realizzato nel quartiere Brancaccio dal Teatro Biondo di Palermo diretto da
Pamela Villoresi.
Il debutto è previsto per giovedì 27 ottobre alle ore 19.00 alla Casa Museo del Costume
Teatrale (vicolo Chiazzese, 10).
Lo spettacolo sarà riproposto, fino a sabato 29 ottobre, quattro volte al giorno alle ore 19.00 – 19.40 – 20.20 – 21.00. L’ingresso sarà consentito solo a 20 spettatori alla volta, previa prenotazione da inviare tramite WhatsApp al seguente numero: 3351432488.

Giovedì 29 settembre alle 17.30, nel cortile Chiazzese, davanti alla Casa Museo del
Costume Teatrale, dove è in corso il Laboratorio di scenografia diretto da Valentina
Console e il Laboratorio di sartoria diretto da Francesca Pipi, gli attori proporranno altri
racconti e performance.

Dal 4 al 29 ottobre, infine, avrà luogo un’ulteriore fase laboratoriale per lo sviluppo
drammaturgico del progetto, le prove, l’allestimento e il debutto dello spettacolo, che si potrà vedere giovedì 27 ottobre con repliche il 28 e 29 in uno spazio simbolico del quartiere.

Itaca – Dove tutti i sentieri s’incontrano” lo spettacolo di Gigi Borruso, progetto
vincitore del bando per le periferie urbane lanciato dal Ministero della Cultura (MiC) con la
collaborazione dell’Assessorato alle Culture del Comune di Palermo, ha preso corpo nel
quartiere Brancaccio dal Teatro Biondo di Palermo.
Dopo il successo ottenuto alla Casa Museo del Costume Teatrale di Brancaccio, lo spettacolo viene riproposto nella Sala Strehler del Teatro Biondo dal 23 al 27 novembre.
Il testo originale di Gigi Borruso intreccia i racconti, in prima persona, di alcuni personaggi
dell’Odissea con le suggestioni e le parole raccolte tra gli abitanti di Brancaccio, che hanno
assistito alle performance e alle letture sul mito, portate per le strade del quartiere durante la prima fase del progetto. La rappresentazione è stata concepita come metafora del viaggio intrapreso da Odisseo e dai diversi personaggi del poema omerico: il cantore cieco Demòdoco, Euriclea, la nutrice di Odisseo, Penelope, Circe, Calipso, le Sirene e infine Odisseo e alcuni suoi compagni di viaggio.
In scena gli attori Stefania Blandeburgo e Giuseppe La Licata e gli allievi attori del
DanisinniLab diretto da Gigi Borruso: Dino Bentivegna, Fabio Bonaccorso, Francesco
Cammarata, Nadia Conti, Valeria D’Aquila, Paola Minasola, Joshua O’Neill, Lucrezia
Orlando, Maria Piraino, Tamara Trovato, Barbara Tuttoilmondo, Manuela Tuzzolino.
I residenti del quartiere hanno partecipato al laboratorio scenografico diretto da Valentina
Console e al laboratorio di sartoria condotto da Francesca Pipi, realizzando scene e costumi
per lo spettacolo in un’atmosfera di condivisione e confronto sulle le tematiche sociali del
racconto, che si sono rivelate ancora attuali.
Le musiche originali di Mario Bajardi sono eseguite dal vivo dall’autore.
La rappresentazione è intervallata da un video di Rossella Puccio realizzato durante le
diverse fasi del progetto.
Itaca prende spunto dai racconti della gente del quartiere per attualizzare l’Odissea di Omero, che diventa metafora di una condizione esistenziale travagliata ma che si carica di speranza.

Teatro Biondo Palermo, Sala Strehler

mercoledì 23 novembre ore 21:00 – giovedì 24 ore 10:00 e ore 21:00 – venerdì 25 ore 21:00 – sabato 26 ore 17:00 – domenica 27 ore 20:00.
Posto unico 7 euro, ridotto 5 euro.


CORRELATI

Ultimi inseriti