Beni culturali, recuperati reperti archeologici detenuti illegalmente a Santa Flavia

SANTA FLAVIA RECUPERO ANFORE
SANTA FLAVIA RECUPERO ANFORE

Preziosi reperti archeologici databili, ad una prima analisi, tra il I e il III secolo a.C. illecitamente detenuti nelle abitazioni di privati a Santa Flavia sono stati affidati in custodia alla struttura museale del parco archeologico Hymera, Solunto e Jato.

Le cinque anfore in terracotta e i frammenti di anfore di grande interesse storico-artistico secondo le prime dichiarazioni, sembrano essere stati rinvenuti sul fondale marino nel corso di una battuta di pesca.

L’operazione di recupero è stata compiuta dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria, con la collaborazione del nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Palermo, che hanno recuperato i beni.

Grazie all’azione di contrasto dei Carabinieri che hanno agito attraverso il Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale – ha dichiarato l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – sono stati recuperati preziosi reperti archeologici. È attraverso l’opera di contrasto quotidiano svolta con efficacia di strumenti ed interventi mirati, che abbiamo possibilità di arginare l’allarmante fenomeno della depauperazione del nostro territorio”.