Automobilismo: Giuseppe Castiglione vince anche a Torregrotta. Paura per Antonio Di Matteo

Torregrotta (Me) 30.01.2018 – Giuseppe Castiglione (Armanno Corse), su Radical SR4, ha vinto anche il 23° auto slalom Torregrotta-Roccavaldina, terza prova del Campionato Siciliano e gara di apertura della specialità dall’ACI Sport classificata come “abilità alla guida”.

Una giornata dal clima pressoché estivo, ha accompagnato la manifestazione sportiva svoltasi ieri, alla quale il pubblico è accorso come sempre numeroso, contribuendo così, in maniera determinante, a far affermare uno spettacolo che di anno in anno cresce in maniera esponenziale.

Decisiva la 3^ manche di gara, nella quale Il trapanese Girolamo Ingardia (Trapani Corse) ha realizzato il miglior tempo della giornata in 2’36”11, tempo che non gli  ha comunque consentito di agguantare la vittoria a causa di un contatto con un birillo. Dal suo canto, Giuseppe Castiglione, Campione Regionale in carica, ha fatto sua la vittoria, grazie ad un ritmo di gara accorto e senza sbavature, tanto da sopperire alle difficoltà dell’insidioso fondo. Terza piazza, dunque, con primato tra i piloti di casa Emauele Schillace (TM Racing), anche lui su Radical. Salvatore Venanzio (Scuderia Vesuvio), dopo l’intervento sulla Radical SR4 conseguente ad un contatto nella prima salita, ha sferrato l’attacco nella 2^ e nella 3^ manche, chiudendo sotto al podio, accumulando preziosi punti, un funzione del tricolori.

Fabio Emanuele (Campobasso Corse), Campione Italiano in carica, presentatosi alla guida della rivisitata ed aggiornata Osella PA 9/90 – Alfa Romeo con il cambio la volante, ha preferito adeguarsi perfettamente alla rinnovata biposto e si è accontentato della quinta piazza. Solo sesto il busetano Giuseppe Gulotta (Trapani Corse), ancora alla prese con l’assuefazione con la rinnovata Radical SR4 Suzuki. Settimo Luigi Vinaccia (Campobasso Corse) con la fida Osella PA9/90, non ancora aggiornata come quella dell’amico Emanuele.

Unica nota stonata, l’addir poco empirico intervento di due Commissari di Percorso, i quali, trovatisi all’improvviso  a dover fronteggiare le fiamme della F. Gloria di Antonio Di Matteo (TM Racing), incendiati per un banale corto circuito, sono andati nel panico: il primo Commissario non ha saputo azionare l’estintore in dotazione, tanto che gli è stato strappato dalle mani da uno spettatore che lo ha fatto perfettamente funzionare salvando così la vettura ed il secondo, invece, ha spruzzato la schiuma sopra la monoposto e non sotto e da una distanza di parecchi metri. Un intervento che è stato fotografato e filmato e che deve far riflettere, chi di dovere, sulla formazione di alcuni, non tutti per fortuna, Commissari.

Archiviata questa riuscitissima 23^ edizione dello slalom Torregrotta-Roccavoladina, il Gianfranco Cunico Club che l’organizza in collaborazione con l’ACI Messina, guarda con fiducia al futuro e si proietta, forte della collaborazione dei Comuni di Torregrotta e Roccavaldina, verso l’edizione del prossimo anno.