giovedì, 23 Marzo 2023
spot_img
HomeculturaA PALERMO “UNA MOSTRA LUNGA TRENT’ANNI”

A PALERMO “UNA MOSTRA LUNGA TRENT’ANNI”

Fino al 31 dicembre 2013 è possibile visitare presso la Galleria Studio 71 Via Fuxa n. 9, Palermo la collettiva di opere d’arte: “Una mostra lunga trent’anni”.

Trent’anni fa, ed esattamente nel mese di novembre 1983, iniziava in Via Terrasanta l’avventura della Galleria d’arte Studio 71. Tra le mostre più significative di quegli anni si ricordano: “Dall’entroterra alla Costa” di Giuseppe Uzzaco alla Palazzina Cinese di Palermo e una inedita mostra sempre dello stesso artista dal titolo: “Fantasmagorie degli anni ‘80”. Le mostre collettive “Dimensione 2” e “Donna è …”, le mostre personali di Franco Lo Cascio a Isola delle Femmine e di Ezio Farinelli oltre che l’inizio del “Premio Fimis” Una rassegna che ebbe un notevolissimo successo con presenze di artisti e critici d’arte di grande prestigio nazionale tanto da meritare l’apprezzamento dell’allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Nel 1988 si trasferisce nell’attuale sede di Via Fuxa n. 9 a Palermo. È di quell’anno l’acquisto del piccolo arazzo di Alighiero Boetti “Millenovecentoottantotto”, a suggello di tale importante nuova fase. La galleria, nel corso della sua attività, ha concretizzato ogni tipo di evento connesso all’arte senza pregiudizi di sorta.
Durante questi anni sono state realizzate oltre 300 mostre tra personali e collettive e poi simposi, rassegne, full immersion, proiezioni, presentazione di libri etc.
Nella ricorrenza del trentesimo anno di attività, dal 6 al 31 dicembre 2013, la Galleria Studio 71 presenta al pubblico parte della collezione di opere di artisti italiani del Novecento composta sia da opere provenienti da privati che da opere della galleria.
Renato Guttuso, Aldo Turchiaro, Remo Brindisi, Paolo Schiavocampo, Pupino Samonà, Antonio Carena, Antonio Corpora, Bruno Caruso, Mino Maccari, Turi Sottile, Salvatore Provino, Mario Moretti, Franco Mulas, Jean Mario Berti, Enrico Benaglia, Paolo Malfanti, Aurelio Caruso, Mario Schifano, Franco Angeli, Ugo Attardi, Franco Murer, Alighiero Boetti, Ibrahim Kodra sono tra i principali artisti che potranno essere ammirati. Molti di loro sono stati compagni di viaggio, a volte per un periodo breve a volte più lungo. Con loro spesso è stato realizzato un percorso creativo come nel caso degli artisti: Antonella Affronti, Alessandro Monti, Antonino G. Perricone, Franco Nocera, Nino La Barbera, TrapaniCalabretta, Togo, Pippo Gambino, Tiziana Viola Massa, solo per citare alcuni e i fotografi Malena Mazza, Maria Pia Lo Verso (alla quale è stata consegnata la medaglia della presidenza della Repubblica Italiana in occasione della mostra il “Giardino degli Angeli”) Eva La Malfa ed Elsa Mezzano, esaltanti momenti di condivisione di temi e problematiche legate al mondo dell’arte e della fotografia.
La rassegna è promossa per dare l’opportunità ai visitatori di conoscere una parte della micro storia dei luoghi d’arte privati della città di Palermo la quale soffre l’indolenza verso questo comparto delle pubbliche amministrazioni oltre che di una crisi economica che ha toccato fondamentalmente il settore delle arti visive colpendolo a morte.
Difficile pensare ad una ripresa di questo settore senza l’aiuto e il supporto dell’intervento pubblico, ma anche di chi ha una reale disponibilità di investimento decidendo di finanziare questo comparto che sembra abbia ridotto notevolmente le pretese di molti artisti dimezzandone i prezzi a pubblico.

Abbiamo avuto modo di verificare come in questi ultimi anni sono diminuite notevolmente le presenze del pubblico nelle gallerie sia di collezionisti che di appassionati d’arte non tanto perché vi è una disaffezione nei confronti delle mostre e degli autori al contrario, ma vi è un reale timore di essere colpiti dalla smania di volere comprare qualcosa.
Rimane un aspetto inquietante di questo fenomeno della contrazione del mercato dell’arte contemporanea; mentre nel passato le crisi economiche sembrava che dovessero pagarla solo gli artisti e le gallerie del sud Italia lasciando che il resto della nazione viaggiasse verso territori meno impervi, oggi il problema non solo è nazionale ma è anche europeo se restiamo nell’ambito oscillante dai 1.000 e i 20.000 €, una fascia di mercato che sembra essere scomparsa.
La galleria è aperta dalle 16.30 alle 19.30 tutti i giorni tranne il 25 e 26 dicembre 2013

sicilia informazione

CORRELATI

Ultimi inseriti