Una Luce Nel Muro Dell’Oscurità: un cortometraggio per raccontare e riflettere sul valore della vecchiaia

, Facendo scivolare il tempo tra le dita. Un progetto filmico che parla al cuore di chi sa ascoltare.

Locandina: Una luce nel muro dell'oscurità - Un film di Piero Melissano in collaborazione con Jack Gallo
Una luce nel muro dell'oscurità - Un film di Piero Melissano in collaborazione con Jack Gallo
Francesca Currieri – autrice del soggetto e della sceneggiatura del cortometraggio

Non sempre è possibile vivere la vecchiaia in modo sereno e soddisfacente, attorniata dall’affetto dei propri cari. Comprendere il valore del tempo che avanza, capire come poter conciliare i propri bisogni, con i bisogni degli altri, vuol dire, amarsi ed amare.  La memoria di cui l’anziano è  portatore, non può e non deve disperdersi, sotto il vento del maestrale. La vecchiaia è un patrimonio di inestimabile valore, un testamento che, deve essere tramandato, alle nuove generazioni, per poter costruire insieme, un mondo più umano e più solidale. Raccontare, vicende di vita vissuta, facendo scivolare i vari momenti tra le dita, vuol dire prendere coscienza che, il fluire del tempo, ridisegna un fase della vita, da vivere in modo esclusivo e speciale.

“Una luce nel muro dell’oscurità” è l’occasione per raccontare frammenti di una storia individuale, con l’obiettivo di lanciare un messaggio collettivo. La realizzazione del corto, è uno strumento, attraverso il quale, poter raccontare la solitudine  che, spesso, fa da sottofondo alla quotidianità di tanti anziani. Ho voluto raccontare una storia, che rappresenta il bivio di una esistenza, vissuta tra dolcezza e malinconia, tra gioia e dolore. Una storia struggente, un dramma sociale che, racconta la emarginazione al femminile, una narrazione  che parla al cuore di chi sa ascoltare. 

Un mondo che prima appariva familiare, improvvisamente diventa incerto, insicuro, minaccioso. La terra sotto i piedi sparisce, tutto intorno è vuoto e buio. Il buio fa paura. Ed è proprio in quel momento che, la protagonista, come un albero inaridito, cerca una fonte d’acqua fresca, in grado di placare la sua sete. 

Se è pur vero che, la gioia e la felicità, appartengano alla giovinezza e che la tristezza e la solitudine, alla vecchiaia, è altrettanto vero che, la vecchiaia può essere vissuta come una opportunità, finalizzata a mettere a frutto le proprie esperienze e impiegare in modo nuovo, il proprio tempo. E come nelle favole a lieto fine, la protagonista, dopo tanti disordini, aridità ed emarginazione, trova un luogo, dove tutto ciò che viene seminato attecchisce. Dove poter stringere in un pugno l’umanità e l’umiltà.  Uno spazio dove il clima è mite ed è sempre primavera. 

In fondo, come diceva Lao Tze, “Quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo la chiama farfalla”.                                                        

Con la realizzazione del cortometraggio, prevista per la prima decade di agosto, daremo voce e corpo alla vecchiaia. Cercheremo di restituire dignità a una categoria, spesso dimenticata  e inascoltata.  Con i pennelli della solidarietà, daremo colore ad un mondo in bianco e nero. Anche nel buio dell’esistenza e nel deserto dell’indifferenza, può intravedersi una luce, quella della speranza. 

In una fase storica come quella che stiamo vivendo, occorre il contributo e l’impegno di tutti, per abbattere il muro dell’indifferenza e diffondere il profumo della solidarietà che, rappresenta una delle maggiori sfide della nostra società.  Un ringraziamento va al produttore Piero Melissano, a Jack Gallo e al regista Tony Paganelli, per aver creduto nel progetto. Un grazie al Comune di Maglie per la concessione del patrocinio, ai vertici della struttura R.S.S.A. “Linneo e Angelina Varese”, per aver condivisa l’idea. Un plauso a tutti gli attori che si alterneranno nel set, per la loro passione, professionalità,  armonia, socialità, abnegazione e impegno. Allo staff  giornalistico e al Giornale Cittadino Press, per la collaborazione. Un grazie per lo spazio e la disponibilità all’emittente televisiva Telejato

                                                                                                  

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030