Alimentazione in estate. Cosa mangiare quando fa caldo

La bella stagione finalmente è arrivata. Le temperature hanno toccato più di 35° . Naturalmente bagnarsi è la soluzione più efficace oltre che più soddisfacente, però anche grazie al cibo si può aiutare il nostro corpo a sopportare il caldo.

Gli esperti ci consigliano di preferire sempre la prima colazione agli altri pasti quotidiani, aumentare il consumo di verdura fresca, frutta e yogurt, consumare il sale iodato e bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, con un occhio sempre vigile alla corretta conservazione degli alimenti.

Ecco i consigli:

  1. Aumentare il consumo di frutta e verdura di stagione e yogurt (senza zuccheri aggiunti), ma non trascurare la frutta secca (mandorle, noci…) ricca di grassi “buoni”, minerali e fibre, senza ovviamente esagerare, perché ricca di calorie
  2. Preparare i piatti con fantasia, variando gli alimenti anche nei colori, dati dalle sostanze ad azione antiossidante (vitamine, polifenoli…)
  3. Moderare il consumo di piatti elaborati e ricchi di grassi, meglio condire con olio d’oliva a crudo
  4. Privilegiare cibi freschi, facilmente digeribili e ricchi di acqua e completare il pasto con la frutta, regola da seguire quando si consuma “al sacco”, non esagerando con gli spuntini salati o zuccherati
  5. Consumare un gelato o un frullato può essere un’alternativa al pasto di metà giornata
  6. Evitare pasti completi con primo, secondo e contorno quando, durante soggiorni in albergo o in viaggio, è più facile che si consumi al ristorante sia il pranzo che la cena. Optare quindi in una delle due occasioni per piatti unici bilanciati: alcuni degli abbinamenti possibili sono pasta con legumi e/o verdure, carne/pesce/uova con verdure
  7. Consumare poco sale e preferire sale iodato, ne bastano 5 grammi, e per gli ipertesi può essere utile consumare sale iposodico o asodico
  8. Rispettare le modalità di conservazione degli alimenti, mantenere la catena del freddo e ricordare che cibi conservati a lungo in frigorifero rischiano un peggioramento nutrizionale e una contaminazione da microrganismi
  9. Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, moderare il consumo di bevande con zuccheri aggiunti e limitare il consumo di bevande moderatamente alcoliche come vino e birra, evitare le bevande ad alto contenuto di alcol.