Automobilismo. L’impegno della Giarre Corse dà i sui frutti: in 212 per la 21^ edizione della crono

Giarre (Ct) 19.06.2019 – Ha dato i suoi frutti, in funzione della imminente 21^ edizione della crono Giarre-Montesalice-Milo, così come accennato nel titolo del nostro articolo, l’impegno svolto in oltre due mesi di lavoro sul campo, mediante il rifacimento di parte del manto stradale, l’estirpazione di sterpaglie infestanti, oltre la pulizia della cunette e della zona spettatori e paddock, svolto dalla Giarre Corse guidata dal presidente e pilota Orazio Maccarrone, organizzatore dell’evento, in simbiosi con l’ACI Acireale capitanato da Angelo Pennisi e così, ben 212 piloti provenienti da tutta la Sicilia ma anche da altre Regioni del Centro-Sud Italia e qualcuno addirittura da Malta, hanno risposto positivamente all’appello. 

Tra le vetture storiche partecipanti al Campionato Siciliano Velocità Salita, si sfideranno 42 driver, tra queste vetture d’annata che comunque calamitano sempre l’attenzione del pubblico, favorito della viglia appare il marinese Ciro Barbaccia (ASPAS), al volante della splendida Stenger BMW. Ad insidiargli il primato ci sarà suo figlio Andrea (ASPAS) con la Paganaucci BMW, Antonio Piazza (Armanno Corse) con la Lucchini SP90 e Salvatore Caristi (Phoenix) con la Fiat 128 Silhouette. Atteso al rientro, dopo l’intervento effettuato a Catania dal Chirurgo Vascolare Antonino Scolaro, anche Natale Giordano (AC Festina lente), con la Fiat X1/9 da lui stesso preparata e curata nella meccanica.

Sarà battaglia serrata anche tra le ben 170 vetture iscritte tra le moderne che si sfideranno nella gara valida per il T.I.V.M. (Trofeo Italiano Velocità Montagna) e per il Campionato Siciliano Velocità Salita. Mancando piloti del calibro di Domenico Cubeda (Cubeda Corse), mattatore delle ultime quattro edizioni della sua tanto amata gara ed anche Rocco Aiuto (AC Festina lente) che nelle ultime uscite, prima della “toccata” di Cefalù, aveva ancora una volta dimostrato di poter competere per le posizioni che contano, si liberano spazi per altri piloti emergenti.

I favoriti della vigilia, così come nel caso dei Barbaccia tra le storiche, sembrano essere Samuele Cassibba (Catania Corse) con la Osella PA 21 Jr e suo padre Giovanni (Catania Corse), veterano sempre in auge, con la Osella FA 30, poi i formalisti Fortunato Scravaglieri (Catania Corse) con la F. Renault, Giovanni Carfì (MT Nisseno) con la Tatuus F. Renault, lo stesso organizzatore Orazio Maccarrone (Giarre Corse) con la F.Gloria PC07, Franco Caruso (Ateneo) con la F. Gloria PC08, Rosario Milano (Giarre Corse) con la Reynard, e poi, Angelo Bonforte (Ateneo) con la Osella PA20, il trapanese Andrea Raiti (Trapani Corse) con la Osella PA 21, Santo Ferraro (MT Nisseno) con la Osella PA 20 S, Luca Caruso (Ateneo) con la Osella PA 2000; ed aggiungeremmo anche il locale Giovanni Puglisi (Giarre Corse) con la Radical Prosport Suzuki e persino il palermitano Ninni Rotolo (Project Team) con la Osella PA 21 Jr.

Sarà spettacolo anche per il pubblico che, nonostante le ristrettezze giustamente volute dal Prefetto di Catania ed implacabilmente eseguite, come sempre, dai Carabinieri di Giarre e Milo, accorrerà, di certo, entusiasticamente numeroso.

Nel frattempo, a conferma della bontà delle gare su strada ed in particolare delle cronoscalata, le attività alberghiere e culinarie della zona, fanno registrare, per la gioia dei commercianti e dei sindaci, il tutto esaurito.

La manifestazione inizierà con le verifiche tecnico/sportive che si svolgeranno nei locali della Caltabiano Auto, dalle 14.30 alle 20.30 e proseguiranno con le prove cronometrate del sabato, a partire della 9, medesimo orario verrà osservato per le due manche di gara che si effettueranno domenica 23. 

La gara verrà diretta da Lucio Bonasera, coadiuvato da Fabrizio Fioravante Perri.

Print Friendly, PDF & Email