“Anna” – La Bottega di Mastro Porpora, al Museo delle marionette per la rassegna “Teatro al Museo”

Anna - ph maria giulia mancuso prizzitano
Anna - ph maria giulia mancuso prizzitano

Domenica 7 gennaio alle ore 17.30 presso il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino andrà in scena “Anna” della giovane compagnia di teatro La bottega di Mastro Porpora (Enna).
Lo spettacolo, selezionato dal Premio Scenario 2017 e presentato in prima nazionale, è la storia di un viaggio metamorfico popolato da mostri che si esprimono in metro e in rima, durante il quale però una sorta di Grillo parlante insegnerà ad Anna, e agli spettatori,  a scovare delle torce sempre più grandi e chiare, che faranno luce sulle inquietudini di ognuno di noi, spegnendole.

Anna ha circa dodici anni, dorme fra le braccia della madre, all’interno di un perimetro segnato sul pavimento, al buio. Fuori dal perimetro, una figura maschile la illumina con una torcia, e guida la bambina mediante un indicatore-laser, una specie di Grillo Parlante che dice cose, usa parole Grandi. Al suo risveglio, Anna comincia il suo viaggio metamorfico popolato da mostri impersonati dalla Madre che si esprimono in metro e in rima, trovando, spesso su indicazione del Grillo, diversi tipi di torce sempre più grandi e chiare, facendo – appunto – luce sulle proprie inquietudini. Anna decide infine di reagire esprimendo alla madre il groppo che ha tenuto in gola.

La personificazione delle emozioni nella mente del bambino è un processo del tutto naturale: nel nostro caso si tratta della sublimazione del rapporto con l’adulto e la sua sperimentazione nell’ambiente neutro del sogno e dell’invenzione; nel caso particolare di Anna, è la possibilità quindi di sperimentarlo in tutte le sue sfaccettature senza pericolo. Ma l’adulto non deve temere, a sua volta, di essere visto come un mostro: è funzionale alla crescita. È proprio quando l’adulto ne ha paura che egli si materializza nella vita reale del figlio come ostile. Fuori dal perimetro della relazione sta il Terzo, l’adulto, che come un Grillo Parlante riflette sul gioco che osserva, e tenta di guidare la bambina verso la comprensione (intesa come “accoglimento”) di quello che la potrebbe terrorizzare da dentro. L’intento dello spettacolo è di legittimare quel gioco in un contesto, come quello del teatro, che costringa la Paura, per una volta, a stare a guardare.

Con Sergio Beercock, Noa Di Venti, Greta Gardali. Selezione Scenario Infanzia 2017

La Bottega di Mastro Porpora, diretta da Sergio Beercock e Noa Di Venti, è composta da membri giovanissimi che hanno studiato sin da piccoli con noti maestri fra i quali: Eugenio Barba, Mimmo Cuticchio, Giuseppe Cutino, Francesco Agnello (Peter Brook), Teatrialchemici, Armando Punzo, Tino Caspanello. Produce spettacoli dal 2011 e si avvale periodicamente della consulenza teorica di alcuni analisti del Centro Martha Harris di Palermo (modello Tavistock), intrattenendovi collaborazioni mirate alla ricerca nell’ambito dell’infanzia. Organizza periodicamente laboratori di studio collettivo con musicisti e attori.

_______________

ABBONAMENTO

8 spettacoli €50,00

BIGLIETTI

Intero €10,00

Ridotto (studenti) €8,00

BIGLIETTERIA

da martedìa sabato ore 10.00 – 18.00

domenica e lunedì ore 10.00-14.00

e a partire da 1 ora prima dell’inizio dello spettacolo

BIGLIETTERIA ON LINE: Tafter

Il biglietto include la visita al Museo

È possibile acquistare l’abbonamento e i singoli biglietti con la Carta del Docente

 

Piazzetta Antonio Pasqualino, 5

  1. 091 328060

mimap@museomarionettepalermo.it

www.museodellemarionette.it

Print Friendly, PDF & Email