Al via al Concorso scuola 2016. Pubblicato il calendario delle prove scritte

L’attesa è terminata. Oggi pomeriggio sono state pubblicate nella Gazzetta Ufficiale le date in cui si terranno le prove scritte del Concorso a cattedra 2016.

Le prove scritte, 93 in tutto considerati gli accorpamenti per ambiti di alcune classi di concorso, prenderanno il via giovedì 28 aprile e termineranno il  31 maggio .

Nonostante le problematicità e le tribolazioni delle ultime settimane, a partire dalla ricerca dei commissari, le previsioni sono state rispettate: i primi in assoluto che si cimenteranno a svolgere la prova scritta a computer based saranno i professori di storia dell’arte, scienze agrarie, tecnologie nautiche e design del libro, si entrerà nel vivo degli scritti soltanto a partire dal 2 maggio, quando saranno chiamati all’appello tutti i candidati delle discipline letterarie alle medie e ai licei, una fetta consistente dei 165mila iscritti.

I primi test per il sostegno sono in programma invece il 6 maggio per la scuola primaria, l’11 per l’infanzia, il 23 per le medie e il 25 per le superiori. Chiudono il 30 e il 31 maggio i maestri di infanzia e primaria posto comune, con quasi 100 mila partecipanti.

Le prove si svolgeranno tutto il mese per permettere ai docenti di partecipare su più classi senza sovrapposizioni (anche se questo complicherà le attività didattiche per un arco di tempo più lungo, e i docenti che proveranno il concorso fuori Regione avranno difficoltà ad organizzarsi). Il calendario completo è consultabile sul sito del Miur, le sedi saranno presto comunicate dai singoli Uffici regionali.

Gli elenchi saranno pubblicati gradualmente e comunque almeno 15 giorni prima dello svolgimento dello scritto. Le domande di partecipazione al concorso si sono chiuse lo scorso 30 marzo. Sono 165.578 le istanze pervenute.

Le prove scritte avranno una durata di 150 minuti, saranno computer based (il candidato legge­rà i quesiti e risponderà agli stessi attraverso una piattaforma online) e ci saranno due turni per ogni giorno di prova, mattino e pomeriggio.

Sono previste 8 domande sulla materia di insegna­mento di cui 2 in lingua straniera (inglese, france­se, tedesco o spagnolo, obbligatoriamente l’in­glese per la primaria). Sei quesiti saranno a ri­sposta aperta ( di carattere metodologico e non no­zionistico) e 2 ( quelli in lingua) a risposta chiusa. Per le risposte in lingua il candidato dovrà dimo­strare di avere un livello di competenza pari alme­no al livello B2.

Tutti i partecipanti che dovranno effettuare il concorso nelle sessioni mattutine dovranno presentarsi entro le ore 8 per avviare le operazioni di riconoscimento, chi invece dovrà sostenere le prove nel pomeriggio deve presentarsi entro le ore 14.

I candidati, ricorda il Miur, dovranno essere muniti di documento di riconoscimento, codice fiscale e copia della ricevuta di versamento dei diritti di segreteria e non potranno tenere con loro telefoni, smartphone, tablet e qualsiasi altro strumento idoneo alla trasmissione o conservazione di dati.

E allora non ci resta che fare un grosso in bocca al lupo a tutti i docenti.

Print Friendly, PDF & Email