Almaviva. Accordo raggiunto, trasferimenti annullati, i lavoratori restano a Palermo

Palermo, 18.01.2017 – Oggi i lavoratori palermitani di Almaviva che rischiavano il trasferimento a Rende, hanno potuto tirare un sospiro di sollievo dopo la notizia dell’accordo, ad integrazione di quello sottoscritto a novembre scorso, siglato al ministero dello Sviluppo economico alla presenza del vice ministro Teresa Bellanova, dei segretari nazionali e provinciali dei sindacati e delle aziende Almaviva Contact ed Exprivia.

L’accordo prevede l’assunzione da parte di Exprivia, la società di Molfetta che si è aggiudicata la commessa Enel, di ulteriori trenta lavoratori per la gestione della commessa stessa. A essere trasferiti saranno 12 lavoratori full time (8 ore), 15 part time al 75% (6 ore) e 3 part time al 50% (4 ore). Le proposte di passaggio verranno formalizzate entro il prossimo 20 gennaio e i lavoratori potranno accettarle entro il 23 gennaio per poi prendere servizio il 1° febbraio.

Giovanni Gorgone . Rsu Fistel Cisl Palermo Trapani

A esprimere compiacimento per l’accordo raggiunto è Giovanni Gorgone Rsu Fistel Cisl che, all’uscita del ministero al GCPress, ha dichiarato: “Siamo contenti che sia prevalsa la salvaguardia del posto di lavoro e che Almaviva ed Exprivia abbiano fatto un passo indietro accogliendo le nostre proposte e mettendo, così, la parola fine al calvario a cui sono stati sottoposti in questi mesi i nostri colleghi. Adesso bisogna attendere solo la ratifica del passaggio che avverrà entro due settimane. I rimanenti lavoratori che non passeranno in Exprivia, rimarranno in Almaviva a Palermo. Dobbiamo sottolineare il forte impegno oltre che della ministra Bellanova, anche dell’amministrazione comunale palermitana con a capo il Sindaco Orlando e l’assessora Marano che hanno seguito in prima persona la trattativa imprimendo alla stessa una forte accellerazione per la positiva soluzione“.

Siamo molto contenti del raggiungimento di questa intesa – ha commentato il sindaco Leoluca Orlando -. L’amministrazione comunale ha costantemente seguito la situazione per scongiurare che tante lavoratrici e lavoratori vedessero una così pesante penalizzazione della propria condizione con un trasferimento forzato presso altra sede. Per loro c’è ora la possibilità di guardare al futuro con maggiore serenità. Un risultato che dopo tanti mesi chiude in modo positivo una lunga vicenda che ha tenuto col fiato sospeso migliaia di lavoratori e famiglie nella nostra città“.

Per l’Assessora Giovanna Marano, si tratta di “una grande notizia che apre la strada affinchè Palermo diventi anche capitale italiana dei call center”.

Print Friendly, PDF & Email